DESSERT arancia, latte, ananas

https://www.youtube.com/watch?v=5dpemRwleCA

 Ho seguito questa ricetta riducendo le dosi:
180 ml di succo d’arancia (2 arance), 1 cucchiaio abbondante di zucchero, 1 cucchiaio di amido di mais
180 ml di latte, 1 cucchiaio abbondante di zucchero, 1 cucchiaio di amido di mais, vaniglia in polvere (non vanillina!), un cucchiaino di burro

Ho messo sotto e in mezzo delle sottili fette di ananas.
Dopo aver raffreddato e rovesciato il dolce, ho aggiunto altre fettine di ananas fresco.

TOZZETTI con CIOCCOLATO e canditi d’ARANCIA (Fables de Sucre)

TOZZETTI con CIOCCOLATO e canditi d'ARANCIA
TOZZETTI con CIOCCOLATO e canditi d’ARANCIA

La ricetta che ho seguito è questa: fablesucre/tozzetti.
Ho usato cioccolato fondente ridotto a scaglie e ci è voluta più farina (circa un cucchiaio).
Si possono fare, secondo me, anche con una propria ricetta di tozzetti e sostituire le sospensioni con cioccolato e canditi di arancia.
Molto buoni, anche se io preferisco i tozzetti tradizionali con mandorle e/o nocciole.

FILETTO di maiale con SENAPE, SPECK, ARANCIA, CIPOLLA

FILETTO di maiale con SENAPE, SPECK, ARANCIA, CIPOLLA
FILETTO di maiale con SENAPE, SPECK, ARANCIA, CIPOLLA

Un filetto di maiale surgelato che aspetta da un po’ di tempo di essere cotto, una bellissima “madeleine” nella pagina Dall’uovo alla coque al ragù di Silvia Buitoni (https://www.facebook.com/groups/2427908050812754/permalink/2485483011721924/), un ricordo di Arista con speck e senape cucinata per noi anni fa da una cara amica ed ecco il FILETTO di maiale con SENAPE, SPECK, ARANCIA, CIPOLLA.

Ingredienti

Istruzioni

  1. Adagiare nella carta da forno delle fette di speck sovrapponendole un poco; ne serviranno una decina per un filetto medio-grande.
  2. Cospargere il filetto con abbondante senape ed adagiarlo sullo speck (le fettine risultano perpendicolari al filetto in tutta la lunghezza).
  3. Cospargere la parte superiore della carne con alcuni cucchiaini di marmellata di arance (ho usato quella fatta da me lo scorso inverno) e ricoprire con rondelle sottili di cipolla rossa di Tropea e fette sottili di un’ arancia bio non sbucciata.
  4. Chiudere a cartoccio ed adagiare in una pirofila lunga. Versare un po’ di olio evo sul fondo e in tutto lo spazio vuoto aggiungere fette di cipolle leggermente salate, mescolarle delicatamente per olearle.
  5. Cuocere in forno preriscaldato a 180° per circa 45 minuti. Se le cipolle esterne fossero cotte prima, toglierle e continuare la cottura della carne.
  6. Trascorso più o meno questo tempo (che dipende anche da quanto è grande il filetto), togliere delicatamente la carta, irrorare il fondo con circa 100 ml di brandy, un po’ di olio evo, un pizzico di pepe ed eventualmente un pizzico di sale.
  7. Far cuocere per altri 10/15 minuti (controllare con uno stecchino la cottura del filetto).
  8. Togliere dal forno, lasciar raffreddare qualche minuto, tagliare a fette spesse (circa un centimetro e mezzo/due).
  9. Disporre le fette (due o tre a persona) su ogni singolo piatto, irrorare con il fondo di cottura, disporre sopra le fette di arancia e di cipolla e servire.
 

Tempi

  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 1 h
  • Totale : 1 h 20 min

Porzioni

Per: 6 persone
dopo aver tolto la carta forno

Baccalà con i ceci in salsa d’arancia

Ogni tanto trovo qualche foglietto con scritta una ricetta scritta in fretta: qui una ricetta della rivista Grazia di anni fa e che vorrei provare.

Baccalà con i ceci in salsa d'arancia
Baccalà con i ceci in salsa d’arancia

Per 4 persone
Mettere a fuoco basso 4 filetti di acciughe sott’olio, uno spicchio di aglio, il succo di 2 arance e cuocere finché non si siano sciolte le acciughe. Togliere l’aglio.
In una padella appena unta di olio, rosolare da ambo i lati 700 g di tranci di baccalà con la pelle. Passarli poi in forno a 180° per terminare la cottura.
Mettere nel pentolino della salsa d’rancia 220 g di ceci lessati e sgocciolati. Lasciar insaporire e poi frullare grossolanamente.
Adagiare ogni trancio sulla salsa disposta in un piatto e aggiungere sopra ceci interi, la buccia di un’arancia tagliata a julienne, prezzemolo, pepe nero e fettine di arancia pelate al vivo.

Ancora PANDARANCIO

Dopo il primo esperimento, oggi il secondo.
Lettura in rete di molte ricette più o meno simili e alla fine seguendo qui il procedimento e modificando un po’ le dosi è nato questo:

pandarancio

2 arance tarocco bio (o altra qualità purchè con buccia edibile e preferibilmente sottile)
4 uova
230 g di zucchero
130 ml di olio di semi (io di mais)
300 g di farina 00
una bustina di lievito istantaneo per dolci

Lavare e pulire bene le arance. Frullare un’arancia e mezzo con la buccia, dopo aver tolto eventuali semi e qualche filamento bianco interno; lasciare l’altra metà per decorare.
Montare le chiare a neve con lo zucchero, aggiungere i tuorli e continuare a montare con le fruste, quindi l’olio a filo, l’arancia frullata e, infine, la farina mescolata con il lievito setacciato.
Imburrare bene uno stampo (io Nordic Ware) e versare l’impasto.
Si possono usare stampi rotondi o da plumcake, come si preferisce.
Cuocere a 160° in forno ventilato per circa 40-45 minuti. Il tempo e la modalità di cottura dipendono, al solito, dal proprio forno.
Far raffreddare e, nel frattempo, preparare in una padella uno sciroppo di acqua e zucchero in pari quantità mettendo insieme le fette di arancia (la metà di arancia lasciata o anche un’altra se serve) e cuocere a fornello basso per una decina di minuti.
Capovolgere il  dolce e versarci sopra lo sciroppo, decorare con le fettine di arance preparate con lo sciroppo e spolverizzare con zucchero al velo.


Pan d’arancio (PANDARANCIO)

Da foto e discussioni in FB e da qui http://ammodomio.blogspot.it/2018/03/pan-darancio-di-letiziatorta-dei.html, ieri sera è nato il mio Pan d’arancio.

Dolce da fare subito … basta avere in casa un’arancia e poco più. Seguite la ricetta del link e gusterete un dolce meraviglioso, delicato e profumato.

Con la dose indicata ne è venuto uno sullo stampo d’amor polenta 31×12 e una mini ciambella da 20 cm.

pan d'arancio

pan d'arancio

Chiffon cake all’arancia

Per le dosi e il procedimento ho seguito Chiffon-cake-arancia-e-cioccolato con qualche piccola differenza (in corsivo) seguendo anche la ricetta di un’amica.

Ingredienti
Farina tipo 00 290 g (tipo 0)
Zucchero extrafine 300 g (150 g di zucchero al velo  battuto con le chiare a neve + 150 g di zucchero semolato battuto con i tuorli)
Uova 6 medie (circa 400 g)
Acqua 200 ml
Olio di semi 120 ml
Vaniglia 1 bacca (oppure estratto di vaniglia o una bustina di vanillina) (bourbon in polvere)
Lievito chimico in polvere per dolci 1 bustina
Cremor tartaro 8 g
Sale fino 2 g
Cioccolato gocce 100 g (non ho messo le gocce di cioccolato)
Arance la scorza grattugiata di 1 non trattata

Glassa all’arancia
Zucchero a velo 250 g (200 g)
Arance il succo di 1 (succo di mezza arancia + mezzo cucchiaio di rhum)

chiffon cake

Fuoco acceso e … cena

Fuoco acceso

Il camino acceso, la brace per cuocere salsiccette e fettine di grasso-magro [come lo chiamano a Gubbio], tigelline veloci e un’ insalatina di finocchi, arance e olive di Gaeta per finire.

Tigelline veloci: ho impastato nel Bimby farina, acqua, latte, una noce di burro, un pizzico di sale e lievito per torte salate. Ho steso l’impasto sulla spianatoia e ricavato con un coppapasta rotondo dei cerchi, ho lasciato riposare circa mezz’ora. Le ho cotte nel testo caldo tenendo sopra, per due-tre minuti, il coperchio e le ho girate più volte per non farle bruciare. Le ho servite insieme alla carne.

Insalatina di finocchi, arance e olive di Gaeta: finocchi tagliati sottili con la mandolina, arance a fette pelate al vivo, olive nere di Gaeta; il tutto condito con un’emulsione di olio evo, aceto balsamico, sale e succo d’arancia.

Questo si fa con quello che c’era in casa, visto che freddo e raffreddore non permettono di uscire.

Cena di Maria Teresa e Sergio, 9 dicembre 2012

Crema all’arancia e cannella

un uovo intero e un tuorlo
due cucchiai di zucchero
un cucchiaio scarso di farina
un’arancia (la buccia grattugiata finemente e il succo)
la buccia grattugiata finemente di un quarto di limone
circa mezzo bicchiere di latte
un cucchiaino di cannella
una stecca di vaniglia o una bustina di vanillina
due-tre cucchiai di panna montata

Battere molto bene le uova con lo zucchero finchè non diventino bianche e spumose, aggiungere la farina e continuare a mescolare bene (io ho usato una frusta elettrica).
Scaldare il latte con la vaniglia, le bucce grattugiate degli agrumi e circa metà del succo di arancia.
Versare il liquido a filo sulla crema e mettere sul fornello a fuoco dolce; continuare a mescolare senza far bollire per alcuni minuti.
Se la crema risultasse  troppo soda aggiungere ancora succo di arancia.
Aggiungere la cannella e far raffreddare.

Infine aggiungere la panna montata e mescolare delicatamente dal basso vero l’alto.

Mettere in frigo e servire con panettone o pandoro.