Festa dei Ceri 2016

  Sant’Ubaldo, San Giorgio, Sant’Antonio
… emozioni, arte, brocche d’autore, musica, urla, lacrime, amici, ricordi …
13-14-15 maggio 2016

13 maggio
il trenino con la banda di Gubbio

14 maggio

passeggiando ed ammirando prima del suono del Campanone

BROCCHE D’AUTORE 2016: Antonella Capponi, Renato Bertini, Tonina Cecchetti

11_20160514_130444

15 maggio
il giorno atteso!


09_13240635_1617495775243628_5030818152477802842_n

18_20160515_103806

Piazza Grande di Gubbio

Questo articolo nasce per aderire alla bella iniziativa di Fatima
Feste delle piazze!“.

 PIAZZA GRANDE di Gubbio (Perugia – Italia)

Comune di Gubbio
Foto dall’alto della Piazza (da Comune di Gubbio)

Piazza Grande rappresenta la città di Gubbio.
La piazza pensile, realizzata in epoca medioevale, si appoggia su quattro grandi arcate, gli arconi, e su di essa si affacciano alcuni tra i palazzi più importanti della città: lo stupendo e maestoso Palazzo dei Consoli, realizzato tra il 1332 e il 1338 e considerato uno dei palazzi pubblici più belli d’Italia, e il Palazzo Pretorio, sede municipale.

In alto a sinistra del Palazzo dei Consoli, si erge la torre campanaria con IL CAMPANONE, “voce di Gubbio” nelle feste civili e religiose.
Il campanone risale al 1769 e viene suonato dai campanari della Compagnia dei Campanari.

Gubbio e Piazza Grande vivono il 15 maggio di ogni anno un evento memorabile: la Corsa dei Ceri.

Non ci sono parole per descrivere l’atmosfera di questa giornata vissuta non solo in Piazza Grande, ma in tutta la città per culminare, al termine della corsa, nella basilica di Sant’Ubaldo, Patrono della città.

Festa dei Ceri 15 maggio 2009

Si possono consultare gli spazi web dedicati alla festa, oltre alle riprese in diretta.
Questi i link:

Baccalà alla ceraiola

Il tradizionale Baccalà alla ceraiola sarà distribuito stasera, “sotto gli arconi”, quando il suono del Campanone richiamerà tutti in Piazza Grande.

Piazza Grande

» ricetta1 » ricetta2 » ricetta3

Inoltre:
» Campanone: La voce di Gubbio  
» Documenti sulla fusione del Campanone di Gubbio