QUADRUCCI “maritati”

QUADRUCCI "maritati"
QUADRUCCI “maritati”

Letto in un gruppo bellissimo di Facebook – Dall’uovo alla coque al ragù di Silvia Buitoni – scritto su questa pasta dalla bravissima Vera Barbanera:  ed ecco i Quadrucci maritati!
Il brodo di cappone c’è dal giorno di Natale, l’impasto avanzato dei cappelletti pure, basta stendere una sfoglia di due uova e il gioco è fatto!

Stendere la sfoglia sottilmente e spalmarci sopra l’impasto dei cappelletti, ricoprire con altra sfoglia, comprimere con le mani e passare sopra con il lasagnolo; tagliare con una rotella dentellata dei quadrucci  di un centimetro e mezzo circa di lato.
Far asciugare in un vassoio di cartone.
Cuocere nel brodo bollente per 2/3 minuti.
Per noi due ho cotto circa 200 g, il resto l’ho surgelato.

NATALE 2020

NATALE 2020
NATALE 2020

Cappelletti in brodo di cappone
Galantina, insalata russa, bollito
Salsa di fegatini, salsa al prezzemolo
Cappone arrosto con patate
Dolcetti

E comunque i veri protagonisti sono sempre loro: i CAPPELLETTI!

Cappelletti 2020
Cappelletti 2020

VIGILIA di NATALE 2020

VIGILIA di NATALE 2020

Vigilia di Natale
Poche cose, ma buone!
– Crostini – Pan co’ Santi con salsine: burro e acciughe, burro e salmone, prezzemolo e uova
– Frittelline di baccalà
– Mazzancolle o code di gamberi e tentacoli di totani al brandy
A destra in alto, il regalo ricamato di una cara e giovane amica!

FRITTELLINE di Baccalà
150 g/200 g di baccalà lessato
100 g circa di farina
circa 100 ml di birra (quantità per fare una pastella sostenuta)
un pizzico di lievito istantaneo per torte salate (mezzo cucchiaino)
Fare la pastella con la frusta aggiungendo piano piano la birra in modo da non avere grumi. Immergere il baccalà sfilettato a piccoli pezzi e friggere in olio profondo fino a doratura.
Sgocciolare in carta assorbente.

MAZZANCOLLE e tentacoli di TOTANI al brandy
4 mazzancolle a persona
200 g di tentacoli di totano (surgelati e già precotti a pezzetti)
prezzemolo, aglio, olio, brandy
Scaldare poco olio in padella, mettre prezzemolo tritato e pochissimo aglio, dopo un minuti aggiungere le mazzancolle e i tentacoli di totano.
Far cuocere a fuoco vivo per pochi minuti e sfumare con un bicchierino di brandy (o whisky).
Servire subito.

TOZZETTI con CIOCCOLATO e canditi d’ARANCIA (Fables de Sucre)

TOZZETTI con CIOCCOLATO e canditi d'ARANCIA
TOZZETTI con CIOCCOLATO e canditi d’ARANCIA

La ricetta che ho seguito è questa: fablesucre/tozzetti.
Ho usato cioccolato fondente ridotto a scaglie e ci è voluta più farina (circa un cucchiaio).
Si possono fare, secondo me, anche con una propria ricetta di tozzetti e sostituire le sospensioni con cioccolato e canditi di arancia.
Molto buoni, anche se io preferisco i tozzetti tradizionali con mandorle e/o nocciole.

Salmone al cajun, lime e arancia

Salmone al cajun, lime e arancia
Salmone al cajun, lime e arancia

Tagliare a pezzi larghi circa 7-8 cm il salmone fresco (un trancio a persona è sufficiente).
Cospargere con un cucchiaino circa di mix cajun (vedi come prepararlo) e lasciar insaporire in frigo per almeno due ore.
Circa mezz’ora prima di cuocere, oliare una pirofila da forno, adagiare i tranci di salmone, bagnare con succo di lime e di arancia, decorare con fettine di lime e intorno mettere cubetti di arancia pelata al vivo e leggermente salata, aggiungere una spolverata di zucchero di canna chiaro, del pepe rosa e un filo di olio evo.
Dopo aver lasciato marinare, riscaldare a 200°-220° il forno e cuocere per circa 10-12 minuti.
Servire accompagnando con insalatina mista ed olive nere condite con buccia d’arancia, fiore di finocchio ed olio.

Buon 2020 a tutti!
Buon 2020 a tutti!

Parmigiana di gobbi (cardi)

Parmigiana di gobbi (cardi): le fasi
Parmigiana di gobbi (cardi): le fasi

Pulire bene un gobbo di media grandezza togliendo le coste più dure e “sfilettando” la parte esterna in modo da non lasciare i filamenti. Tagliare a tronchetti di circa 5 cm. Porre in una ciotola con acqua fredda e un pugno di farina e/o succo di limone per non farli scurire. Portare a bollore abbondante acqua salata e cuocere il gobbo finché non risulti morbido (circa 30-40 minuti). Scolare ed asciugare.
Battere due uova in una ciotola con un pizzico di sale, mettere i pezzetti di gobbo, mescolare e aggiungere farina dando sempre una bella mescolata … io faccio con le mani!
Scaldare in una padella di ferro abbondante olio di arachide e friggere fino a doratura. Togliere con un mestolo forato (ragno) e asciugare dall’olio di frittura in carta assorbente.
Durante la lessatura del gobbo, preparare abbondante sugo di polpa di pomodoro ed odori (sedano, carota cipolla, basilico), tagliare a cubetti una mozzarella (circa 200 g) e lasciarla in un colino a far perdere il latte, grattugiare abbondante parmigiano reggiano.
In una pirofila mettere sul fondo alcuni cucchiai di sugo, poi i pezzetti di gobbo, parmigiano, mozzarella, sugo e completare i vari strati (al massimo 3).
Cuocere in forno preriscaldato a 180° per circa 20 minuti.
Lasciar riposare una decina di minuti prima di servire.

CAPPELLETTI a Santo Stefano

A Santo Stefano: cappelletti!

Piccolo pranzo di Santo Stefano: cappelletti in brodo, bollito con salsa verde, carciofi, insalata russa, cipolle rosse

CARCIOFI
Pulire i carciofi e lasciarli interi. Cuocere capovolti in pentola pressione per circa 7 minuti (controllare con i propri tempi) con olio, vino bianco, sale e poco pepe.
Lasciar raffreddare, scolare dal liquido di cottura e servire con salsa verde al prezzemolo.

SALSA VERDE
Tritare bene il prezzemolo, aggiungere poca mollica di pane bagnata con aceto bianco (anche di mele), aggiungere abbondante olio evo e uno spicchio di aglio intero (da togliere dopo un’ora), un pizzico di sale.

CIPOLLE ROSSE
Tagliare le cipolle rosse in quarti e poi ancora a filetti.
Mettere in un tegame ampio con olio evo e far rosolare delicatamente, salare, aggiungere una-due foglie di alloro, qualche bacca di ginepro, due chiodi di garofano. Spruzzare generosamente con aceto di mele o aceto di vino, far evaporare a fuoco allegro. Coprire di vino rosso (qui Sangiovese) e far cuocere mescolando ogni tanto. Verso la fine della cottura, aggiungere un paio di cucchiai di zucchero di canna chiaro e un cucchiaio di zucchero bianco (dipende dalla quantità delle cipolle). Continuare la cottura finché il liquido non diventa sciropposo.
Si conservano bene in vasetti di vetro per circa un mese in frigo.

BISCOTTI di Natale 2019

Biscotti di Natale 2019
Biscotti di Natale 2019

Più tardi le ricette!

Per i cantucci ho seguito questa ricetta: https://www.misya.info/ricetta/cantucci.htm.
Ho fatto una dose e mezzo aggiungendo circa 30 g di burro*.

375 g di farina
300 g di zucchero
190 g di mandorle con la buccia
3 uova
1 cucchiaino e mezzo di lievito per dolci
1 cucchiaino e mezzo di essenza di vaniglia
1 cucchiaino e mezzo di scorza di limone grattugiata
1 pizzico di sale
* 30 g di burro

Per gli altri BISCOTTI NATALIZI
250 g di farina
70/80 g di burro a temperatura ambiente
130 g di zucchero di canna chiaro
un cucchiaio di miele (20-30 g)
120 g di mandorle con la buccia tritate molto finemente (quasi farina)
2 cucchiaini di mix aromatico per vin brulé ridotto in polvere e contenente rosa canina, scorza di arancia, cannella, chiodi di garofano, cardamomo, vaniglia (l’ho trovato in erboristeria)
un pizzico di zenzero macinato
mezza bustina di lievito per dolci
Impastare il tutto e far riposare un’ora circa in frigo coperto con pellicola; stendere la pasta fino all’altezza di mezzo cm circa, ritagliare con le formine da biscotti e cuocere circa 10 minuti in forno preriscaldato a 170°-180°.