La ciaramicola

La ciaramicola

Battere sei tuorli con 300 gr di zucchero, aggiungere 150 gr di burro ammorbidito a temperatura ambiente, 500 gr di farina, 100 gr di rhum e alchermes, 100 gr di mandorle tritate, la buccia grattugiata di un limone, cinque chiare montate a neve, una cartina di lievito da 1/2 kg. Mettere in uno stampo alto con il buco e ben imburrato. Cuocere in forno preriscaldato a 180° per 30-40 minuti. Ritirare dal forno.

Battere a neve ferma una o due chiare con un cucchiaio abbondante di zucchero vanigliato; cospargere con confettini colorati e rimettere in forno ancora caldo, ma spento, finchè la glassa non si è rappresa.

ciaramicola

Questa ricetta, arricchita delle mandorle tritate è una variante di questo dolce umbro tipico della Pasqua.

Si possono trovare altre ricette della ciaramicola: ricetta1ricetta2ricetta3

I numeri secondo Smilla

I numeri … secondo Smilla

Giovedi 22 Gennaio 2004 ore 18:54:29

………. Ripropongo questo vecchio articolo e attendo nuovi commenti mtb

Sai cosa c’è alla base della matematica? dico.
Alla base della matematica ci sono i numeri.

Se qualcuno mi chiedesse che cosa mi rende davvero felice, io risponderei:
i numeri.
La neve, il ghiaccio e i numeri.
E sai perché?

Perché il sistema numerico è come la vita umana. Per cominciare ci sono i numeri naturali. Sono quelli interi e positivi. I numeri del bambino. Ma la coscienza umana si espande. Il bambino scopre il desiderio, e sai qual è l’espressione matematica del desiderio?

Sono i numeri negativi. Quelli con cui si dà forma all’impressione che manchi qualcosa. Ma la coscienza si espande ancora, e cresce, e il bambino scopre gli spazi intermedi.

Fra le pietre, fra le parti del muschio sulle pietre, fra le persone.
E fra i numeri. Sai questo a cosa porta?
Alle frazioni.
I numeri interi più le frazioni danno i numeri razionali.
Ma la coscienza non si ferma lì.
Vuole superare la ragione.
Aggiunge un’operazione assurda come la radice quadrata.
E ottiene i numeri irrazionali.

Sono finita al centro della stanza per trovare posto.
E’ raro avere la possibilità di chiarirsi con un’altra persona. Di norma bisogna combattere per avere la parola.
Questo per me è molto importante.

Non finisce. Non finisce mai.Perché ora, su due piedi,espandiamo i numeri reali con quelli immaginari, radici quadrate di numeri negativi.
Sono numeri che non possiamo figurarci, numeri che la coscienza normale non può comprendere.
E quando aggiungiamo i numeri immaginari ai numeri reali abbiamo i sistemi numerici complessi.
Il primo sistema numerico all’interno del quale è possibile dare una spiegazione soddisfacente della formazione dei cristalli di ghiaccio.

E’ come un grande paesaggio aperto.

Gli orizzonti.
Ci si avvicina a essi e loro continuano a spostarsi.
E’ la Groenlandia ciò di cui non posso fare a meno!
E’ per questo che non voglio essere rinchiusa.

Peter Hoeg:
IL SENSO DI SMILLA PER LA NEVE

I miei studenti, e non solo, sanno quanto io ami questo brano…

Se qualcuno ne volesse vedere una mia “interpretazione” con Power Point, linki Suggestioni numeriche

Sempre con affetto mtb

I commenti all’articolo

 

 

per E&T da mtb (http://matebi.blog.tiscali.it) [Mercoledi 18 Febbraio 2004 ore 18:50:47]
Hai (avete?) letto il romanzo o visto il film? Penso che Smilla metta proprio il cuore in ciò che fa. Ne possiamo riparlare?
mtb

E&T per mtb [Mercoledi 18 Febbraio 2004 ore 15:24:33]
non era riferito a lei di mettere il cuore in ciò che fa,ma a Smilla!scusi per il ritardo della mia risposta e per l incomprensione!!!lei lo mette il cuore in ciò che fa!!!

per E&T [Sabato 7 Febbraio 2004 ore 11:07:17]
“Metta il cuore in ciò che fa,non i numeri!!!”
vi sembra che io non ci metta il cuore in ciò che faccio?
mt

POI [Venerdi 6 Febbraio 2004 ore 12:24:31]
PER PIPERITAPATTY
non sai quello che dici credimi!!!

3 disperate [Venerdi 6 Febbraio 2004 ore 12:22:30]
a proposito d numeri prof abbia pietà 2 sulla pagella nn ce lo metta!!!!!!la preghiamo!

E&T [Venerdi 6 Febbraio 2004 ore 11:58:36]
Metta il cuore in ciò che fa,non i numeri!!!

AC [Venerdi 30 Gennaio 2004 ore 12:16:44]
smilla secondo me ha una mente troppo razionale

mtb (http://matebi.blog.tiscali.it) [Giovedi 29 Gennaio 2004 ore 08:07:22]
Ai colleghi che hanno blogs didattici ricordo che gestisco un blog-contenitore di blog didattici e se vogliono segnalare il proprio blog possono farlo in
http://blogdidattici.splinder.it (vedi box a destra e articolo)
Teniamoci in contatto.
Buona giornata mt

a tutti… (http://matebi.blog.tiscali.it) [Giovedi 29 Gennaio 2004 ore 00:36:56]
grazie per i commenti: spero di fare ancora meglio.
Gradirei anche qualche consiglio, in particolare dai colleghi prof.
mt

PAOLA [Mercoledi 28 Gennaio 2004 ore 17:25:25]
Complimenti hai fatto un blog bellissimo …
continua!!!
Sono anch’io un insegnante di matematica delle superiori e ti faccio ancora i complimenti per il tempo che hai dedicato!

filomena benni [Domenica 25 Gennaio 2004 ore 21:50:15]
A MTB bisogna riconoscere grande capacità creativa, un “eloquente” ingegno poetico,perenne disponibilità unita ad una buona conoscenza psicologica della fascia di età con la quale si trova a lavorare.Complimenti professoressa, continui ad operare con queta tenacia e forza di volontà! Le saranno grati non solo gli alunni ma quanti avranno modo di contattarLa.Prof.ssa Filomena Benni

da mtb ancora per Mariangela (http://matebi.blog.tiscali.it) [Sabato 24 Gennaio 2004 ore 15:20:38]
In matematica le espressioni algebriche sono un mix di operazioni e credo che anche nella vita sia così, come nella relazione alunno-docente.
Ma provare prima con tante addizioni … poi porta sicuramente anche alla divisione o meglio alla CONdivisione
ciao mt

da mt per mariangela (http://matebi.blog.tiscali.it) [Sabato 24 Gennaio 2004 ore 11:54:03]
“Non mi sono mai appassionata al numero isolato, ma sempre agli insiemi, alle relazioni” Hai colto nel segno: in ogni “ambiente” ci sono “oggetti” con le loro caratteristiche!
Quello che è più importante, non sono tanto gli oggetti in sè, quanto le “relazioni” che intercorrono tra loro che fanno da “moltiplicatore”.
Secondo la definizione di von Berthalaffy (spero di avere scritto bene)un sistema è un insieme di oggetti in cui più che gli oggetti hanno importanza le relazioni tra essi … poi la troverò in modo preciso!
questo è il mio modo di insegnare gli “oggetti matematici”

OGGETTI
DESCRIZIONE E PROPRIETA’
RELAZIONI TRA GLI OGGETTI e proprieta’
OPERAZIONI CON GLI OGGETTI e proprietà
…ciao mt

Mariangela [Sabato 24 Gennaio 2004 ore 11:42:19]
Non mi sono mai appassionata al numero isolato, ma sempre agli insiemi, alle relazioni. Probabilmente nel libro ci saranno capitoli significativi anche su questo argomaento. Quello che penso io è che non siamo monadi, numeri positivi o negativi isolati e fuori da un contesto, ma siamo dentro un sistema di segni, di codici, di relazioni. Ogni nostra manifestazione dell’esistenza, ogni nostro comportamento, ogni atteggiamento è significativo. Dovremmo pensarci ogni volta che decidiamo di mettere un segno (+ – x 🙂 davanti al nostro rapporto con gli altri. La somma è quando decidiamo di dare, la differenza è quando decidiamo di chiedere, la moltiplicazione è quando facciamo affidamento o investiamo in un rapporto, la divisione è quando mettiamo in comune qualcosa. Quali segni dovrebbero caratterizzare la relazione tra studente e insegnante. Ho sperimentato molte somme, poche divisioni e tante sottrazioni (di tempo, di voce, di motivazione)

alessandro [Sabato 24 Gennaio 2004 ore 09:57:18]
bel brano, cmq credo che un po’ d’irrazionalità faccia bene

piperitapatty (http://piperitapatty.blog.tiscali.it) [Giovedi 22 Gennaio 2004 ore 21:18:34]
ho dato un occhiatina al tuo blog…ma perchè non ho mai avuto un insegnante di matematica come te?sono fortunati i tuoi allievi,complimenti:))

piperitapatty (http://piperitapatty.blog.tiscali.it) [Giovedi 22 Gennaio 2004 ore 21:11:46]
mi piacciono i numeri secondo Smilla,mi piace la Groenlandia….:)))

 

La mia panna cotta

La “mia” PANNA COTTA

800 gr di panna da cucina, 230 ml di latte, 6 cucchiai rasi di zucchero, una bustina di vanillina, 5 gr di colla di pesce, tre cucchiai di Cointreau.
Mescolare tutti gli ingredienti escluso la colla di pesce e il liquore. Mettere al fuoco e far raggiungere il bollore. Spegnere il fornello e aggiungere la colla di pesce, preventivamente tenuta a bagno in acqua fredda e ben strizzata, e il liquore.
Passare in un colino e versare in uno stampo leggermente inumidito con acqua o con cointreau.
Mettere in frigo per due-tre ore.

Si può servire con:

  • salsa di fragole: frullare le fragole con zucchero e limone

  • caramello

  • frutti di bosco (anche surgelati) scaldati al fuoco con un po’ di zucchero e limone

  • salsa di cioccolato – sciogliere il cioccolato fondente con qualche cucchiaio di latte a fuoco basso o nel microonde

Buona domenica agli amici del blog! mtb

Ai lettori di questo blog… vi aspetto al nuovo blog!

Ho creato il nuovo blog principale per i miei alunni in un’altra piattaforma che mi consente di avere più velocemente alcune funzioni come la lettura dei commenti (in particolare a vecchi post).
Ho anche sollecitato Tiscali, facendo delle domande, ma nessuno mi ha risposto: forse il blog non è la “parte” che interessa di più l’Azienda, anche se sono comunque sempre convinta che la gestione dei blog di tiscali sia estremamente semplice e funzionale sotto molti punti di vista.
Comunque questo blog rimane attivo, in attesa di una decisione definitiva.

Link al nuovo blog Matematica…AppassionataMente

Venite a trovarmi lì: attendo le vostre critiche e commenti.
mtb

Riferimenti: matebi

La sfilata dei giganti del sistema solare

Segnalo un evento straordinario
Spazio: La sfilata dei giganti del sistema solare

sistema solare

Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno, i pianeti del sistema solare che si trovano più vicini alla Terra, saranno visibili ad occhio nudo fino ai primi di aprile. Per alcune settimane, tutti gli abitanti del nostro pianeta, potranno ammirare il cielo stellato che si trasformerà, ogni giorno un’ora dopo il calar della notte, in un immenso palcoscenico. “E’ un fenomeno quasi unico – ha commentato Myles Standish, astronomo del Jet Propulsion Laboratory a Pasadena, in California – i pianeti sono tutti dallo stesso lato del Sole e sono allineati nel cielo in un arco di 135 gradi, ed è questo che è piuttosto bello”.

link

Il cielo ci stupisce sempre!
mtb

Pane farcito

Pane farcito

Impastare 300 g di farina con un uovo, un pugno di parmigiano, un bicchiere di latte, 50 g di margarina o burro o olio, un cubetto da 25 g di lievito di birra sbriciolato un pizzico di sale.

Stendere la pasta dell’altezza di circa due centimetri.
Bucare con una forchetta e farcire con fette di mortadella (150 g) e 4 o 5 sottilette. Arrotolare e mettere in una teglia ricoperta di carta da forno o leggermente unta di olio o burro e far lievitare per una mezz’ora.

Cuocere in forno caldo a 180° per 40 minuti. Lasciar raffreddare e tagliare a fette spesse.