Il codice Da Vinci

Emozionante, coinvolgente, mirato a creare suspence. Il codice Da Vinci è un libro discusso e criticato per il carattere quasi polemico che mette in discussione molti aspetti della religione e della sua storia. Evidenzia soprattutto gli errori della chiesa che sembra quasi non essere in rapporto con Dio. Parla di società, di sette religiose che esistono tutt’ora fondendo la verità con l’abile e persuasiva fantasia dell’autore.

E’ impossibile per un lettore ingenuo distinguere la verità dalla fantasia ed è per questo che l’individuale fede in Dio e negli insegnamenti della chiesa vengono turbati. in proposito a questa caratteristica del libro che ha contribuito ad attirare i riflettori della critica su di esso, sono stati scritti altri libri che si sono proposti di spiegare ai curiosi e storditi lettori gli enigmi veri o i dogmi inventati dall’autore.

Personalmente non ho intenzione di infangare l’idea che ho del libro. Preferisco non approfondire l’argomento dato che riconosco la professione di Dan Brown come scrittore e non come storico.

E’ importante, dunque, mantenere con le pagine un distacco che ci permetta di criticare e pesare il significato di ogni parola espressa in modo da non esserne ingannati o influenzati nella maniera sbagliata.

Merita tuttavia di essere gustato per la contorta e incata storia che ti spinge a risolvere personalmente gli enigmi che i vari personaggi si trovano a dover affrontare. Romanzo giallo ambientato nella romantica Francia e la bella Inghilterra che coinvolge e trova a complottare personaggi dalle personalità misteriose, da scoprire piano piano e che riescono a sconvolgere la trama stessa. ogni pagina è una continua sorpresa soprattutto perchè si intrecciano due storie destinate ad incontrarsi dopo aver viaggiato su binari paralleli.

Titti’90

This post has already been read 7064 times!

» 2.167 views   Stampa questo articolo Stampa questo articolo

7 thoughts on “Il codice Da Vinci

  1. Anche io sono d’accordo con te Titty…. il libro ha una bella trama, è ricchissimo di colpi di scena e molto appassionante, ma ha un unico difetto: a volte la trama è un po’ contorta…. mi spiego meglio:tutta la vicenda era partita all’interno del Louvre ed era incentrata principalmente sui quadri di Leonardo Da Vinci, ma poi ha improvvisamente cambiato scenario più e più volte….forse un po’ troppo per i miei gusti. Comunque, a parte questo, il libro mi è piaciuto molto. Complimenti per l’articolo Titty….Sai che ti ci vedo da grande a fare la scrittrice o la bibliotecaria?(Scherzo!). ciao ciao….

    Sara ’90

  2. Condivido la dispersività del libro che disorienta un po’!tuttavia lo consiglierei a chiunque perchè è scritto con un ritmo incalzante.Ci troviamo daccordissimo sul fatto che è veramente un capolavoro intrigante ma con i suoi difetti…inoltre vorrei chiederti se hai letto gli altri due che non ho ancora potuto comprare ma che spero di averli al più presto per poter commentare con te anche Angeli e Demoni e l’ultimo.ciao ciao Titty’90

  3. Mi dispiace ma ancora non ho letto nè “Angeli e demoni”, nè l’ultimo libro di Dan Brown. Però ce l’ho a casa(li ha letti mia madre). Ora però non posso incominciare a leggerli, perchè sto leggendo ancora un altro libro. Magari quando l’avrò finito, incomincerò “Angeli e demoni”….Quindi per adesso ti toccherà aspettare un po’!

    ciao ciao 🙂 😉

    Sara ’90

  4. io nn metto in dubbio ke sia un bellissimo libro…scritto bene e anke interessante…xò da qui a dire ke suscita dei dubbi sulla storia e sulla religione…ce ne passa….!!!ciao ciao titti…ci vediamo domani….

  5. Letto libro, visto film. Da agnostica non sono stata turbata più di tanto. Devo dire che però l’ipotesi alternativa mi ha affascinato non meno di quella ufficiale della Chiesa. Per me non ha importanza quale delle due sia vera. Quello che però, e lo dico da AGNOSTICA, quindi senza sentirmi attaccata personalmente nella fede, trovo DISGUSTOSO è stato il comportamento poco corretto dell’autore che, giocando sul detto e non detto, sul “è romanzo” e “però qualcosa di vero ci può essere”, non dichiarandosi subito fin da prima che uscisse il libro, ha suscitato tutto il clamore che sappiamo per un unico scopo: SOLDI! Sulla fede e sulla religione non si dovrebbe scherzare, MAI! Io ho profondo rispetto per chi crede, pur avendo i miei dubbi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pagina 1 di 11

XML Sitemap