Carré d’agnello e spiedini di patate

Il nostro pranzo dell’8 dicembre, con Sergio

Carré d’agnello al lardo toscano e finocchietto selvatico

Spiedini di patate

Pucce dell’Immacolata

Dolcetti: ciambelline Mr Day, pinoccate, torroncini

Carré d’agnello al lardo toscano e finocchietto selvatico
Spiedini di patate
Pucce dell’Immacolata

Carré d’agnello: acquistare il pezzo facendo tagliare dal macellaio in corrispondenza di ogni cotoletta ma non fino in fondo. Il pezzo deve essere aperto come un “libro”. Considerare due/tre cotolette a persona.
Cospargere moderatamente gli spazi tra una cotoletta e l’altra con sale aromatizzato al finocchetto selvatico, inserire sempre negli spazi una fettina sottile di lardo toscano, massaggiare esternamente la carne con un filo d’olio e sale aromatizzato. Se gradisce, mescolare al condimento anche un pizzico di pepe nero e un pizzico abbondante di aglio in polvere o aglio sminuzzato.

Legare il tutto con del filo da cucina e ricoprire le ossa delle cotolette con carta di alluminio (una per una).
Lasciar riposare almeno due ore a t.a.; se lo si vuol preparare molto tempo prima della cottura tenere in frigo con l’avvertenza di toglierlo almeno un’ora prima di cuocere.
Cuocere in forno a 180°/200° per circa 40/45 minuti controllando la cottura. Deve risultare ben dorato e morbido all’interno.
Togliere dal forno, eliminare carta d’alluminio e filo.

Spiedini di patate
Sbucciare delle patate medie, lavarle ed asciugarle, tagliarle a fette di circa 3 mm/4 mm mantenendo la forma ed infilarle in spiedini di ferro o legno oleati. Condirle con olio e sale aromatizzato e pepe. Usare le mani per far aderire meglio il condimento.
Cuocere in forno preriscaldato a 180°/200° in una teglia da forno preferibilmente senza appoggiarli. Si può cuocere tutto insieme in due teglie separate che entrino insieme nel forno. Dovranno essere cotte e ben dorate.

Servire il tutto ben caldo.

Dolcetti
Dolcetti
Commenti Facebook

This post has already been read 160 times!

» 110 views   Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.