Maritozzi e Quaresima

Spigolature dalla storia di Roma  MARITOZZI E QUARESIMA

Finito il carnevale inizia il lungo periodo della Quaresima considerato di rinunce. Nell’antica Roma per sopportare meglio il periodo di digiuno e per compensare l’astinenza dalle delizie alimentari, consolidate dal carnevale trascorso, era consentito il consumo di alcuni dolci come il pazientino quaresimale impastato a forma di lettere maiuscole e cotto in speciali placche incavate, appositamente fabbricate per quest’uso, e il maritozzo chiamato anch’esso quaresimale. Quest’ultimo nasce come tipico dolce romano confezionato dai fornai con il lievito di birra e cotto nei forni in muratura. Il maritozzo nella tradizione era molto più grande di quello che conosciamo oggi, somigliava infatti ad una pagnotta con in superficie guarnizioni di zucchero che riproducevano cuori trafitti da una freccia. Il maritozzo veniva regalato alla propria fidanzata e poteva essere usato come contenitore di un piccolo oggetto d’oro. Nella versione quaresimale il maritozzo diventa più piccolo, più cotto, quindi più scuro in superficie e viene arricchito da canditi, uvetta sultanina e pinoli.
Evidentemente la bontà di questi dolci faceva sì che se ne mangiasse più d’uno recitando tra un boccone e l’altro una curiosa filastrocca:

Er primo è pe’li presciolosi;
er siconno pe’ li sposi;
er terzo pe’ li innamorati;
er quarto pe’ li disperati;

vai al link

This post has already been read 6560 times!

» 2.327 views   Stampa questo articolo Stampa questo articolo

4 thoughts on “Maritozzi e Quaresima

  1. Ah l’hai cambiato radicalmente 🙂
    Allora per avere la colonna dei post di larghezza adattabile allo spazio disponibile potresti provare a sostituire il WIDTH: 550px; in WIDTH: 100%; negli STYLE, ovviamente di DIV.content {… ma non è necessario, così va benissimo comunque.
    Per i link ai vecchi post ho visto che usavi degli “anchor” (a name=”nome”) tuoi, ma stranamente vedo che non funzionano perché (guardando il codice) vedo che non sono MAI chiusi bene: ho provato salsicce e costanzo e vedo sempre cose tipo:
    <a name=costanzo < a>
    invece di
    <a name=costanzo></a>
    mi chiedo.. come facevano a funzionare prima? 🙂 (dato che il questo codice penso proprio sia all’interno di ogni post. Comunque ti consiglio di “convertirli” in permalisk normali, ciao!

  2. Sono nel posto giusto?..Anche tu ti fai prendere da smanie di cambiamento?..Sono appena stata nel tuo blog didattico….ci sono capitata per caso ,cercandoti..Ti faccio i complimenti, è bellissimo ed è un’idea interessante….Vorrei lasciarti una ricettina…Insalata di pollo….Prendere un petto di pollo, tagliarlo a dadini e scottarlo su un tegame,con un filo d’olio e salarlo….mantenere morbida la carne durante la cottura aggiungendo un poco di acqua..fare evaporare completamente…A parte lessare due patate ,una carota e un pugno di fagiolini…Quando saranno cotti e raffreddati…tagliarli a quadretti. Metterli in una terrina, aggiungere il petto di pollo senza sugo di cottura. ULtimare la preparazione aggiungendo funghetti sott’olio, olive verdi farcite, qualche filetto di peperone sott’olio.Lessate due uova. taGLIARLE , aggiungerle..salae il tutto e condire con un cucchiaio o due di maionese…E’ fresca e gustosa..ottima in estate…baci Ferny

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pagina 1 di 11

XML Sitemap