Pasticcio di patate

Lessare in acqua salata quattro-cinque patate medie. Nel frattempo mescolare in una ciotola una-due salsicce sbriciolate, un paio di fettine di prosciutto e di pancetta tritati finemente con le forbici, un bel pugno di parmigiano grattugiato, dadini di formaggio (caciotta o pecorino morbido o groviera), una  grattatina di noce moscata, due uova battute, una noce di burro, un paio di cucchiai di pane grattugiato.
Scolare le patate e tagliarle grossolanamente, aggiungere il tutto precedentemente preparato e mescolare.
Imburrare uno stampo da ciambella e cospargere con il pane grattugiato. Mettere il composto senza schiacciarlo ed infornare in forno preriscaldato a 170°-180°.   Cuocere per circa 40 minuti.

Friccò di coniglio e pollo

Ho preparato per dei carissimi amici questo piatto della nostra tradizione umbra che a Gubbio si chiama friccò e nel perugino all’arrabbiata.
Ho usato un coniglio e mezzo pollo nostrani di quelli ancora allevati in casa.

Tagliare a pezzi non molto grandi le due carni, lavarle ed far asciugare un po’ in uno scolapasta.
Preparare in una tazza il liquido che servirà per la cottura con un buon vino bianco, 3-4 spicchi d’aglio schiacciati, due rametti di rosmarino spezzettato, due foglie di salviasale e pepe nero.
Questo metodo me lo ha insegnato una mia vicina di casa.

Mettere i pezzi di carne separatamente in due padelle ben riscaldate a fuoco vivo, scolare due-tre volte il liquido che si forma (la scazzottatura …) .
Mettere l’olio d’oliva extravergine (5-6 cucchiai) in un tegame abbastanza largo e scaldarlo.
Unire le carni e far rosolare molto bene a fuoco vivo, girando spesso.  Si deve ottenere una bella rosolatura  brunita facendo attenzione a non far bruciare la carne.  Bagnare con il vino e aromi e far sfumare.
Coprire e continuare la cottura a fuoco basso per una mezz’ora.
Se è  necessario aggiungere qualche  cucchiaio di acqua calda.
Togliere il coperchio, unire i pomodori a pezzetti (la quantità dipende da quanto sughetto si vuol ricavare; ho usato un barattolo e mezzo di pomodoro a pezzetti, meglio se fossero pomodori freschi); aggiustare eventualmente con il sale e il pepe  e proseguire la cottura   fino a quando la carne sarà ben cotta e il sughetto trasparente.

Questo piatto si può preparare anche con un solo tipo di carne: pollo, agnello, coniglio, vitello o anche misto come questo.
Servire con pezzi di  torta al testo  (crescia a Gubbio) ben calda e verdura cotta ripassata in padella (cicoria).

Due torte

Oggi pomeriggio a PG due torte:

  • la torta al formaggio a forma di ciambella e con groviera a pezzetti al posto del pecorino romano
    (4 uova, 400 gr di farina, 100 gr di parmigiano grattugiato, 100 gr di pecorino romano grattugiato, 100 ml di olio, un bicchiere di latte, sale, due bustine di lievito per pizze salate.)Torta al formaggio

Chi ha apprezzato di più è stato mio suocero che, prima di cena, furtivamente e velocemente, se ne è tagliata una fettina di quella salata e, a fine cena,  mangiando quella dolce mi ha detto di tornare domani a rifarla …

… domenica 24 luglio … ho rifatto la torta di mele e il Pasticcio di patate.

nuova dose per la torta di mele:

250 gr di farina – 150 gr di zucchero (un pochino di più se piace più dolce)  – 3 uova – 50 gr di burro e tre cucchiai di olio di semi, succo di mezzo limone, 3/4 mele, cannella in polvere, 50 gr di pinoli, una bustina da 1/2 kg di lievito per dolci, zucchero al velo

Tagliare le mele a pezzetti piccoli, metterle in un piatto e irrorarle con il succo del limone, due cucchiai dello zucchero previsto, un po’ di pinoli e un bel pizzico di cannella in polvere.  Mescolare delicatamente.
In una ciotola battere a neve ferma le chiare con un pizzico di sale; a parte battere con la frusta i tuorli con il restante zucchero finchè il tutto risulti ben montato. Aggiungere il burro morbido a pezzetti e l’olio. Battere ancora un po’  e versare questo composto liquido nella farina disposta in una ciotola più grande, incorporare il tutto, aggiungere le mele macerate nel limone e zucchero, il lievito setacciato ed infine delicatamente le chiare a neve.
Versare in una tortiera di 24 cm di diametro ben imburrata e leggermente infarinata.
Cospargere sopra con i restanti pinoli.

Cuocere in forno preriscaldato a 170°-180° per circa 25 minuti (la temperatura e i tempi dipendono, al solito dal proprio forno).
Quando la torta si è un po’  raffreddata sformarla e disporla in una griglia da torte, decorare sopra con zucchero al velo.

In questo caso l’ho servita accompagnata da amarene di Cantiano in sciroppo.

——————————————-

Una tortina di mele per i bimbi … di oltre 190 anni in due!

al solito faccio seguendo ricette e un po’ ad occhio… comunque la ricetta base è nel mio blog (ho messo meno burro, ma una vaschetta di ricotta da 100 gr e no i pinoli sopra); le mele sono condite con limone zucchero cannella e un goccino di liquore moretto e messe infilate nell’impasto e poi ancora una spolverata di zucchero sopra

Insalata di riso

Prendendo spunto dall’ottima insalata di riso di P., ho condito il riso, precedentemente lessato e raffreddato, così con ciò che avevo in casa:

  • pomodori rossi a pezzetti precedentemente tenuti sotto sale per far fuoriuscire un po’ di siero
  • dadini di mozzarella
  • un uovo sodo con il rosso poco cotto che ho sbriciolato bene con la forchetta, mentre l’albume l’ho ridotto a dadini
  • alcune foglie basilico tritato
  • una vaschetta di tonno sott’olio (scolato) sbriciolato
  • un cucchiaio di capperi piccoli sott’aceto
  • tre cetriolini sott’aceto a fettine
  • olio evo
  • poco aceto
  • poco sale e un pizzico di pepe

Mettere al fresco almeno per un paio d’ore per farla ben insaporire.

Le ricette degli … esami

Nelle lunghissime giornate in cui abbiamo lavorato durante gli esami, i nostri pranzi sono stati  confortati da:

torta salata con pomodorini

Ingredienti: una base di pasta sfoglia, circa 200 gr. di robiola, 100 gr. di yogurt naturale (un vasetto), 2 cucchiai di basilico e timo tritati, 12-14 pomodorini ciliegia, 2 cucchiai di olio evo, sale q.b.
Mischiare lo yogurt e la robiola con il sale ed il trito, mentre i pomodorini andranno divisi a metà e conditi con l’olio e un po’ di trito delle 2 erbe aromatiche e lasciati insaporire. Stendere la pasta e sopra livellarvi con una spatola la crema di formaggi, quindi adagiarvi sopra capovolti i pomodorini, evitando di appoggiarli lungo il bordo. In forno caldo per 20 min. a 180°.

quiche alle verdure

base di pasta sfoglia, ripieno di verdure a pezzetti, dadini di pancetta, uovo

torta al formaggio farcita

4 uova, 400 gr di farina, 100 gr di parmigiano grattugiato, 100 gr di pecorino romano grattugiato, un bicchiere di olio (1/2 di oliva, 1/2 di semi)  , un bicchiere di latte, sale, due bustine di lievito per pizze salate.
Stendere l’impasto in una teglia da forno larga e cuocere a 160°/180° per circa 45 minuti.
Dopo aver tolto  la torta  dal forno lasciarla raffreddare. Tagliare in orizzontale e farcire con tonno e maionese.
(in attesa di ricetta precisa) ora ok!
di mcb 

pizza al pomodoro e mozzarella, rosmarino, al sale

pizza in varie versioni fatta in casa.

insalata di riso

insalata di riso condita con olio e aceto, con tonno e pezzetti di verdure fresche: pomodori, cetrioli, basilico.

crostata con marmellata di agrumi e mandorle

Ingredienti: 3 uova, 180 g di zucchero, 180 g di burro, farina quanto serve (400/500 g a seconda della dimensione delle uova), 1 cartina da mezzo kg (utilizzarne solo metà dose), 1 limone, mandorle sgusciate e marmellata di agrumi.

Procedimento: preparare la fontana di farina, aggiungere le uova avendo precedentemente tolto una chiara, strizzare il limone e mescolare il composto, aggiungere zucchero e cartina ed infine il burro precedentemente fuso.

Impastare energicamente e aggiungere farina se necessario. Formata la pasta inserirne la metà esatta in una casseruola precedentemente imburrata, stendere la marmellata di agrumi. Con il restante impasto fare delle striscioline e disporle sopra intrecciandole. Infine spargere le mandorle a piacere. Infornare a 220 gradi con ventilazione per 20 minuti circa fin quando la crostata non ha raggiunto la doratura desiderata.

torta all’ananas

10 cucchiai di farina, 10 cucchiai di zucchero,  6 uova, una bustina di lievito per dolci, ananas sciroppato a fette. (in attesa di ricetta precisa)

mantovana

Ingredienti: 5 uova, 190 gr di zucchero, 150 gr di burro,
1 limone, 100 gr di farina, 100 gr di fecola, 1 cartina da mezzo kg, 1 bustina
di pinoli.

Procedimento: in una casseruola sbattere insieme le uova ed il limone spremuto, aggiungere zucchero e cartina e frullare di nuovo.
Infine aggiungere farina, fecola e burro fuso. Amalgamare bene. In una teglia
precedentemente imburrata inserire l’impasto aggiungendo pinoli a piacimento.
Mettere in forno a 160 gradi per 20 minuti circa.

muffins salati e dolci

la ricetta qui nel blog

torta di Pasqua con salumi

la ricetta qui nel blog

Grazie alle colleghe che mi hanno permesso di pubblicare le ricette!!

Pronti per domani: muffins

Da poco sfornati e pronti per domani:
Muffins dolci e salati

da qui : Cherry Muffins gluten free e da qui Muffins salati con qualche variante.
Assaggiati e sembrano veramente buoni!

Grazie a Ade per la prima ricetta!

Aggiornamento del 13 luglio

Muffins dolci
Al posto delle ciliegie ho usato pezzetti di visciole sotto zucchero fatte in casa per alcuni e pezzetti di cioccolata fondente per altri.

Muffins salati
Ho messo dadini di mortadella al posto dello speck e aggiunto pezzetti di pomodoro fresco. Poi un vasetto di yogurth bianco e un pochino di latte fresco.

le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate, erano le tue

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale
      e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
      Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.
      Il mio dura tuttora, né più mi occorrono
 le coincidenze, le prenotazioni,
      le trappole, gli scorni di chi crede
      che la realtà sia quella che si vede.

      Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
      non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.
Con te le ho scese perché sapevo che di noi due
      le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
      erano le tue.

Eugenio Montale   [da Satura]

Suggestione da esami

Torta di Pasqua (mdp)

Torta di Pasqua Epifania 2020
Torta di Pasqua Epifania 2020

Questa è la ricetta originale: www.matebi.it/torta-di-pasqua-per-l’epifania

TORTA DI PASQUA UMBRA (PIZZA UMBRA) – 3

• uova 4
• latte tiepido mezzo bicchiere scarso (l’impasto deve risultare morbido)
• olio 2 cucchiai
• burro fuso gr 60 (sostituibile con olio, più tradizionale)
• sale 1 cucchiaio
• farina 0 hg 3
• manitoba hg 1
• formaggi grattugiati tot. hg.1,3 (parmigiano gr 80, pecorino stagionato gr 40, pecorino romano gr 10, tali proporzioni possono essere variate in base al gusto personale)
• lievito fresco gr 25 o 1 bustina secco con 2 cucchiaini di zucchero
• formaggi a pezzetti gr 80 (groviera e pecorino fresco) da aggiungere al beep

Mie correzioni:

  • il latte non lo scaldo tanto ci pensa la macchina nel preriscaldamento (meglio se fresco e intero)
  • parte della farina può essere 0 o 00 (quella di oggi era 00)
    In totale 425 gr: se è un pochino più di manitoba  e un po’ meno dell’altra non importa
  • formaggi grattugiati: 140/150 totale ( circa 100/110 parmigiano reggiano e 30/40/50 pecorino romano … dipende dai gusti)
  • il burro si può sostituire con 45/50 g di strutto
  • i 2 cucchiaini di zucchero metterli comunque, anche se si usa tutto lievito fresco che non sciolgo nel latte ma metto sopra alla farina che è l’ultimo ingrediente da inserire nella vaschetta (prima i liquidi, le uova, burro a pezzetti, sale, zucchero, formaggi grattugiati e infine farina e lievito).
    Metto una bustina di lievito secco (come Mastro Fornaio) e una puntina di lievito fresco sbriciolato (il lievito fresco si può anche surgelare e poi non bisogna scongelarlo, in pochissimo tempo è già ammorbidito)
    Va comunque bene solo un dado da 25 g di lievito fresco
  • groviera, circa 100-150 g a dadi non molto piccoli, perché la macchina, nel  re-impastare li spezzetta troppo.

Programma 3 (3h 50′): nella mia macchina. In genere è quello più lungo per il pane nero.

Prima usavo il programma 1, ma ho visto che mi viene meglio con questo più lungo. Doratura 1 o 2. Ieri sera mi sono sbagliata e ho messo la 3, ma ho spento la macchina 8 minuti prima del termine e l’ho lasciata aperta. Ho tolto la torta dopo 8 minuti e l’ho subito capovolta e messa sopra una griglia per farla raffreddare.

Grazie per averla apprezzata!!