PIZZATA LIGURE (Mattia Poggi e Caterina Betti)

DIRETTA di oggi: La “pizzata ligure” di Mattia Poggi con Cucinare catering eventi e Caterina Betti.
Bravissimi e buonissima anche se ho dovuto apportare la variante del gorgonzola e non ne avevo molto.
La diretta fino a domani su Instagram https://www.instagram.com/cucinare_catering_eventi/?hl=it

PIZZATA LIGURE

Brioche 448 di Paoletta

Brioche 448 di Paoletta
Brioche 448 di Paoletta

DIRETTA di ieri: BRIOCHE 448 di Paoletta!
Qualche errore (in alcuni punti non avevo ben sigillato, credo), ma buonissima!
Grazie di cuore a Paola Sersante ed Erica Liverani.
link alla ricetta: https://aniceecannella.blogspot.com/2017/09/la-brioche-4-e-quattr8.html

Torta al testo condita

Torta al testo condita
Torta al testo condita

Impastare circa 300 g di farina 0 messa a fontana sulla spianatoia con 150 ml di acqua e latte (metà acqua e metà latte), un uovo battuto, due cucchiai di parmigiano grattugiato e uno di pecorino romano grattugiato, un cucchiaio scarso di strutto e un cucchiaio di olio evo, un cucchiaino (o meno) di sale, una bustina di lievito istantaneo per torte salate. Io ho impastato con il bimby per 1’30” a vel spiga e poi continuato a mano.
L’impasto deve essere morbido, ma non appiccicoso.
Lasciar riposare almeno mezz’ora avvolta in pellicola o tra due piatti.
Nel frattempo, riscaldare alla massima potenza il forno (io ventilato) mettendo sul fondo il testo rotondo (il mio è di circa 40 cm di diametro).
Trascorso il tempo di riposo, stendere con il mattarello in forma rotonda la torta allargandola anche con le mani prendendola da sotto fino alla larghezza del testo. Mettere nel testo bollente e bucherellare con una forchetta. Cuocere per circa 20 minuti e poi rovesciare e continuare la cottura per altri 10 minuti circa.
I tempi dipendono dal forno e quindi è bene controllare.
La torta è cotta quando è ben dorata e “suona” battendola.
Buon appetito con torta, salumi, verdura cotta, formaggi, bistecchine di capocollo di maiale, salsicce …!

Quanti ricordi di quando la preparava la mia mamma …

Consigli e “riciclaggio avanzi”: frittelline

Consigli e “riciclaggio avanzi” (foto pessima!)
Frittelline:
un avanzo di impasto gnocchi di patate (circa 100 g)
qualche falda di peperone e zucchina gratinati (frullare grossolanamente)
uno/due uova
farina q.b. per avere una pastella consistente, ma non dura
un pizzico di pepe
un pizzico di lievito per torte salate
Friggere a cucchiaiate in olio caldo ruotando la padella e molto velocemente perché scuriscono subito.

Avevo queste cose, ma naturalmente si può partire da zero: per esempio patata lessata e schiacciata ed altre verdure cotte in padella con olio e sale o ciò che più ci piace. Oppure fare una variante con formaggio grattugiato e dadini di prosciutto cotto … insomma QUELLO CHE VI PARE!

Frittelline e Filetto di persico

Filetto di persico cotto in padella con olio e tanto succo di limone e spezie varie: timo, paprica dolce, prezzemolo, peperoncino, sale.

GRISSINI

Grissini misti: semplici e con semini
Ricetta da “La Cucina Italiana”

  • 300 g farina 0
  • 200 g semola di grano duro rimacinata
  • 75 g semola di grano duro rimacinata
  • 10 g lievito di birra fresco
  • 10 g sale

70 pezzi

Si sono dimenticati di scrivere la quantità di olio che però è nel procedimento; ne ho messo 50-60 ml di girasole.
Ho diviso l’impasto in due e in una ho inserito semini vari: papavero, sesamo, zucca.

Sformatino di zucca gialla, patata e carota

Sformatino di zucca gialla, patata e carota
Sformatino di zucca gialla, patata e carota

Tagliare a cubotti una patata medio-grande, circa 350 g di zucca gialla, una carota e lessare per circa 20 minuti in poca acqua salata.
Scolare bene e far raffreddare nello scolapasta affinché si perda l’acqua.
Passare al passaverdure o frullare con una-due foglie di salvia e qualche ago di rosmarino, aggiungere due uova battute, un bel pugno di parmigiano grattugiato, circa 30 g di taleggio sminuzzato e un po’ di noce moscata, aggiustare di sale se necessita e amalgamare bene il composto (io ho usato il bimby).
Ungere con olio di girasole degli stampini da muffin (non i pirottini di carta; io ho usato quelli in silicone) e cuocere per circa 25-30 minuti in forno ventilato a 170°. Con questa dose me ne sono venuti nove.

Lasciar raffreddare bene e capovolgere se si vogliono surgelare o usare successivamente, altrimenti attendere almeno 15 minuti prima di capovolgerli e adagiarli (oppure fare una colata sopra) in una salsa di formaggio a piacere (parmigiano, taleggio o fontina o gorgonzola; sarebbe bene usare lo stesso formaggio che si è messo all’interno) preparata facendo sciogliere il formaggio con poco latte e/o panna. Guarnire con una fettina di speck arrotolato o prosciutto crudo e una foglia di salvia.

Li ho surgelati, pronti per quando mi serviranno!

PANE CARASAU con pomodori e ricotta salata

PANE CARASAU con pomodori e ricotta salata
PANE CARASAU con pomodori e ricotta salata

Non solo bruschette!
Frullare grossolanamente due tre pomodori maturi e sodi dopo averli privati dei semi insieme ad alcune foglie di basilico; salare poco ed eventualmente aggiungere un pizzico di pepe nero; condire con olio evo e aggiungere uno spicchio d’aglio che poi sarà tolto. Lasciar insaporire almeno un’ora.
Oliare leggermente con olio evo una teglia da forno molto grande, mettere sopra il pane carasau spezzettato a pezzi non piccoli.
Condire sopra con i pomodori e una grattugiata di ricotta salata.
Infornare in forno preriscaldato al massimo (250°) e tenere per non più di tre minuti.
Servire subito.

Ma anche Pane CARASAU con pomodoro, olio ed origano, caciotta e/o pecorino ed uovo fritto in padella con poco olio! Le uova già cotte vanno messe sopra al pane già pronto e vi si grattugia sopra un po’ di formaggio e e di nuovo 30 secondi in forno!!

Pane CARASAU con pomodoro, olio ed origano, caciotta e/o pecorino ed uovo fritto

Ma anche Pane CARASAU con pomodoro, olio, radicchio rosso tritato, scamorza e speck!

CIAMBELLA SALATA

farina

Di nuovo CIAMBELLA SALATA:
4 uova, 400 g di farina, 100 g di parmigiano grattugiato, 100 g di pecorino romano grattugiato, un bicchiere di olio (1/2 di oliva, 1/2 di semi), un bicchiere di latte, sale, due bustine di lievito per pizze salate.
Mettere l’impasto in una teglia da forno a forma di ciambella e cuocere a 180° per circa 45 minuti.
VERSIONE DI IERI SERA per OGGI (merenda agli esami!)
200 g di farina 00 per dolci (Gran Mugnaio Spadoni)
200 g di farina 0 (Molino Artigiano Branca – Gubbio)
olio: tutto olio di mais (Cuore)
latte: fresco intero
sale fino: un cucchiaino colmo
Procedimento: mescolare in una ciotola le due farine, il lievito e i formaggi grattugiati finemente; in un’altra ciotola battere le uova con le fruste, aggiungere piano il latte e poi l’olio a filo sempre battendo, aggiungere piano piano il miscuglio di farina, lievito e formaggi.
Imburrare e infarinare la teglia e, se avanza un pochino di burro, aggiungerlo all’impasto.
Nel frattempo scaldare il forno ventilato a 200° e, quasi al momento di infornare mettere in posizione “statico” e abbassare a 180°.
Cuocere per circa 40/45 minuti facendo, verso la fine, la prova stecchino; spegnere il forno e lasciare ancora qualche minuto all’interno del forno spento. Far raffreddare, capovolgere in una griglia e far raffreddare bene (io l’ho tenuta sopra la griglia e scoperta tutta la notte).
https://www.matebi.it/2011/07/14/le-ricette-degli-esami/https://www.matebi.it/2015/07/24/ciambella-salata/