Crostate salate di pasta sfoglia

Acquistare della pasta sfoglia già pronta, meglio se di forma rotonda.

Io le preparo così:

  • cuocere in una padella per pochi minuti delle zucchine tagliate a rondelle sottili con un po’ di olio e sale e a piacere qualche fettina sottile di cipolla. Aggiugere qualche fogliolina di maggiorana o timo o prezzemolo. Togliere dal fornello e aggiungere due/tre uova battute con un pochino di latte o panna liquida. A piacere aggiungere un cucchiaio di parmigiano grattugiato. Fare un bordo alla pasta sfoglia pizzicandola tutto intorno con le dita. Versare il composto sulla pasta sfoglia e infornare a 180° finchè il tutto non è ben dorato (circa 20-25 minuti).

    Crostata di pasta sfoglia con zucchine

  • cuocere in una padella un porro grande (la parte bianca) tagliato a rondelle sottili con poco olio e sale ed eventualmente qualche cucchiaio di acqua. Prepararare la besciamella con 25 gr di farina, 25 gr di burro e 250 ml di latte (per la preparazione vedi ricette precedenti). Mescolare il porro alla besciamella, aggiungere un pizzico di pepe, di noce moscata, dadini di fontina dolce e/o groviera, due cucchiai di parmigiano grattugiato; mescolare bene e versare sulla pasta sfoglia. Procedere poi come precedentemente indicato.

Buon appetito!!

Consiglio per le crespelle

Consiglio per le crespelle

Le crespelle si possono preparare anche prima, quando si ha un po’ di tempo a disposizione, e surgelarle separatamente.

Si possono poi usare al momento nella quantità che serve facendole scongelare per circa mezz’ora.

Si possono farcire con besciamella e/o panna da cucina insieme a:

  • funghettofunghi trifolati
  • asparagi lessati e saltati in padella con un po’ di olio e sale
  • formaggi misti a dadini
  • salsiccia sbriciolata e cotta con funghi
  • carciofi cotti a fettine con olio e prezzemolo
  • ricotta, spinaci tritati e ripassati in padella con poco burro e sale, noce moscata, parmigiano (senza besciamella)
  • ripieno di carne (tipo quello dei cappelletti ammorbidito con qualche cucchiaio di besciamella e/o sugo di pomodoro o di carne)

Si possono ripiegare, se piccole, a semicerchio, a triangolo, a cannolo, a fagottino chiuse con un filo di erba cipollina e … TANTA FANTASIA 🙂

Crespelle fiore

 Crespelle fiore

Preparare le crespelle: mescolare bene con la frusta 250 gr di farina, 1/2 litro di latte e un pizzico di sale.

Sbattere tre uova e incorporare alla pastella. Lasciar riposare per un’ora.

Scaldare una padella grande antiaderente con pochissimo burro e versare un mestolino di pastella e ruotare bene la padella in modo che il composto copra bene il fondo. Cuocere un paio di minuti e voltare la crespella e far cuocere dall’altra parte.

Farcitura: preparare una besciamella con 50 gr di burro, 50 gr di farina , 1/2 litro di latte. Sciogliere dolcemente il burro in un pentolino a fondo spesso, gettare dentro la farina e mescolare bene con la frusta in modo da non formare grumi. Salare e sempre mescolando aggiungere il latte caldo. Cuocere per circa 15 minuti facendo attenzione a non farla attaccare al fondo!!

Aggiungere alla besciamella circa 100 gr di parmigiano grattugiato, una grattatina di noce moscata, un pizzico di pepe e 100 gr di fontina dolce e/o groviera a dadini.

Ricoprire ogni crespella con la besciamella e delle fette sottili di prosciutto cotto. arrotolare e mettere in frigo per circa un quarto d’ora.

Tagliare i “rotoli ” di crespelle a tronchetti alti circa cinque centimetri.

Imburrare una pirofila tonda e disporre i tronchetti vicini e “in piedi”. Ricoprire con un po’ di besciamella , una spolverata di parmigiano grattugiato e, a piacere, qualche dadino di mozzarella e panna liquida.

Mettere in forno a 180° per circa 20 minuti, avendo cura di far fare una bella crosticina dorata!

Buon appetito!!

p.s.: La dose delle crespelle è tratta da “GRANDE ENCICLOPEDIA ILLUSTRATA DELLA GASTRONOMIA” – Selezione dal Reader’s Digest.

Foto della preparazione del 7 novembre 2009

La pastellaNella pastella ho aggiunto un pezzettino di burro …  Cottura delle crespelle… in questo modo non ho più imburrato la padella e le crespelle hanno un gusto più morbido
La farcitura I 'tronchetti'
Il piatto è quasi completato Prima di andare in forno

Prima di andare in forno e …

... dopo la cottura

… dopo la cottura.
Questo, in realtà, è un piccolo avanzo di ieri fotografato oggi, 9 novembre 2009.

CAPPELLETTI fatti in casa

oggi in cucina … 

La mia mamma li preparava così:

Scaldare in una pentola a fondo pesante circa 50 g di burro e 50 di olio, mettere un piccolo pezzo di cipolla, pochissima carota e sedano, aggiungere 300 g di carne magra di maiale, 300 g di carne magra di vitella, 300 g di petto di pollo tutto tagliato a piccoli pezzi. Salare moderatamente. Cuocere bene per circa un’ora, finché tutto il liquido della carne non si è ben riassorbito. Lasciar raffreddare. Macinare con il tritacarne la carne, circa 150 g di prosciutto crudo e 150 g di mortadella. Aggiungere 150 – 200 g di parmigiano grattugiato, una bella grattatina di noce moscata e mescolare bene l’ impasto. Se fosse troppo asciutto aggiungere un pochino di burro o qualche cucchiaiata di brodo.

Preparare la sfoglia con 100 g di farina per ogni uovo se sono di formato grande, un pizzico di sale e un pochino di vino bianco o olio. La dose della carne è per almeno cinque uova di pasta.

Io faccio così: impasto il tutto in un robot da cucina e poi continuo manualmente nella spianatoia. Lascio riposare almeno un’ora tra due piatti il panetto di pasta e poi stendo la sfoglia con la macchina per la pasta.

Ritagliare con un bicchierino dal bordo sottile dei cerchi sulla sfoglia e riempirli con un bel pizzico di impasto di carne.

Chiudere prima a metà stringendo bene il bordo e unire i due estremi formando il cappelletto.

Si possono mettere anche a surgelare in un vassoio di cartone non plastificato ben separati per circa 20 minuti e riporre poi in una scatola da congelatore.

Cuocere in un buon brodo di carne, versandoli, senza scongelarli prima, quando il brodo bolle. Sono pronti dopo pochissimi minuti.

Buon appetito!!!!

Cappelletti

E’ quasi Natale!!

Lunedi 22 Dicembre 2003 ore 19:04:06

Già è di nuovo Natale!!
Non mi va di parlare di Matematica, ma degli
Auguri che vi voglio fare di cuore e per questo vi segnalo un sito veramente bello !
Fateci un giretto se ne avete voglia!!    http://www.avvento.net/
Vi abbraccio tutti e BUON NATALE!!
mtb

P.S.: date un’occhiata anche al sito mtbianchi: ci sono novità

Rileggendo…

Giovedi 4 Dicembre 2003 ore 18:11:35

“Molti anni dopo, di fronte al plotone di esecuzione, il colonnello Aureliano Buendia si sarebbe ricordato di quel remoto pomeriggio in cui suo padre lo aveva condotto a conoscere il ghiaccio. Macondo era allora un villaggio di venti case di argilla e di canna selvatica costruito sulla riva di un fiume dalle acque diafane che rovinavano per un letto di pietre levigate, bianche ed enormi come uova preistoriche. Il mondo era così recente, che molte cose erano prive di nome, e per citarle bisognava indicarle col dito.”

… un libro letto tutto d’un fiato in una notte di febbre di tanti anni fa… da rileggere altre cento volte:

CENT’ANNI DI SOLITUDINE di Gabriel Garcia Marquez

alberi innevati

ANGOLI ASSOCIATI

BLOG DI CLASSE 4ALC 2003-2004 postato da maria teresa

sen x

Inserisco il grafico della funzione y=senx per ricordare come si ricercano graficamente le “formule” degli angoli associati.
In questo caso si osserva che il punto di ascissa “alfa” ha il valore del seno uguale a quello dell’angolo supplementare “π-α”.

Si può osservare, infatti, che la retta parallela all’asse delle ascisse interseca la funzione y=senx in due punti che hanno ovviamente la stessa ordinata.
Analogamente si procede per gli altri angoli associati e per la funzione coseno.
Se riesco ad inserire il grafico nel blog, poi invierò gli altri!!!
mtb

angoli associati 1
In questo grafico sono presenti anche le relazioni che intercorrono tra il seno dell’angolo “α” e il seno dell’angolo opposto (-α), e, analogamente, del seno dell’angolo (π+α) e del seno dell’angolo esplementare (2π-α).
Mi raccomando… studiate!!!
mtb

Qui ci sono rappresentate graficamente le relazioni degli angoli associati per la funzione y=cosx
mtb

Angoli COMPLEMENTARI e angoli che differiscono di un angolo retto

Ultimo grafico degli angoli associati: qui si devono contemporaneamente confrontare i grafici delle funzioni y=senx e y=cosx


Buon lavoro mtb

da matebi4alc.blog.tiscali.it