Tagliata all’aceto balsamico

Tagliata all’aceto balsamico

In un vasetto di vetro mescolare mezzo bicchiere di olio di oliva extravergine con altrettanto aceto balsamico. Aggiungere qualche bacca di ginepro, un rametto di rosmarino, una foglia di alloro. Agitare e lasciar riposare.

Cuocere una bistecca di vitello alta, leggermente impepata, per due minuti nella padella antiaderente, girare, salare e ripetere dall’altra parte. Lasciar riposare la carne per alcuni minuti tra due piatti. Tagliarla, poi, a fettine di circa mezzo centrimetro, mettere in un piatto da portata, mescolare il fondo di cottura con qualche cucchiaio di olio all’aceto balsamico e condire la carne. Servire subito guarnendo con qualche foglia di insalatina e chicchi di melograno.

Il condimento utilizzato anche per l’arista all’aceto balsamico, si può conservare e tenere pronto anche per altre preparazioni.

Ottobre 2009: Variante per il condimento

Prima di cuocere la carne mettere in una fondina olio extravergine d’oliva, un cucchiaio di bacche rosa e aceto balsamico.
Cuocere la carne allo stesso modo nella piastra senza mettere il pepe e salando dopo la cottura. Tagliare e mettere la carne nel condimento. Mescolare rapidamente per far insaporire e servire subito con una insalatina fresca.

Crema di funghi

Crema di funghi: si prende una confezione di funghi porcini e si mette in ammollo in una terrina con acqua tiepida e si lascino per un’oretta almeno. Si fa un trito di cipolla e si mette a soffriggere in poco olio, si aggiungono i funghi porcini e si fanno cuocere usando l’acqua nella quale sono stati fatti ammollare ( l’acqua si filtra con un colino fitto in modo che non passi la sabbiolina dei funghi). Dopo un’oretta di cottura, quando l’acqua sarà evaporata completamente, si aggiungerà sale q.b., e una panna liquida.Si farà cuocere ancora un poco quardando che la panna non attacchi. Alla fine della cottura per fare la crema si frullerà il tutto o si passerà con un passaverdura. Ottima per preparare scaloppine o involtini oppure per condire primi piatti… Un bacio Ferny

grazie mt

Ciao! Volevo dirti che i funghi sono quelli secchi … a volte aggiungo anche qualche fungo trifolato che preparo in questo modo … Prendo dei funghi champignon (quelli bianchi), li pulisco dal gambo, li lavo, li affetto sottili poi li metto in un tegame con un filo di olio e li salo con il mio “aglione“, aggiungo una spruzzata di limone, un bicchiere di acqua e li cuocio per circa un’oretta. Alla fine metto un poco di prezzemolo tritato…Baci Ferny

ancora grazie mt

Polpette di Natale e Carnevale

Polpette di Natale e Carnevale

Mettere in una casseruola olio, un fine trito di sedano, carota, cipolla, far scaldare senza soffriggere, aggiungere 600 g di carne macinata di tre qualità, vitello, maiale, petto di pollo o tacchino. Lasciar cuocere per qualche minuto e aggiungere poca salsa di pomodoro. Salare e continuare la cottura per circa 10 minuti. Il liquido si deve riassorbire solo in parte.
Aggiungere 150 g di pane grattugiato (la quantità può essere aumentata o diminuita secondo la consistenza dell’impasto).
Amalgamare e lasciar raffreddare. Aggiungere due-tre uova battute, 150 g di parmigiano grattugiato, un’abbondante grattugiata di noce moscata e di buccia di arancia o limone (meglio arancia) , un pizzico di cannella macinata, un pizzico di pepe (facoltativo). Amalgamare bene e aggiungere 50 g di pinoli (facoltativo).

Formare le polpette della grandezza desiderata e cuocere:

  • in brodo portato a bollore, per pochi minuti, servendole calde, dopo averle fatte ben sgocciolare, accompagnate da parmigiano grattugiato e salsa semplice di pomodoro preparata con gli odori
  • in una larga casseruola coperte di salsa di pomodoro abbastanza liquida (eventualmente allungata con un po’ di acqua o brodo) finchè non si è addensato il sugo
  • schiacciate leggermente, in una padella antiaderente, facendo formare una crosticina da ambo le parti
  • fritte in olio caldo: in questo caso le dimensioni delle polpette devono essere ridotte

Le polpette di mia suoceraLe polpette di mia suocera

polpette
… e queste sono le mie! 28 dicembre 2019

TORTA PINGUI’

TORTA PINGUI’

4 uova 200 grammi di farina 200 grammi di zucchero 60 grammi di burro fuso + 3 cucchiai di olio di semi 3 cucchiai di cacao amaro una bustina di lievito per dolci.

Imburrare una teglia e scaldare il forno a 180°. Mettere tutti gli ingredienti nel frullatore e amalgamare,versare nella teglia e infornare per circa venti minuti. A cottura ultimata,lasciar freddare la torta ottenuta e sciogliere a bagnomaria circa 240 grammi o più (per i golosi è sempre meglio abbondare!!!) di cioccolato fondente. Versare poi il cioccolato fuso sulla torta dopo averla divisa a metà. Dopo ciò,preparare una scatola di panna montata e,solo dopo essersi accertati che lo squaglio versato precedentemente si sia freddato,fare un secondo strato con la panna montata. Ricoprire il dolce con l’altro disco tagliato dalla base e riporre in frigo. Spolverare con zucchero a velo. Giada

°°°°°°°°
Giada è una mia alunna che stamani ha portato questo ottimo dolce a scuola

Pennette con la ricotta

Pennette con la ricotta

Amalgamare nel piatto dove si condirà la pasta un cucchiaio abbondante di ricotta, un cucchiaio di parmigiano grattugiato, un cucchiaio di latte, mezzo cucchiaio di olio di oliva extravergine, un pizzico di sale, un trito di prezzemolo.

Riscaldare il composto tenendo il piatto sopra la pentola dove cuoce la pasta. A cottura ultimata, versare nel piatto e servire subito.

  • la dose è per ogni persona, poi dipende dalla quantità di pasta che si cuoce
  • questa ricetta era in una dieta per tenere “sotto controllo” il fegato
  • è molto buona e veloce per chi, come me, ha poco tempo
  • si possono anche fare delle varianti: per esempio aggiungendo dei pezzettini di salmone affumicato, oppure un pizzico di pepe, o asparagi già cotti a pezzettini e …in tutte quelle ricette dove si usa la panna

Frappe e crestine di Carnevale

Carnevale non è ancora finito…

Le mie frappe-chiacchiere: 250 gr di farina, 50 gr di burro, due cucchiai di zucchero, una bustina di lievito per dolci, un tuorlo e un uovo intero, due cucchiai di rum, una bustina di vanillina, latte, sale, zucchero a velo.

Sciogliere il burro a bagnomaria. Setacciare la farina col lievito e porla a fontana. Al centro mettere zucchero, uovo e tuorlo, un pizzico di sale, la vanillina, il rum e il burro fuso ormai freddo. Lavorare bene e formare una palla. Stendere l’impasto col matterello utilizzando un tagliere oppure una tovaglia di stoffa cosparsi di farina. Ricaverete una sfoglia piuttosto sottile. tagliere oppure una tovaglia di stoffa cosparsi di farina. Ricaverete una sfoglia piuttosto sottile. Tagliare delle strisce larghe 2 cm. Friggerle in abbondante olio di arachidi ben caldo. Una volta fritte, spolverizzare di zucchero a velo. Eccovi infine le crestine, tipici ravioli dolci di Carnevale, che vi propongo nella delicatissima versione al forno, senza frittura.

Crestine di carnevale: 300 gr di farina, 200 gr di burro, 300 gr di ricotta di mucca, 1 bustina di lievito per dolci, un vasetto di nutella, marmellata di albicocche e ciliege, zucchero a velo vanigliato .

Lavorare insieme burro morbido a pezzetti e ricotta. Setacciare la farina col lievito e porla a fontana. Al centro mettere il composto di ricotta e burro, lo zucchero, un pizzico di sale, Lavorare bene e formare una palla, che metterete in frigorifero per 40 minuti. Stendere poi l’impasto col matterello utilizzando un tagliere oppure una tovaglia di stoffa cosparsi di farina. Ricaverete una sfoglia piuttosto sottile, alta circa ½ cm. Ritagliare tanto quadrati di lato cm.10. Farcire ogni quadrato con confettura o Nutella, quindi piegarli a triangolo e chiuderli bene. Disporre le crestine ottenute su una teglia coperta da carta da forno e cuocere 20 minuti in forno pre-riscaldato a 180°. Una volta cotte (saranno dorate), spolverizzare di zucchero a velo.

le ricette graditissime sono di cacaoamaro: nel suo blog si possono trovare molte altre ricette

Patate e funghi

Patate e funghi

Tagliare a fette molto sottili le patate sbucciate e i funghi champignons o di altro tipo. Condire separatamente con olio d’oliva extravergine, sale, un pizzico di pepe,prezzemolo e aglio tritati, mescolando in un piatto … con le mani in modo che il condimento sia uniforme.

Stendere in una larga teglia antiaderente da forno le patate e poi i funghi.

Cuocere in forno preriscaldato al massimo per circa dieci minuti.

°°°°°°

le patate verranno ben dorate e croccanti, quasi come fritte

 

San Valentino 2004

menu 14 febbraio 2004

http://web.tiscali.it/PorcellaneParolini/idillio.jpg

Rosa di bresaola di cinghiale con ravioli, porri e salsa di vino rosso

Piccolo soufflé al Castelmagno e pere al pepe rosa

Delizia di risotto all’indivia belga e champagne

Guazzetto di lenticchie e tortelli aromatici di gallina

Intarsio di vitello con crema di tacchino e camembert su letto di carciofi croccanti

Piccola mousse di mandarino con salsa di passion fruit perle di meringa e cialdine

Caffè

Prosecco di Valdobbiadene Foss Marai

Grechetto Poggio del Belvedere Caprai

Polago Barberani

Moscato di Strevi naturale Villa Banfi

“ALLA POSTA DEI DONINI” RESIDENZA D’EPOCA

grazie ai miei amici

il mio profilo da un test

Tipo IFN
Orientamento Funzione dominante Funzione d’appoggio Funzione terza Funzione inferiore Tendenza
Introverso Sentimento Intuizione Sensazione Pensiero Giudicante
Questo tipo introverso sentimento riesce a coniugare delle caratteristiche apparentemente contraddittorie. È infatti nello stesso tempo tranquillo ed appassionato, socievole e riservato. Ha una personalità complessa. Possiede una scala di valori molto differenziata che però non comunica apertamente o direttamente agli altri. La sua comunicazione è per così dire indiretta. Non cerca di spiegare o imporre i valori nei quali crede (come potrebbe fare un estroverso). Semplicemente si comporta in funzione dei principi ai quali aderisce. Per questo motivo può diventare un esempio per gli altri o anche essere un leader carismatico. È generalmente una persona ben organizzata, decisa e capace di pianificare razionalmente la sua esistenza. Ama porsi degli obiettivi e muoversi in situazioni chiare e ben definite. La sua funzione inferiore è il pensiero. Non è particolarmente interessato ad analisi basate su un approccio freddamente logico e obiettivo. È aperto e interessato alle nuove idee ma tende a focalizzare la sua attenzione solo su un numero limitato di esse. Quando si dedica o si interessa a qualcosa lo fa in maniera approfondita. Non è un superficiale. Rischia però di tralasciare dei dettagli pratici importanti o di non prestare sufficiente attenzione alle cose nuove che bisogna fare. In alcuni casi appare come un eccentrico o un visionario. Ha bisogno, come la maggior parte degli introversi, di periodi di solitudine o di isolamento. Può avere delle spinte religiose o interessi spirituali. Frequentemente è anche interessato al campo psicologico. Generalmente non ha un senso pratico sviluppato e può non essere molto realistico. Tende ad esprimersi in maniera chiara, soprattutto per iscritto. È una persona tranquilla e gentile che sa ascoltare i suoi interlocutori senza cercare di imporsi. Attribuisce una grande importanza all’armonia delle relazioni e sopporta con difficoltà le situazioni di tensione. Può mancare di flessibilità e essere troppo drastico in alcune sue valutazioni. Tende ad offendersi con una certa facilità perché prende le cose molto seriamente e su un piano personale. Dal punto di vista lavorativo può essere attratto da professioni che lo mettano in contatto con le persone, soprattutto se gli consentono di instaurare rapporti personali. Essendo determinato ed organizzato può essere un buon dirigente. Preferisce le situazioni nelle quali può disporre di un grado elevato di indipendenza. Con le persone riesce a stabilire degli ottimi rapporti ma corre il rischio di non essere sempre giusto o imparziale pur di evitare degli scontri sgradevoli.
Ho fatto questo test: in alcune cose mi ci ritrovo mt