Mattonella di pollo e salse

Mattonella di pollo e salse

Buffet, ormai di bellissima consuetudine annuale a luglio, per il compleanno di una piccola amica.
Ho preparato la mattonella di pollo seguendo in parte la ricetta già fatta.
Ingredienti:
un kg di petto di pollo macinato (da Azienda agricola locale)
300 g circa di fagiolini lessati e tagliati a tronchetti
200 g di piselli surgelati lessati
un peperone giallo e uno rosso tagliati a dadini
un cipollotto fresco tritato finemente
una carota lessata e tagliata a dadini
odori vari tritati: prezzemolo, timo, basilico, erba cipollina
3 uova: tuorli battuti e chiare a neve (per questa quantità di carne credo che sia meglio 4 perché mi si è un po’ sbriciolata nel tagliarla)
100 ml di panna fresca
100 g di parmigiano grattugiato (meglio se un po di più)
sale e pochissimo pepe se si vuole
prosciutto cotto per rivestire uno stampo da plumcake (30 cm x 7 cm)

Bagnare con poco vino bianco il pollo macinato e amalgamarlo con le mani; lasciarlo riposare almeno mezz’ora.
Preparare le verdure come indicato sopra, aggiungerle al pollo insieme agli altri ingredienti amalgamando bene.
Rivestire lo stampo con carta da forno e poi con le fette di prosciutto cotto (volendo se ne può mettere anche un po’ a dadini o tritato nell’impasto), Mettere tutto il composto all’interno pigiando bene e coprire ancora con prosciutto. Sigillare sopra lo stampo con carta d’alluminio o carta da forno leggermente bagnata e strizzata.
Mentre si sta preparando il tutto, accendere il forno in modalità statico a 170°-180° (più o meno dipende dal proprio forno) inserendo una teglia capiente con acqua e che possa contenere lo stampo per la cottura a bagnomaria.
Quando l’acqua è ben calda mettere lo stampo e lasciar cuocere per almeno 45 minuti.
Togliere la carta da sopra e lasciar raffreddare prima in forno e poi fuori.
Mettere in frigo per far raffreddare bene. Volendo si può anche avvolgere in pellicola trasparente e surgelare.
Quando è ben freddo tagliarlo a fette spesse almeno un centimetro e disporle delicatamente nei piatti da portata; con questa dose ne vengono circa 25/26 (vedi foto).

TRIS DI SALSE di accompagnamento
SALSA con ROBIOLA
Montare leggermente 100 ml di panna fresca con 2 robiole, aggiungere foglioline di menta fresca e paprika dolce
SALSA MAIONESE e YOGURT
Mescolare un vasetto piccolo di maionese con yogurt bianco, aggiungere due tre cucchiai di olio di semi di mais e montare con la frusta aggiungendo alcune gocce di limone; infine aggiungere qualche filo di erba cipollina tagliata a tronchettini.
SALSA AL PEPERONE
Cuocere in padella con poco olio evo un peperone a filetti insieme ad un cipollotto fresco o mezza cipolla, uno – due pomodori rossi a filetti o qualche pomodorino, uno spicchio di aglio, prezzemolo tritato; aggiungere un po’ di acqua calda se serve; verso la fine della cottura spruzzare con poco aceto e lasciar evaporare, spolverizzare con un cucchiaio scarso di zucchero di canna o bianco; finire di cuocere facendo attenzione a non far bruciare lo zucchero.
Lasciar raffreddare e frullare.

Cannoli di PORRO con ripieno di PATATE

Poco tempo fa ho mangiato questo ottimo piatto in un ristorante vegetariano di Gubbio ORTO osteria dalla terra (tutto buonissimo!!) e mi ero riproposta di rifarli a casa.
Ho cercato un po’  in rete dove si trovano numerose ricette e poi, come sempre, ho fatto un mescolamento di idee e di ingredienti.
Ecco qua i miei Cannoli di PORRO con ripieno di PATATE in crema di CARCIOFI

Cannoli di PORRO con ripieno di PATATE

Ingredienti per circa 16 cannoli:
un porro (ne serve molto meno), olio evo e pochissimo burro,
1 cucchiaio di pane grattugiato
Ripieno:
3 patate medio-piccole lessate e schiacciate bene
prezzemolo tritato
1 cucchiaio di olio evo
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
sale, pepe, noce moscata
Base: crema di carciofi (vanno bene anche legumi)
Decorazione: gocce di sughetto di pomodoro ed odori, prezzemolo tritato

Tagliare un tronchetto di porro 7/8 cm, sfogliarlo incidendo con un coltellino in verticale, lavare bene e far cuocere in acqua salata. Scolare, raffreddare e farcire ciascun “cannolo” con il ripieno.
Disporre i cannoli in un piatto da forno leggermente unto di olio e condire sopra con qualche fiocchetto di burro, una spolverata di pane e di parmigiano grattugiati.
Passare in forno ben caldo per una decina di minuti.

Per la base ho frullato dei gambi di carciofi già cotti con aglietto fresco, olio, vino (erano stati cotti insieme a dei carciofi ripieni) e così ho riciclato.
Vanno bene anche altre basi, come creme di legumi; nel ristorante la base era con Roveja (l’avevo già pronta ma mi sembrava rimasta troppo dura, forse un po’ vecchia o da tenere di più a bagno!).

Infine assemblare il piatto e Buon appetito!

Pane ed altro

Per il compleanno di una carissima bimba, ho preparato pane, polpettine di carne e di zucchine, verdure estive al forno.

pane,polpette,verdure

Ho fatto il pane secondo l’ottima ricetta di Paoletta I panini tipo Mc Donald’s, con la dose raddoppiata. Con la maggior parte dell’impasto (circa 2/3) ho fatto la rosa di panini e con il resto dei piccoli panini impastandoci noci e semi di zucca tritati, semini di papavero e di sesamo.

Le polpette di carne sono le classiche con carne macinata di vitello e un pochino di magro di maiale, parmigiano grattugiatoprezzemolo tritato, uovo, poco pane grattugiato, un pochino di latte, sale e pepe mentre quelle di zucchine si trovano qui nel blog.

La ricetta delle verdure sempre ottime è sempre qui nel blog.

Mini-torte con zucchine

Una via i mezzo tra le polpette con le zucchine e le mini-torte salate alle verdure.
Un bel riciclaggio di cose in casa… e vai!

pane grattugiato grossolanamente (circa 100 g)
latte (100 ml)
parmigiano grattugiato (30-35 g)
due zucchine: le avevo già grigliate e condite con olio e sale … avanzate da ieri sera
un pezzetto di cipolla bollita per qualche minuto con acqua e sale
un uovo
timo, basilico, prezzemolo, origano finemente tritati
circa mezza bustina di lievito per torte salate
pomodorini ciliegino
sale, un pizzico di pepe

Tagliare le zucchine a pezzettini, mettere in padella la cipolla precotta ben tritata con un po’ di olio evo, le zucchine ed infine gli aromi. Questa operazione l’ho fatta molto velocemente perchè le zucchine erano già cotte, altrimenti vanno cotte per qualche minuto.
Bagnare il pane con il latte, aggiungere tutti gli ingredienti lasciando in ultimo le verdure e il lievito.
Amalgamare bene il tutto. Formare con le mani senza schiacciare troppo delle palline, mettere in degli stampi da muffins e decorare sopra con un pomodoro intero.
Spennellare leggermente il pomodoro con un pochino di olio e sale.
Cuocere in forno ventilato preriscaldato a 180° per circa 20 minuti.

Con queste dosi  sono venute sette tortine in stampi da 8 cm non ricolmi.

mini-torte di zucchine

 Alla fiera di San Giovanni ho comprato degli stampini da muffins coloratissimi in silicone e li dovevo assolutamente provare!!

Fuoco acceso e … cena

Fuoco acceso

Il camino acceso, la brace per cuocere salsiccette e fettine di grasso-magro [come lo chiamano a Gubbio], tigelline veloci e un’ insalatina di finocchi, arance e olive di Gaeta per finire.

Tigelline veloci: ho impastato nel Bimby farina, acqua, latte, una noce di burro, un pizzico di sale e lievito per torte salate. Ho steso l’impasto sulla spianatoia e ricavato con un coppapasta rotondo dei cerchi, ho lasciato riposare circa mezz’ora. Le ho cotte nel testo caldo tenendo sopra, per due-tre minuti, il coperchio e le ho girate più volte per non farle bruciare. Le ho servite insieme alla carne.

Insalatina di finocchi, arance e olive di Gaeta: finocchi tagliati sottili con la mandolina, arance a fette pelate al vivo, olive nere di Gaeta; il tutto condito con un’emulsione di olio evo, aceto balsamico, sale e succo d’arancia.

Questo si fa con quello che c’era in casa, visto che freddo e raffreddore non permettono di uscire.

Cena di Maria Teresa e Sergio, 9 dicembre 2012

Purea di fave con bietola

Purea di fave con bietola

Ho cotto le fave essiccate e sbucciate in acqua bollente con uno spicchio di aglio, una stecca di rosmarino e sale; a cottura ultimata (quasi un’ora!), le ho ridotte in purea con il Bimby che secondo me per questa funzione è meraviglioso! Ho servito con bietola lessata, purtroppo surgelata, e condito con olio extravergine d’oliva nuovo. Una macinatina di pepe nero e bruschette calde di pane.

Appunti sparsi: pomodori al prezzemolo e peperoni con cipolla

Perchè appunti sparsi?
Ricordi di cucina e non solo di quest’agosto bollente…

… certo il forno acceso non gradisce, ma per queste verdure veloci da preparare, però gustose nella loro semplicità,  si può … tenendo conto che si possono conservare anche un paio di giorni in frigo e sono buone soprattutto fredde (ovviamente non gelate!!).

POMODORI CON PREZZEMOLO e AGLIO
Tagliare a metà, in orizzontale, dei pomodori rossi maturi, ma ben tosti. Togliere i semi avendo l’accortezza di non far perdere troppo succo, salarli all’interno e cospargere con un trito grossolano di prezzemolo e aglio.Volendo, pepare moderatamente.

Metterli allineati e vicini in una teglia da forno leggermente unta di olio evo. Passare un filo di olio sopra ad ogni mezzo pomodoro e infornare a 170°-180°.
Cuocere finchè non diventano morbidi e leggermente “arrostiti”. In genere bastano una ventina di minuti.

PEPERONI CON CIPOLLA
Pulire due peperoni gialli e tagliarli a strisce non molto sottili.
Affettare una cipolla bianca. Mettere le due verdure in una teglia da forno, con un paio di spicchi d’aglio a pezzi. Condire con olio evo, salare.
Mescolare per amalgamare il condimento.
Infornare e cuocere a 170°-180° finchè non i peperoni non risultano morbidi.

Se ci si accorge che non cuociono bene, ma tendono a bruciarsi, aggiungere un pochino di acqua e ricoprire con un foglio di carta d’alluminio da togliere alcuni minuti prima del termine della cottura.

Le due verdure possono essere cotte in forno contemporaneamente anche se non si dispone di un forno ventilato: comunque fare attenzione ai pomodori che hanno un tempo di cottura, in genere, minore dei peperoni.

Si risparmia, in tempo, energia elettrica e … si soffre meno caldo!

Nidi di patate con piselli e funghi

Nidi di patate con piselli e funghiLessare in acqua leggermente salata quattro patate di media grandezza ben lavate e non sbucciate.
Quando saranno cotte, sbucciarle e  passarle al passatutto o allo schiacciapatate.
Aggiungere due uova battute, un pizzico di noce moscata e un bel pugno di parmigiano grattugiato.
Aggiustare di sale e, volendo, aggiungere un pizzichino di pepe.
Amalgamare bene il tutto e mettere dei mucchietti di composto in dei pirottini di carta da muffins e inserirli poi nello stampo apposito.
Oppure, ancor meglio, mettere i mucchietti  in  un coppapasta non molto grande ma alto per dare la forma rotonda, adagiandoli  in una pirofila leggermente imburrata.

Al centro fare una concavità premendo con le dita bagnate di acqua … non vi dico come ho fatto io perchè forse vi metterete a ridere … ho preso un tappo in plastica di bottiglia da spumante e con la parte rotonda, che immmergevo continuamente in acqua, ho formato la concavità.

Cuocere poi in forno ben caldo per circa 15-20 minuti facendo attenzione a non farli brunire troppo … come i miei.

Inoltre, cuocere:

  • i piselli con poco olio e burro, un pezzetto di cipolla tritata, qualche dadino di pancetta (facoltativo), una carota piccola a dadini, sale e pepe.
  • i funghi misti trifolati con olio, aglio, sale e pepe ed infine prezzemolo tritato.

Disporre i nidi di patate in un piatto da portata o lasciarli nella pirofila; riempire le concavità: alcuni con un cucchiaio di piselli, altri con un cucchiaio di funghi.
Servire ben caldi.

Si possono preparare prima e “assemblare” al momento di servire riscaldando i nidi, senza il ripieno, in forno per due minuti e piselli e funghi nei loro pentolini di cottura o al microonde.

Sono ottimi come contorno di carne come rosbiff, girello, arista all’arancia.

Io ho usato i pirottini di carta da muffins, ma lo sconsiglio perchè poi non si staccano molto bene.

Scaloppe di tacchino con verdure in agrodolce

Scaloppe di tacchino con verdure in agrodolceLasciar marinare le fette di tacchino con del succo di limone per almeno un’ora.

Preparare cipolline e peperoni friggitelli in agrodolce separatamente (vedi ricette).

Salare e infarinare la carne e cuocere velocemente in una padella con tre cucchiai d’olio evo e una piccola noce di burro ben caldi, ma non fumanti.
Disporre la carne in un piatto e coprire con le verdure e il sughetto agrodolce. Servire subito.

Sformato di fagiolini (di verdure)

Fagiolini verdiLessare in acqua salata i fagiolini in modo che rimangano ben tosti; scolarli bene, lasciarli raffreddare e tagliarli a tronchetti di circa uno-due cm.

Preparare una salsa besciamella abbastanza soda (burro 50 gr, farina 50 gr, latte 500 ml, sale); aggiungere a fine cottura dadini di groviera dolce e/o fontina e un bel pugno di parmigiano, una  grattugiata di noce moscata, un pizzico di pepe ( sempre facoltativo! ), due rossi d’ uovo leggermente battuti, i fagiolini e infine le chiare d’uovo a neve (questo espediente fa diventare lo sformato più  gonfio, ma se non si ha molto tempo a disposizione si possono mettere direttamente le uova intere leggermente battute).

La proporzione della besciamella rispetto alle verdure è circa di un terzo del peso delle stesse.

Imburrare uno stampo da forno con il foro centrale oppure uno lungo da plum-cake, cospargere di pane grattugiato (facoltativo); versare delicatamente il composto e infornare a 180° per una mezz’ora.

Lasciar intiepidire e sformare in un piatto da portata.

Questa base per lo sformato può essere utilizzata anche per altre verdure come carciofi, cotti a pezzettini con poco olio e un pochino di acqua e vino bianco, cavolfiore precedentemente lessato e fatto a pezzetti, oppure un misto di verdure cotte, carota, patata, cavolfiore, spinaci, carciofi, fagiolini … e chi più ne ha più ne metta!!

XML Sitemap