Ravioli di patate al ragu bianco di pollo e profumo di maggiorana

Un modesto tentativo di imitazione degli ultimi ed ottimi piatti gustati in due diversi ristoranti (vedi articoli precedenti).
Per prima cosa niente anatra, che ho trovato solo intera ed era troppa, ma petto di pollo!!

Comunque, tenendo conto che sono tornata a casa dalla spesa verso le 13 e alle 14.24 è stata fatta la foto, sono piuttosto soddisfatta; Sergio è rimasto piacevolmente sorpreso e ha notato però che nella farcia c’era poco sale ed era vero…
Ravioli di patate al ragu bianco di pollo e profumo di maggiorana

Preparazione: ho preparato la pasta all’uovo per lasciarla riposare e, nel frattempo, ho lessato nel microonde una grossa patata.

Farcia: ho schiacciato la patata con una forchetta, aggiunto un po’ di parmigiano e di pecorino locale grattugiati, un pizzico di pepe e foglioline di maggiorana.

Ragu: abbondante sedano e carota a dadini, una fettina di cipolla [sedano, carota e cipolla di Trevi; li trovo in questo periodo alla Coop], circa 170 g di petto di pollo a dadini, il tutto tagliato a coltello, olio evo (l’ottimo olio di Bettona), sale, pepe, maggiorana, brandy

Ho rosolato delicatamente le verdure in una pentola a fondo pesante (Le Creuzet), mescolando spesso e salando; le ho fatte cuocere anche con un pochino di acqua calda, senza però farle “spappolare”.
A fuoco vivo ho aggiunto i dadini di pollo e fatto rosolare bene per alcuni minuti. A rosolatura terminata ho irrorato con il brandy le pareti della pentola ed ho aspettato che non si sentisse più l’odore di alcol per abbassare la fiamma; ho continuato la cottura per circa 20 minuti, facendo attenzione che non bruciasse. Verso la fine ho aggiunto un pizzico di pepe nero e foglioline di maggiorana.

Poi, di corsa, stendere la pasta, farcire, tagliare con la rondella, intanto far bollire l’acqua, cuocere, condire e impiattare … male vista l’ora!  Scaglie di pecorino, foglioline di maggiorana, un filo d’olio a crudo e buon appetito!

21 ravioli grandi sono finiti presto!!

Ravioli di pesce

Preparare due uova di pasta lasciar riposare tra due piatti almeno mezz’ora. Nel frattempo preparare il ripieno: polpa di granchio sminuzzata e ripassata in padella per due minuti con poco olio, sale e pepe, aggiungere un pugno di pane grattugiato e prezzemolo tritato.
Stendere sottilmente la pasta, mettere i mucchietti di ripieno e formare i ravioli nella forma desiderata; io li ho fatti rotondi.

Cuocere separatamente in padella dei polipetti, gamberi con guscio e senza guscio con poco olio evo e un pizzico di sale. Bagnare con vino bianco e lasciar evaporare.
A parte saltare dei cubetti di pomodoro con olio e sale.

Cuocere i ravioli, scolarli bene e condirli riunendo tutti i condimenti. Cospargere di prezzemolo tritato e servire.

Accompagnare con un buon vino! Qui Montefalco bianco DOC.

ravioli di pesce

Non avendo la polpa di granchio ho dovuto usare i surimi che di granchio non hanno nulla! Non li compro mai, ma avevo trovato solo questi. I ravioli sono venuti comunque buoni!

Tortelli con ricotta e noci

Ho gustato questo piatto al Ristorante Il cavaliere di Foligno e ho provato a rifarlo. Non è certo all’altezza di quello originale, ma sono soddisfatta!

Pasta: 6 uova grandi, 500 g di farina 0, 30 g di semola rimacinata, un pizzico di sale, un cucchiaio di vino bianco.
Impastare e lasciar riposare tra due piatti circa mezz’ora.

Ripieno (il mio): 300 g di ricotta fresca di mucca, 100 g di ricotta fresca di pecora, 150 g di formaggio cremoso, 100 g di robiola, 80 g di noci tritate, 100 g di parmigiano grattugiato, un pizzico di sale
Amalgamare bene tutti gli ingredienti in una ciotola e lasciar insaporire.

Crema per il condimento: due cucchiai della farcia mescolata con panna da cucina fresca, parmigiano grattugiato, un poco di latte all’occorrenza. Riscaldare leggermente il tutto a fuoco dolce per pochi minuti al momento di servire.

Per finire il piatto: salsa al tartufo, qualche goccia di olio d’oliva, noci e pistacchi tritati

Procedimento: stendere la pasta sottile e ritagliare dei quadrati con un coppapasta di 7/8 cm di lato. Riempire con la farcia, chiudere a triangolo e poi “girare” come per i cappelletti.
Lasciar asciugare in una griglia.
Cuocere i tortelli in acqua salata cinque-sei minuti, scolare.
In ogni piatto versare due-tre cucchiai di crema al parmigiano, disporre sopra i tortelli (5-7 a persona o più … secondo la fame!), condire ancora con la crema, la salsa al tartufo, qualche goccia di olio d’oliva e la granella di noci e pistacchi.

Nota: con queste dosi sono venuti 103 tortelli!

Tortelli con ricotta e noci

Tortelli con ricotta e noci

 

Menu del 15.02.2009

Menu del 15 febbraio 2009

Negli ultimi tempi mi ripeto un po’, ma con ospiti diversi si può proporre lo stesso piatto: in questo caso solo l’antipasto.

Antipasto:
Sformatino freddo di formaggi con lamelle di mandorle e miele di castagno
Sfogliatine con aromi
Capocollo umbro
Cotognata

Primo:
Cuori colorati con ripieno di prosciutto

Secondo:
Coniglio saporito con salsa di senape e panna con contorno di insalatina mista

Dessert
Dolci di Carnevale e frutta

Cuori colorati con ripieno di prosciutto

Pasta colorata e ripieno di prosciuttoIngredienti e preparazione del ripieno:

2 patate medie lessate e schiacciate
100 gr di ricotta
abbondante parmigiano grattugiato
150-200 gr di prosciutto crudo saporito tritato bene
un pizzico di noce moscata
un pizzico di pepe e uno di sale

Amalgamare bene tutti gli ingredienti.

Pasta colorata:
3 uova, 300 gr di farina 0, un cucchiaio di olio, un cucchiaio di vino bianco, un pizzico di sale
.

Impastare bene e poi dividere in tre parti.
In una parte aggiungere un cucchiaio di spinaci lessati, strizzati e tritati, nell’altra qualche cucchiaio di salsa di pomodoro o un cucchiaio di concentrato di pomodoro. Rimpastare bene ciascun panetto colorato e, se dovessero essere troppo morbidi, aggiungere della farina.
Io impasto inizialmente con il robot da cucina e poi completo “a mano” sulla spianatoia.

Stendere la sfoglia con la macchina della pasta arrivando fino alla penultima tacca; pennellare con uovo battuto,  mettervi sopra i mucchietti di ripieno distanziati tra loro, ricoprire con un’altra sfoglia e pigiare con le mani “a coltello”  intorno al ripieno facendo in modo che non rimanga aria all’interno. Ritagliare con una formina da biscotti a forma di cuore e disporre i ravioli in un vassoio di cartone infarinato e lasciar asciugare un’oretta controllando che non si attacchino sul fondo.
Preparare un sughetto veloce di pomodoro con un pochino di burro, due cucchiai di olio extra vergine di oliva, uno spicchio di aglio, un pezzetto di cipolla e sale.

Cuocere i “cuori” in acqua bollente salata e scolarli con un mestolo forato quando tornano a galla. Versarli in una pirofila calda dove si sarà messo un pezzetto di burro.

Cuori colorati

Cospargere di parmigiano grattugiato.

Cuori colorati

Aggiungere il sugo di pomodoro e mescolare delicatamente.

Cuori colorati

BUON Appetito!

La ricetta mi è stata data da una collega per fare delle “caramelle” colorate di pasta e con  la panna da cucina al posto della ricotta che invece ho usato io.

Ravioli colorati
Ho usato gli stessi ingredienti per fare anche i tradizionali ravioli quadrati e li ho conditi con la salsa di noci.

Pagina 1 di 11

XML Sitemap