- MaTeBi – Maria Teresa Bianchi - https://www.matebi.it -

Centro sismologico Bina di Perugia

Primo sismografo 1751 Il primo sismografo di Andrea Bina (1751)

Nella sua pubblicazione “Ragionamento sopra la Cagione de’ Terremoti ed in particolare di quello della Terra di Gualdo di Nocera nell’Umbria seguito l’Anno 1751 [1]” lo scienziato propose una sua teoria riguardo l’origine del fenomeno sismico, ispirata sulla base delle conoscenze di allora e descrisse il funzionamento del primo meccanismo a pendolo, di sua invenzione, atto a registrare il Terremoto. Tale strumento, oggi ricostruito fedelmente nel museo dell’Osservatorio, consentì infatti di avere una traccia duratura dell’evento sismico da poter comodamente misurare e studiare.

fonte: http://www.binapg.it/it/padri-benedettini.html [2]

Sismografo Galitzin

Sismografo Galitzin

I pennini al lavoro

E’ un sismografo elettromagnetico formato da due distinte parti dedicate alla registrazione dei movimenti orizzontali in direzione N-S ed E-W.

http://www.binapg.it/it/stumentazione-moderna.html [3]

foto: mtb
visita d’istruzione, 22 febbraio 2010

 

This post has already been read 9329 times!

1 Comment (Open | Close)

1 Comment To "Centro sismologico Bina di Perugia"

#1 Comment By mtb On 4 Marzo 2010 @ 14:54

prova visualizzazione commento