La pizza con la macchina del pane

PizzeVenerdì sera ho provato a fare l’impasto della pizza con la macchina del pane.
Ho seguito la ricetta n. 4 (pag. 208) del ricettario di gielleffe e programmato per “Impasto” (1.50 h nella mia macchina).

280 ml di acqua tiepida
1 cucchiaio di olio
1 cucchiaio di zucchero
1 cucchiaino di sale
400 gr di farina 0
1 bustina di lievito secco Mastro Fornaio

Sono rimasta soddisfatta anche se ho dovuto riaggiungere un pochino di farina per fare i panetti per le singole pizze. Dopo aver steso la pasta nelle teglie da pizza, l’ho fatta rilievitare circa mezz’ora.

Ho condito entrambe con pomodoro a pezzetti precedentemente insaporito con un pizzico di sale, uno di pepe e un cucchiaio di olio extra vergine di oliva.

Le ho fatte cuocere in forno preriscaldato al massimo della temperatura per sei-sette minuti. Ho aggiunto la mozzarella a fettine scolata in un colino per non far formare troppa acqua durante la cottura.

In una delle due ho messo anche dei pezzetti di gorgonzola dolce, nell’altra delle fettine di funghi champignons. Altri 5 minuti in forno ed ecco la pizza pronta per cena.

Ho poi ricoperto quella con i funghi con fette di prosciutto crudo subito dopo averla tolta dal forno.

Menu del 15.02.2009

Menu del 15 febbraio 2009

Negli ultimi tempi mi ripeto un po’, ma con ospiti diversi si può proporre lo stesso piatto: in questo caso solo l’antipasto.

Antipasto:
Sformatino freddo di formaggi con lamelle di mandorle e miele di castagno
Sfogliatine con aromi
Capocollo umbro
Cotognata

Primo:
Cuori colorati con ripieno di prosciutto

Secondo:
Coniglio saporito con salsa di senape e panna con contorno di insalatina mista

Dessert
Dolci di Carnevale e frutta

Sfogliatine con aromi

sfogliatine agli aromiStendere la pasta sfoglia fresca in carta da forno. Battere un uovo con un pochino di acqua, sale e aromi vari tritati finemente come prezzemolo, erba cipollina, rosmarino

Pennellare con l’uovo aromatizzato la pasta sfoglia cercando di far aderire il trito di aromi.

Tagliare con la rotellina dentata dei rombi o striscioline, oppure ritagliare con delle formine per biscotti.

Infornare a 180°-200° gradi finchè le sfogliatine non siano dorate.

Dividerle delicatamente e servire come stuzzichino o accompagnamento per antipasti.

Salsa di noci

Una salsa ottima e veloce per condire ravioli come quelli con ripieno di prosciutto.
Tritare grossolanamente i gherigli di una decina di noci.
Scaldare in un pentolino un pezzettino di burro, mettere le noci e far insaporire per due minuti.
Aggiungere della panna fresca e far sobbollire per alcuni minuti a fuoco dolce.

Chiudere il fornello e incorporare due cucchiai di parmigiano grattugiato e un pizzico di pepe. Condire i ravioli con la salsa e altro parmigiano. Servire subito.

Risotto al Nero d’Avola con salsa di taleggio

Risotto al Nero d'Avola con salsa di taleggioPreparare la base del risotto con uno scalogno grande stufandolo con poco olio, un pezzetto di burro e un pizzico di sale.

Nel frattempo preparare in un pentolino un brodo vegetale (un po’ più del triplo di acqua del riso: un mestolo di riso e tre di acqua).

Versare il riso e cuocerlo per 2-3 minuti finchè non diventa traslucido, girando delicatamente e spesso; aggiungere il Nero d’Avola e farlo evaporare.

Aggiungere quindi due-tre mestoli di brodo bollente. Mescolare dolcemente e non toccare fino alla successiva aggiunta di brodo. A fine cottura mantecare con un pezzetto di burro e qualche cucchiaio di parmigiano grattugiato.

Servire subito versando sopra la salsa di taleggio ben calda.

Salsa di taleggio: Mentre il riso cuoce mescolare in una ciotola della panna fresca con pezzetti di taleggio, un pizzico di pepe bianco, un cucchiaio di parmigiano grattugiato. Scaldare nel microonde fino ad ottenere una crema.

Per ogni persona si può usare un mestolo da brodo di riso.

Ringrazio chi mi ha dato la ricetta giorni fa. Ho voluto subito provare: veramente ottimo!

Cuori colorati con ripieno di prosciutto

Pasta colorata e ripieno di prosciuttoIngredienti e preparazione del ripieno:

2 patate medie lessate e schiacciate
100 gr di ricotta
abbondante parmigiano grattugiato
150-200 gr di prosciutto crudo saporito tritato bene
un pizzico di noce moscata
un pizzico di pepe e uno di sale

Amalgamare bene tutti gli ingredienti.

Pasta colorata:
3 uova, 300 gr di farina 0, un cucchiaio di olio, un cucchiaio di vino bianco, un pizzico di sale
.

Impastare bene e poi dividere in tre parti.
In una parte aggiungere un cucchiaio di spinaci lessati, strizzati e tritati, nell’altra qualche cucchiaio di salsa di pomodoro o un cucchiaio di concentrato di pomodoro. Rimpastare bene ciascun panetto colorato e, se dovessero essere troppo morbidi, aggiungere della farina.
Io impasto inizialmente con il robot da cucina e poi completo “a mano” sulla spianatoia.

Stendere la sfoglia con la macchina della pasta arrivando fino alla penultima tacca; pennellare con uovo battuto,  mettervi sopra i mucchietti di ripieno distanziati tra loro, ricoprire con un’altra sfoglia e pigiare con le mani “a coltello”  intorno al ripieno facendo in modo che non rimanga aria all’interno. Ritagliare con una formina da biscotti a forma di cuore e disporre i ravioli in un vassoio di cartone infarinato e lasciar asciugare un’oretta controllando che non si attacchino sul fondo.
Preparare un sughetto veloce di pomodoro con un pochino di burro, due cucchiai di olio extra vergine di oliva, uno spicchio di aglio, un pezzetto di cipolla e sale.

Cuocere i “cuori” in acqua bollente salata e scolarli con un mestolo forato quando tornano a galla. Versarli in una pirofila calda dove si sarà messo un pezzetto di burro.

Cuori colorati

Cospargere di parmigiano grattugiato.

Cuori colorati

Aggiungere il sugo di pomodoro e mescolare delicatamente.

Cuori colorati

BUON Appetito!

La ricetta mi è stata data da una collega per fare delle “caramelle” colorate di pasta e con  la panna da cucina al posto della ricotta che invece ho usato io.

Ravioli colorati
Ho usato gli stessi ingredienti per fare anche i tradizionali ravioli quadrati e li ho conditi con la salsa di noci.

‘Questo amore’ di Jacques Prévert

Questo Amore Cet Amour
Questo amore
Questo amore
Così violento
Così fragile
Così tenero
Così disperato
Questo amore
Bello come il giorno
E cattivo come il tempo
Quando il tempo è cattivo
Questo amore così vero
Questo amore così bello
Così felice
Così gaio
E così beffardo
Tremante di paura come un bambino
al buio
E così sicuro di sé
Come un uomo tranquillo nel cuore
della notte
Questo amore che impauriva gli altri
Che li faceva parlare
Che li faceva impallidire
Questo amore spiato
Perché noi lo spiavamo
Perseguitato ferito calpestato ucciso negato dimenticato
Perché noi l’abbiamo perseguitato ferito calpestato ucciso negato dimenticato
Questo amore tutto intero
Ancora così vivo
E tutto soleggiato
E’ tuo
E’ mio
E’ stato quel che è stato
Questa cosa sempre nuova
E che non è mai cambiata
Vera come una pianta
Tremante come un uccello
Calda e viva come l’estate
Noi possiamo tutti e due
Andare e ritornare
Noi possiamo dimenticare
E quindi riaddormentarci
Risvegliarci soffrire invecchiare
Addormentarci ancora
Sognare la morte
Svegliarci sorridere e ridere
E ringiovanire

Il nostro amore è là
Testardo come un asino
Vivo come il desiderio
Crudele come la memoria
Sciocco come i rimpianti
Tenero come il ricordo
Freddo come il marmo
Bello come il giorno
Fragile come un bambino
Ci guarda sorridendo
E ci parla senza dir nulla
E io tremante l’ascolto
E grido
Grido per te
Grido per me
Ti supplico
Per te per me per tutti coloro che
si amano
E che si sono amati
Sì io gli grido
Per te per me e per tutti
gli altri
Che non conosco
Fermati là
Là dove sei
Là dove sei stato altre volte
Fermati
Non muoverti
Non andartene
Noi che siamo amati
Noi ti abbiamo dimenticato
Tu non dimenticarci
Non avevamo che te sulla terra
Non lasciarci diventare gelidi
Anche se molto lontano sempre
E non importa dove
Dacci un segno di vita
Molto più tardi ai margini di un bosco
Nella foresta della memoria
Alzati subito
Tendici la mano
E salvaci.    
 
Cet amour
Cet amour
Si violent
Si fragile
Si tendre
Si désespéré
Cet amour
Beau comme le jour
Et mauvais comme le temps
Quand le temps est mauvais
Cet amour si vrai
Cet amour si beau
Si heureux
Si joyeux
Et si dérisoire
Tremblant de peur comme un enfant dans le noir
Et si sûr de lui
Comme un homme tranquille au millieu de la nuit
Cet amour qu faisait peur aux autres
Qui les faisait parler
Qui les faisait blêmir
Cet amour guetté
Parce que nous le guettions
Traqué blessé piétiné achevé nié
oublié
Parce que nous l’avons traqué blessé piétiné achevé nié
oublié
Cet amour tout entier
Si vivant encore
Et tout ensoleillé
C’est le tien
C’est le mien
Celui qui a été
Cette chose toujours nouvelle
Et qui n’a pas changé
Aussi vrai qu’une plante
Aussi tremblante qu’un oiseau
Aussi chaude aussi vivant que l’été
Nous pouvons tous les deux
Aller et revenir
Nous pouvons oublier
Et puis nous rendormir
Nous réveiller souffrir vieillir
Nous endormir encore
Rêver à la mort
Nous éveiller sourire et rire
Et rajeunir

Notre amour reste là
Têtu comme une bourrique
Vivant comme le désir
Cruel comme la mémoire
Bête comme les regrets
Tendre comme le souvenir
Froid comme le marble
Beau comme le jour
Fragile comme un enfant
Il nous regarde en souriant
Et il nous parle sans rien dire
Et moi je l’écoute en tremblant
Et je crie
Je crie pour toi
Je crie pour moi
Je te supplie
Pour toi pour moi et pour tous ceux qui s’aiment
Et qui se sont aimés
Oui je lui crie
Pour toi pour moi et pour tous les autres
Que je ne connais pas
Reste là
Lá où tu es
Lá où tu étais autrefois
Reste là
Ne bouge pas
Ne t’en va pas
Nous qui sommes aimés
Nous t’avons oublié
Toi ne nous oublie pas
Nous n’avions que toi sur la terre
Ne nous laisse pas devenir froids
Beaucoup plus loin toujours
Et n’importe où
Donne-nous signe de vie
Beaucoup plus tard au coin d’un bois
Dans la forêt de la mémoire
Surgis soudain
Tends-nous la main
Et sauve-nous.

 

Jacques Prévert

Sgonfiotti di pasta sfoglia

La pasta sfoglia fresca è sempre una grande risorsa in cucina!

Sgonfiotti i pasta foglia

Dopo aver steso il primo rotolo di pasta sfoglia rettangolare, ho preparato un semplice ripieno: due uova battute con un bel pugno di parmigiano grattugiato, un pizzico di noce moscata grattugiata e di sale. Ho disposto dei mucchietti di ripieno sulla sfoglia e sopra ho messo una fettina di formaggio e una di prosciutto cotto. Ho ricoperto con un altro rotolo di sfoglia e ritagliato con una rotella dei “ravioloni” rettangolari. Ho spennellato con poco uovo battuto con acqua e sale e infornato a 180° per circa 20 minuti.