Scaloppe all’arancia

La ricetta è della sig.ra Anna, che ha viaggiato con noi.

Infarinare delle fette di arista di maiale e cuocere rapidamente in burro e/o olio caldo, facendo attenzione a non far staccare l’infarinatura. Quando saranno dorate spruzzare con succo di arancia e far evaporare. Distribuire sopra la buccia dell’arancia grattugiata oppure tagliata a filetti sottili e lasciar cuocere qualche minuto. Attenzione a mettere solo la parte arancione della buccia, altrimenti si avrebbe un cattivo sapore amarognolo.

Decorare con fettine di arancia e servire.

Credo che possano essere ben accompagnate da purée di patate, piselli cotti con cipolla, pezzettini di carota, olio e sale, oppure da un’ insalata agrodolce di arance pelate al vivo e affettate, qualche sottile fettina di cipolla tenuta sotto sale per una mezz’ora, olive nere e ribes, il tutto condito con olio d’oliva, sale e qualche goccia di aceto balsamico.

Magari aspetteremo la stagione invernale per prepararle …

Dalla Russia il borsh – Борщ

Il borsh  –  Борщ  – è una tipica zuppa russa coloratissima e anche molto buona.

La ricetta è della guida  che abbiamo avuto a Mosca.

Mettere in una pentola un po’ di burro o olio, aggiungere pezzetti di carne di maiale, manzo e pollo. Si può anche usare un solo tipo o due di carne.

Lasciare stufare un po’ e aggiungere acqua come per un brodo e far cuocere, schiumando se è necessario. Salare.

Aggiungere al brodo, quando la carne è quasi cotta, due patate medie a dadini e del cavolo tagliato a strisce sottili (cavolo bianco o verza bianca).  Lasciar cuocere finchè le verdure siano tenere.

Aggiungere un cucchiaio di concentrato o salsa di pomodoro e  pezzetti di pomodoro, uno spicchio di aglio schiacciato o a pezzetti. 

In un’altra pentola scaldare un po’ di burro o  olio e far stufare circa 500 gr di barbabietole rosse tagliate a striscioline sottili, poi due carote sempre tagliate a striscioline sottili, una cipolla ad anelli finissimi,  un pezzetto di  peperone rosso a striscioline. Cuocere il tutto a fuoco dolce aggiungendo qualche cucchiaio di brodo, sale e pepe nero in grani e una foglia di alloro. Le verdure devono risultare morbide. Aggiungere un cucchiaio di aceto e un pizzico di zucchero.

Versare tutte le verdure cotte separatamente nel brodo, aggiungere prezzemolo tritato e lasciar riposare insieme per almeno una quindicina di minuti.

Servire il borsh nelle tazze con alcune cucchiaiate di panna acida.

La crostata …

Cercherò di pubblicare qualche ricetta o link … per chi vuol mangiare la crostata

Crostata con la pasta frolla

250 gr di farina, 125 gr di burro, 125 gr di zucchero, due tuorli d’uovo, un pizzico di cannella in polvere (se piace), buccia grattugiata di limone

 Impastare molto rapidamente gli ingredienti: l’impasto deve rimanere un pochino ruvido.

Far riposare in frigo coperto almeno dieci minuti.

Mettere la metà circa dell’impasto sopra la carta da forno e stendere velocemente formando un disco ( si può anche mettere un foglio di carta da forno per separare dal matterello o infarinare il matterello).

Mettere con la carta forno in una teglia e togliere quella che è servita per stendere.

Formare intorno un pochino di bordo e ricoprire di marmellata.

Con il restante impasto formare un altro disco e con la rotella fare delle strisce da porre a reticolo sopra la crostata. Con i ritagli fare un cordoncino da mettere come bordo e pizzicarlo con le dita. Volendo si può dorare la pasta con un tuorlo d’uovo battuto con un pochino di acqua, usando  un pennello.

Infornare a 170° – 180° per circa 20 minuti.

Altra pasta frolla … un po’ più morbida 

300 gr di farina, 120 gr di burro, 120 gr di zucchero, una bustina di vaniglia, buccia grattugiata di limone, tre uova (uno intero e due rossi), due pizzichi di lievito per dolci.