Spezzatino con patate e aromi

Tritare finemente una cipolla media, con le foglioline di un rametto di rosmarino, tre-quattro foglie di salvia, una costa piccola di sedano.

Mettere il trito in padella a fondo pesante dopo avervi scaldato tre cucchiai di olio. Salare e far insaporire due minuti.

Aggiungere i tocchetti di carne, di maiale o vitello. Rosolare un poco, sfumare con del vino bianco.

Aggiustare ancora di sale e aggiungere un pizzico di pepe.

Cuocere la carne, per alcuni minuti, facendo attenzione a non far colorire o bruciare il fondo di cottura, aggiungendo, all’occorrenza, un po’ di acqua calda.

Tagliare a tocchetti non troppo piccoli due-tre patate medie e aggiungerle alla carne. Mescolare e far cuocere, a pentola coperta, aggiungendo ancora acqua.

A cottura ultimata, senza coperchio, far ritirare a fuoco vivo l’eventuale liquido di troppo, girando delicatamente il tutto.

Questa dose è per circa 300-400 gr di carne.

Le ricette di biblos

Filetto di maiale con lardo di Colonnata

Condire il filetto di maiale intero  con sale, aglio, olio e pepe. Lasciarlo ad insaporire per almeno un giorno in frigo.

Tagliare delle fette di altezza di circa un centimetro. Cuocere velocemente nella griglia ben calda… potendo, sarebbe molto meglio alla brace.

Mettere sopra ad ogni fetta una fettina sottile di lardo di Colonnata insaporito prima con delle foglioline  di rosmarino fresco.

L’ho mangiato di recente in un ristorante e assicuro la bonta’: da rifare!

NeroNorcia

45° Mostra Mercato del tartufo Nero Pregiato di Norcia
22-23-24 Febbraio, 29 Febbraio e 1-2 Marzo 2008

NorciaNero Norcia”, la 45esima edizione della Mostra Mercato del Tartufo pregiato e dei prodotti tipici, torna ad avvicinare il pubblico ai sapori e ai saperi genuini del luogo e a far scoprire le eccellenze gastronomiche di altre regioni italiane, non ultime quelle delle “Città dei Sapori”, confermandosi palcoscenico privilegiato per raccontare i territori come veri e propri giacimenti golosi e culturali.

fonte: www.neronorcia.it
Consiglio la sezione ricette

Risotto con carciofi e speck in giallo

carciofoScaldare poco olio e un pezzetto di burro nella pentola a pressione, aggiungere uno spicchio di aglio e la parte tenera di due carciofi a fettine sottili. Far insaporire un paio di minuti e aggiungere il riso (un mestolo da brodo circa a persona).
Tostare il riso e aggiungere il vino bianco. Lasciar sfumare e mettere acqua fredda o brodo ( per ogni mestolo di riso tre mestoli di acqua più un altro mestolo). Se si usa l’acqua e non il brodo aggiungere un dado vegetale o di carne, secondo i gusti.
Salare e chiudere la pentola; dal sibilo contare dieci minuti.
Far uscire il vapore dall’apposita valvola, aprire la pentola e mescolare. Controllare la cottura e la consistenza; eventualmente, aggiungere un po’ di liquido e far cuocere ancora a pentola coperta o scoperta.

Nel frattempo, preparare una tazzina di acqua calda dove si devono far sciogliere dei pistilli di zafferano, tagliare a dadini un pezzetto di emmenthal, grattugiare il parmigiano e tagliare a filini molto sottili una fetta di speck.
A fornello spento, versare nel riso lo zafferano, i dadini di formaggio, il parmigiano, un pizzico di pepe nero e, volendo, una noce di burro. Amalgamare ed infine aggiungere lo speck.
Mescolare velocemente e servire subito.

Bignés al formaggio

Ingredienti:
250 cc di acqua, 150 gr di farina, 100 gr di burro, 4 uova, 200 gr di emmenthal, un pizzico di sale.

Mettere a bollire l’acqua con il sale e il burro. Quando bolle e il burro si è sciolto, versare la farina tutta insieme nell’acqua e girare con un mestolo di legno finchè non si sia tutta amalgamata e il tutto diventi una palla. Togliere dal fuoco e lasciar raffreddare.

Aggiungere un uovo alla volta mescolando molto bene  fino a riformare una palla compatta (eventualmente usare il robot).

Incorporare il formaggio tagliato a dadini.

Su una teglia da forno, con carta da forno, mettere  l’impasto a cucchiaini e ben distanziati.

Mettere in forno preriscaldato a 180° per una trentina di minuti, finchè i bignés non siano ben gonfi e dorati.

Lasciar raffreddare in forno… ovviamente spento!