Cotolette di agnello e verdure

Oggi Domenica!

Cotolette di agnello con sale aromatizzato, patate, funghi, bietola e cicoria, carciofi, riscoli

Cotolette di agnello, verdure e patate
Cotolette di agnello, verdure e patate

Cotolette di agnello con sale aromatizzato

Condire le cotolette con il sale sale aromatizzato, succo di limone, pepe nero. Lasciar insaporire per almeno un’ora.
Riscaldare il forno al massimo, deporre la carne sopra ad una griglia appoggiata in una teglia da forno ricoperta con carta da forno o foglio di alluminio (metodo pratico per non sporcare molto: al temine della cottura si butterà la carta. Io ho una vecchia teglia antiaderente leggera che ormai uso solo così).

Cuocere nel ripiano più alto del forno per circa 10 minuti per parte. Controllare la cottura con il proprio forno. Servire subito.

Patate

Tagliare a fette sottili, circa 2/3 mm, le patate (qui rossa di Colfiorito) ed immerrgerle per un’ora circa in acqua salata abbondantemente. Scolare ed asciugare.

Deporre in una teglia da forno condendo con sale aromatizzato, poco olio evo e un pizzico di pepe (facoltativo). Mescolare con le mani e stendere sulla teglia senza sovrapporre le fette. Cuocere in forno preriscaldato a 250° per circa 10/15 minuti finchè non diventeranno croccanti.

Funghi champignon

Tagliare a fette con la mandolina o con coltello (spessore 2/3 mm circa) dei funghi abbastanza grandi. Condire con olio evo, sale, aglietto fresco, prezzemolo tritato e cuocere in forno a 200° finchè tutto il liquido non si è ritirato, Ci vogliono circa 15/20 minuti.
Verso la fine della cottura delle patate, aggiungere qua e là un po’ di funghi.

Bietola e cicoria
Lessare in acqua bollente salata, scolare, strizzare e quindi ripassare per un paio di minuti in padella con olio e aglietto fresco (o aglio secco).

Carciofi

Carciofi tagliati a spicchi e cotti in pentola a pressione per massimo 10 minuti (controllare anche dopo 5/6 minuti la cottura ed eventualmente continuare).

Condimento: olio evo, sale, mentuccia romana (nepitella) o prezzemolo tritato, aglietto fresco o aglio secco.

Riscoli (agretti)
Lessare i riscoli in acqua moderatamente salata e, dopo averli scolati, condirli con olio evo, aglietto fresco e nepitella.

Ho usato cotolette di agnello di Villa Dama, patate rosse di Colfiorito comprate al mercato, carciofi pugliesi, verdure ed odori di Azienda Agricola Vispetto … funghi del supermercato!
Il sale era stato preparato da me con gli odori della mia terrazza e del giardino di una cara amica.

Gnocchetti in crema di salmone

Gnocchetti in crema di salmone
Gnocchetti in crema di salmone

per 2/3 persone

  • 500 g di gnocchi di patate
  • 100 g di salmone affumicato
  • 20 g di burro
  • mezzo scalogno
  • mezzo bicchierino di vodka o grappa
  • 100 g di panna da cucina
  • 50 g di robiola (o altro formaggio cremoso)
  • un cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato
  • un pizzico di pepe nero
  • un pizzico di prezzemolo essiccato o foglioline fresche tritate

In una padellina sciogliere a fuoco dolce il burro ed aggiungere lo scalogno tritato, far ammorbidire unendo un pochino di acqua calda. Ci vorrà qualche minuto. Quando l’acqua sarà evaporata aggiungere più di metà del salmone tagliato a striscette. Cuocere per due/tre minuti e sfumare con il liquore. Mettere in un tritatutto e frullare, aggiungere la robiola, il pepe e un pizzico di prezzemolo. Frullare ancora in modo da avere la densità di una crema.
Nella stessa padellina usata precedentemente, scaldare per due/tre minuti il rimanente salmone tagliato a striscioline, togliere e lasciare da parte. Rimettere la crema frullata nella padella, aggiungere la panna e il parmigiano. Mescolare e, poco prima del termine della cottura degli gnocchi, riaccendere il fornello a fuoco basso.

Cuocere gli gnocchi e, appena vengono a galla, scolarli mano a mano con un mestolo forato e versare nella padella con  la crema. Se necessario aggiungere un pochino di acqua di cottura.
Mescolare delicatamente e versare in un piatto da portata o nei piatti singoli. Mettere sopra i pezzetti di salmone preparati prima e cospargere di prezzemolo e un pizzico di pepe.

Agnello e patate al forno – Carciofi fritti

Buona Domenica con Sergio Tardetti

Agnello e patate al forno
Carciofi fritti
Agnello da Villa Dama – Patate Agata di Cesena – Carciofi cimaroli dalla Puglia
Agnello e patate al forno Carciofi fritti
Agnello e patate al forno – Carciofi fritti

CARCIOFI FRITTI

Passare gli spicchi di carciofi nell’uovo battuto e leggermente salato e poi nella farina. Friggere subito in olio di semi di arachide scaldato in una padella di ferro.
Girare velocemente e scolare con un mestolo forato. Deporre in carta assorbente.

AGNELLO AL FORNO

Condire un cosciotto di agnello con succo di limone, olio evo, sale, pepe e mix di erbe aromatiche tritate – rosmarino, salvia, alloro, timo – (io uso il sale aromatizzato che preparo in casa).
Lasciar insaporire almeno per tre ore. Deporre la carne in una teglia da forno e cuocere in forno a 170°/180° inizialmente coperto da un foglio di alluminio. Ogni tanto rimettere sopra alla carne il fondo di cottura. Togliere il foglio di alluminio dopo circa 20 minuti, spruzzare con un po’ di vino bianco e continuare la cottura finchè la carne sarà morbida ma ben rosolata.
Lasciar riposare una mezz’ora e tagliarlo.

Spiedini di carne e patatine

“Spiedini di carne e patatine” nel nuovo Girmi Forno Air Fryer multifunzione FG96 “Genio”, 1500W, 11L.
Due minuti in meno per gli spiedini di salsiccia, prosciutto fresco e pancetta fresca di maiale, alloro, sale e pochissimo olio, pepe. Ottimo comunque.
Fornetto arrivato in tempi brevissimi da SAE Ricambi. Grazie Jole Esposito!

Spiedini di carne e patatine
Spiedini di carne e patatine

Pomodori ripieni di riso con patate

Pomodori ripieni di riso con patate
Pomodori ripieni di riso con patate

Pomodori tondi ripieni di riso con patate
Preparare le patate: tagliarle a fette spesse e condirle con olio, timo, aglio, poco sale e, se piace, pepe nero macinato. Lasciare da parte.
Dopo aver lavato bene i pomodori tondi che devono essere maturi e sodi, tagliare, non fino in fondo, una calottina in alto. Svuotare con un cucchiaino, filtrare tutto il succo e parte della polpa schiacciandola bene. Aggiungere alla polpa e succo il riso di tipo originario (circa un cucchiaio raso per ogni pomodoro), abbondante basilico tritato, qualche fogliolina di timo, sale, un pochino di olio evo, uno spicchietto di aglio tritato. Lasciare insaporire anche un’ora.
Riempire per circa 2/3 i pomodori leggermente salati all’interno con il riso condito.

Disporre in una teglia da forno le patate e creare degli spazi per mettere i pomodori.
Cuocere per circa un’ora in forno preriscaldato a 170°/180° tenendo per circa 30 minuti coperto con carta forno bagnata di acqua e strizzata.

p.s.: mi era avanzato un po’ di riso che ho messo in una ciotolina di vetro e coperto di acqua, l’ho cotto nel microonde a massima potenza per 7 minuti. Era perfetto!
La prossima volta farò prima questa operazione per 5 minuti e poi riempirò i pomodori. Si eviterà così la lunga cottura in forno.
Ero convinta di aver già pubblicato anni fa questa ricetta, invece non c’è!