DESSERT arancia, latte, ananas

 Ho seguito questa ricetta riducendo le dosi:
180 ml di succo d’arancia (2 arance), 1 cucchiaio abbondante di zucchero, 1 cucchiaio di amido di mais
180 ml di latte, 1 cucchiaio abbondante di zucchero, 1 cucchiaio di amido di mais, vaniglia in polvere (non vanillina!), un cucchiaino di burro

Ho messo sotto e in mezzo delle sottili fette di ananas.
Dopo aver raffreddato e rovesciato il dolce, ho aggiunto altre fettine di ananas fresco.

TORTA della “PASQUELLA”

Per l’Epifania non può mancare la nostra torta di Pasqua al formaggio, accompagnata da capocollo e salame!

Torta di Pasqua Epifania 2021

Torta di Pasqua Epifania 2021

La ricetta è sempre quella che uso per questa ricorrenza (link).
Con questa ricetta ne sono venute due piccole (stampi con base 10.5 cm e 11.5 cm)

CIPOLLE ROSSE al vino, aceto balsamico e brandy

CIPOLLE ROSSE

3 o 4 cipolle rosse (di Tropea o di Cannara)
2 cucchiai di aceto balsamico (o aceto di vino)
un bicchiere di vino rosso (200 ml)
un cucchiaio abbondante di zucchero
mezzo bicchierino di brandy
una foglia di alloro
2 o 3 cucchiai di olio evo
acqua
sale
Pulire e poi tagliare le cipolle a filetti e porle in padella dove si è leggermente scaldato l’olio. Mettere l’alloro, salare e far ammorbidire senza rosolare aggiungendo un pochino di acqua calda. Ci vorranno circa 7/8 minuti. Aggiungere l’aceto balsamico, far sfumare un minuto e poi aggiugere il vino.
Continuare a cuocere a fuoco allegro girandole ogni tanto.
Quando saranno cotte (circa 15 minuti) spruzzare con il brandy e far evaporare; distribuire lo zucchero e girare con il mestolo finchè non si avrà un succo ristretto e quasi caramellato.
Si possono mettere in vasetti sterilizzati. 
Si conservano bene per circa dieci giorni e possono accompagnare formaggi, carni bollite o usare nei crostini di fegatini mettendone un “ciuffettino” sopra.
Per Natale le ho preparate per regalare a delle amiche che hanno apprezzato molto!

CIPOLLE ROSSE
CIPOLLE ROSSE

VITELLO TONNATO

Mentre guardavo la trasmissione E’ sempre mezzogiorno del 29 dicembre questa ricetta mi ha subito incuriosito ed eccolo per fine anno.
La bontà di questo piatto non si discute. Veramente ottimo con una salsa eccellente.

Vitello tonnato

Vitello tonnato

fonte della ricetta: Vitello tonnato di Gian Piero Fava

Ingredienti
1 kg girello di vitello, 80 g cipolla bianca, 100 g sedano verde, 250 g tonno sott’olio, 80 g vino bianco, 8 filetti di acciughe, 10 capperi, 1 foglia di alloro, 2 foglie di salvia, 2 gambi di prezzemolo, 1 mazzetto di timo, olio evo

Procedimento
In un tegame, facciamo soffriggere un trito fine di sedano e cipolla con un filo d’olio. Uniamo anche i capperi ed i filetti di alici e lasciamo appassire molto bene. (io prima ho fatto ben ammorbidire sedano e cipolla usando anche un po’ di acqua)
Massaggiamo il girello di vitello con l’olio e lo profumiamo con delle erbe aromatiche fresche (intere) – (in trasmissione ha precisato di metterle sopra alla carne e non nell’olio altrimenti rilasciano un sapore amarognolo). Lo mettiamo a rosolare su tutti i lati su una padella ben calda. Una volta rosolato, lo mettiamo a cuocere nella padella con il trito di sedano e cipolla. Uniamo anche il tonno sott’olio sgocciolato e sfumiamo con il vino. Copriamo con un foglio di carta forno con un foro al centro e mettiamo in forno caldo e statico a 170° per 25 minuti (ho messo sia il foglio forato che un altro sopra, entrambi leggermente bagnati con acqua e strizzati, per paura che mi si bruciasse la parte di carne che emergeva ed ho fatto cuocere per circa 40 minuti).
Una volta cotto, togliamo il vitello e frulliamo il fondo di cottura con un mixer ad immersione. Se vogliamo essere precisi, setacciamo la crema ottenuta. Uniamo un po’ di maionese già pronta e mescoliamo (la maionese l’ho preparata con il metodo della pastorizzazione delle uova). Tagliamo la carne a fettine sottili e la copriamo con la crema tonnata.

PACCHERI di Gragnano con sughetto di seppia e crostacei

Il nostro pranzo di San Silvestro!
Paccheri di Gragnano con sughetto di seppia e crostacei.
Il sughetto è stato cotto a parte con olio, aglio, pezzettini di seppia, pomodoro, peperoncino (in pentola a pressione per fare prima ed avere la seppia morbida).
I crostacei – gamberetti, gamberi, canocchie, gamberoni – cotti velocemente in padella con olio, aglio, sfumata di vino bianco e trito di prezzemolo.
Ho condito i paccheri con il sughetto “rosso” e poi aggiunto i crostacei.

QUADRUCCI “maritati”

QUADRUCCI "maritati"
QUADRUCCI “maritati”

Letto in un gruppo bellissimo di Facebook – Dall’uovo alla coque al ragù di Silvia Buitoni – scritto su questa pasta dalla bravissima Vera Barbanera:  ed ecco i Quadrucci maritati!
Il brodo di cappone c’è dal giorno di Natale, l’impasto avanzato dei cappelletti pure, basta stendere una sfoglia di due uova e il gioco è fatto!

Stendere la sfoglia sottilmente e spalmarci sopra l’impasto dei cappelletti, ricoprire con altra sfoglia, comprimere con le mani e passare sopra con il lasagnolo; tagliare con una rotella dentellata dei quadrucci  di un centimetro e mezzo circa di lato.
Far asciugare in un vassoio di cartone.
Cuocere nel brodo bollente per 2/3 minuti.
Per noi due ho cotto circa 200 g, il resto l’ho surgelato.

NATALE 2020

NATALE 2020
NATALE 2020

Cappelletti in brodo di cappone
Galantina, insalata russa, bollito
Salsa di fegatini, salsa al prezzemolo
Cappone arrosto con patate
Dolcetti

E comunque i veri protagonisti sono sempre loro: i CAPPELLETTI!

Cappelletti 2020
Cappelletti 2020

VIGILIA di NATALE 2020

VIGILIA di NATALE 2020

Vigilia di Natale
Poche cose, ma buone!
– Crostini – Pan co’ Santi con salsine: burro e acciughe, burro e salmone, prezzemolo e uova
– Frittelline di baccalà
– Mazzancolle o code di gamberi e tentacoli di totani al brandy
A destra in alto, il regalo ricamato di una cara e giovane amica!

FRITTELLINE di Baccalà
150 g/200 g di baccalà lessato
100 g circa di farina
circa 100 ml di birra (quantità per fare una pastella sostenuta)
un pizzico di lievito istantaneo per torte salate (mezzo cucchiaino)
Fare la pastella con la frusta aggiungendo piano piano la birra in modo da non avere grumi. Immergere il baccalà sfilettato a piccoli pezzi e friggere in olio profondo fino a doratura.
Sgocciolare in carta assorbente.

MAZZANCOLLE e tentacoli di TOTANI al brandy
4 mazzancolle a persona
200 g di tentacoli di totano (surgelati e già precotti a pezzetti)
prezzemolo, aglio, olio, brandy
Scaldare poco olio in padella, mettre prezzemolo tritato e pochissimo aglio, dopo un minuti aggiungere le mazzancolle e i tentacoli di totano.
Far cuocere a fuoco vivo per pochi minuti e sfumare con un bicchierino di brandy (o whisky).
Servire subito.

CANTUCCI SALATI

CANTUCCI SALATI - SALUMI DI NORCIA
CANTUCCI SALATI – SALUMI DI NORCIA

Ho seguito più o meno questa ricetta con le mie varianti: cantucci-salati-ricetta-zia-cri-e-sempre-mezzogiorno

Ingredienti

  • 500 gr di farina 00
  • 1 bustina di lievito istantaneo per salati
  • 100 gr di burro morbido
  • 2 uova
  • 40 g di formaggi: parmigiano grattugiato, dadini di scamorza e caciotta
  • circa 1 bicchiere di latte (attenzione a non aggiungerlo subito tutto per non far venire l’impasto troppo morbido)
  • sale e pepe

    per 3 panetti DIVERSI:
  • 40 g NOCCIOLE e MANDORLE
  • 40 g NOCI
  • 40 g PISTACCHI

Impastare insieme la farina, il burro, il sale e il pepe fino ad avere un impasto a “briciole”. Aggiungere il parmigiano grattugiato, le uova e il latte (attenzione a non aggiungerlo subito tutto per non far venire l’impasto troppo morbido), impastare ed unire il lievito setacciato. Al termine dividere l’impasto in tre parti: in una mettere le mandorle e nocciole, in una le noci e nell’altra i pistacchi.
Formare tre filoncini lunghi e larghi circa 3 cm. Disporli in teglia da forno sopra un foglio di cartaforno, spennellare con tuorlo battuto (io non l’ho fatto) e cuocere in forno preriscaldato a 170°/180° (dipende dal proprio forno) per circa 20/25 minuti.
Sfornare e, dopo pochi minuti, tagliare in obliquo a fettine (circa un cm e mezzo di spessore). Rimettere in forno caldo fino ad asciugatura completa (10-15 minuti) facendo attenzione a non farli “avvampare” troppo!!

OTTIMI da soli, per accompagnare salumi, ma anche con qualsiasi salsina salata!