Ravioli di patate al ragu bianco di pollo e profumo di maggiorana

Un modesto tentativo di imitazione degli ultimi ed ottimi piatti gustati in due diversi ristoranti (vedi articoli precedenti).
Per prima cosa niente anatra, che ho trovato solo intera ed era troppa, ma petto di pollo!!

Comunque, tenendo conto che sono tornata a casa dalla spesa verso le 13 e alle 14.24 è stata fatta la foto, sono piuttosto soddisfatta; Sergio è rimasto piacevolmente sorpreso e ha notato però che nella farcia c’era poco sale ed era vero…
Ravioli di patate al ragu bianco di pollo e profumo di maggiorana

Preparazione: ho preparato la pasta all’uovo per lasciarla riposare e, nel frattempo, ho lessato nel microonde una grossa patata.

Farcia: ho schiacciato la patata con una forchetta, aggiunto un po’ di parmigiano e di pecorino locale grattugiati, un pizzico di pepe e foglioline di maggiorana.

Ragu: abbondante sedano e carota a dadini, una fettina di cipolla [sedano, carota e cipolla di Trevi; li trovo in questo periodo alla Coop], circa 170 g di petto di pollo a dadini, il tutto tagliato a coltello, olio evo (l’ottimo olio di Bettona), sale, pepe, maggiorana, brandy

Ho rosolato delicatamente le verdure in una pentola a fondo pesante (Le Creuzet), mescolando spesso e salando; le ho fatte cuocere anche con un pochino di acqua calda, senza però farle “spappolare”.
A fuoco vivo ho aggiunto i dadini di pollo e fatto rosolare bene per alcuni minuti. A rosolatura terminata ho irrorato con il brandy le pareti della pentola ed ho aspettato che non si sentisse più l’odore di alcol per abbassare la fiamma; ho continuato la cottura per circa 20 minuti, facendo attenzione che non bruciasse. Verso la fine ho aggiunto un pizzico di pepe nero e foglioline di maggiorana.

Poi, di corsa, stendere la pasta, farcire, tagliare con la rondella, intanto far bollire l’acqua, cuocere, condire e impiattare … male vista l’ora!  Scaglie di pecorino, foglioline di maggiorana, un filo d’olio a crudo e buon appetito!

21 ravioli grandi sono finiti presto!!

Bocconcini di pollo

Tagliare a tocchetti il petto di pollo, mettere in un piatto a marinare  una mezz’ora circa o anche più con succo di limone, un pizzico di sale e uno di pepe.
Far ammorbidire in una padella con olio evo un bel trito di cipolla fresca di Tropea o cipollotto bianco con un pizzico di sale. Infarinare velocemente i pezzetti di carne lasciando anche il sughetto della marinatura.
Gettare in padella a fuoco vivo e far rosolare facendo attenzione a non sbruciacchiare. Sfumare con poco vino bianco.
Versare il contenuto di un vasetto di verdure per condimento da insalata di riso o sottaceti misti … ne avevo uno in frigo da smaltire …
Prima, comunque, scolo le verdure dal vasetto e le passo sotto l’acqua corrente.
Completare la cottura per pochi minuti aggiungendo infine alcune foglie di basilico spezzettate con le mani e un filo di aceto balsamico.
Servire tiepido o anche freddo (non di frigorifero!!)

bocconcini di pollo

Petto di pollo in fricassea

Da qui (petto-di-pollo-in-fricassea) ho preso la ricetta (anche se già la conoscevo) e rifatta con qualche variante;  in modo simile ci preparo l’agnello.

Per due persone:

  • 1/2 petto di pollo a fette (ho tagliato dalla parte più stretta)
  • 1/2 scalogno
  • vino bianco
  • un tuorlo d’uovo
  • qualche cucchiaio di farina per infarinare la carne
  • 1/2 limone spremuto
  • olio evo
  • foglioline di timo fresco
  • sale e pepe

Scaldare in una padella l’olio e far stufare lo scalogno affettato. Mettere la carne infarinata e rosolare a fuoco vivo da entrambi le parti e delicatamente per non far perdere l’infarinatura, salare, pepare e sfumare con il vino bianco. Cuocere velocemente e mettere le foglioline di timo. 
Nel frattempo battere il rosso d’uovo in un piatto aggiungendo il succo del limone e un pizzichino di sale.
Versare sulla carne l’emulsione di uovo e limone, chiudere il fornello, mescolare delicatamente e servire subito.

Ho servito con dei carciofi a spicchi cotti in padella con olio, aglio, vino bianco.

Friccò di coniglio e pollo

Ho preparato per dei carissimi amici questo piatto della nostra tradizione umbra che a Gubbio si chiama friccò e nel perugino all’arrabbiata.
Ho usato un coniglio e mezzo pollo nostrani di quelli ancora allevati in casa.

Tagliare a pezzi non molto grandi le due carni, lavarle ed far asciugare un po’ in uno scolapasta.
Preparare in una tazza il liquido che servirà per la cottura con un buon vino bianco, 3-4 spicchi d’aglio schiacciati, due rametti di rosmarino spezzettato, due foglie di salviasale e pepe nero.
Questo metodo me lo ha insegnato una mia vicina di casa.

Mettere i pezzi di carne separatamente in due padelle ben riscaldate a fuoco vivo, scolare due-tre volte il liquido che si forma (la scazzottatura …) .
Mettere l’olio d’oliva extravergine (5-6 cucchiai) in un tegame abbastanza largo e scaldarlo.
Unire le carni e far rosolare molto bene a fuoco vivo, girando spesso.  Si deve ottenere una bella rosolatura  brunita facendo attenzione a non far bruciare la carne.  Bagnare con il vino e aromi e far sfumare.
Coprire e continuare la cottura a fuoco basso per una mezz’ora.
Se è  necessario aggiungere qualche  cucchiaio di acqua calda.
Togliere il coperchio, unire i pomodori a pezzetti (la quantità dipende da quanto sughetto si vuol ricavare; ho usato un barattolo e mezzo di pomodoro a pezzetti, meglio se fossero pomodori freschi); aggiustare eventualmente con il sale e il pepe  e proseguire la cottura   fino a quando la carne sarà ben cotta e il sughetto trasparente.

Questo piatto si può preparare anche con un solo tipo di carne: pollo, agnello, coniglio, vitello o anche misto come questo.
Servire con pezzi di  torta al testo  (crescia a Gubbio) ben calda e verdura cotta ripassata in padella (cicoria).

Petto di pollo con mela e radicchio rosso

Ieri sera S. ha preparato questo piatto improvvisato, ma molto buono.
La sua ricetta è questa:
In una padella mettere due cucchiai di olio evo con uno scalogno tritato finemente. Dopo averlo fatto appassire, aggiungere una salsiccia sbriciolata e far rosolare un poco. Sfumare con del vino bianco e mettere dei cubotti di petto di pollo. Far rosolare ancora qualche minuto tutto insieme e spruzzare con un po’ di aceto. Salare e pepare con moderazione. Continuare la cottura mescolando spesso. Qualche minuto prima del termine, aggiungere dei tocchetti di mela e del radicchio rosso a striscioline. Far insaporire tutto insieme per pochi minuti e servire.
In tutto ci vorrà circa mezz’ora di tempo.

Petto di pollo con mela e radicchioIl piatto è stato accompagnato da un’insalata di radicchio, mela, arancia e qualche dadino di caciotta.

Maria Teresa e Sergio, 14 febbraio 2010


Mini-rollé di pollo

L’idea è nata dal voler preparare cosce di pollo ripiene…  fatte un po’ di ricerche in rete e  lette varie ricette dalle  quali ho tratto delle idee come www.cookaround.com e www.facebook.com, sono venuti fuori dei mini-rollé con il petto di pollo: troppo lungo, ho pensato, disossare le cosce di pollo.

Il risultato non è stato poi così male, anzi sono piaciuti molto.
Ecco la miaFarcitura preparazione.

Farcitura:
circa 200 gr di carne macinata di chianina insieme a due salsicce spellate appena rosolate con poco olio, un pezzetto di cipolla e due foglie di salvia, un pugno di pane grattugiato, 50 gr di emmenthal tritato insieme a 50 gr di prosciutto cotto, tre cucchiai di parmigiano grattugiato, un rosso d’uovo, un bel trito di maggiorana fresca, poco sale, pepe e una grattatina di noce moscata.

Assottigliare le fette di petto di pollo tagliandole ancora a metà nel senso dello spessore con un coltello ben affilato e batterle con il batticarne.
Per la quantità, ho considerato una fetta a testa: sette fette, oggi.
Ricoprirle con la farcia, formare dei “salamini” e legarli con lo spago da cucina. In una fondina mettere ancora rametti di maggiorana e timo, un pizzico di pepe, due cucchiai di olio evo e qualche cucchiaiata di vino bianco. Rotolarli nella marinatura, coprire il piatto e lasciare in frigo: io li ho tenuti per tutta la notte.
In una padella larga, scaldare pochissimo olio evo con uno scalogno tritato, rosolare la carne sgocciolata dalla marinatura avendo cura di non far bruciare il fondo di cottura. Aggiungere la marinatura e lasciar sfumare un paio di minuti, quindi sfumare ancora con una bella spruzzata di marsala secco. Lasciar cuocere girando ogni tanto per circa 20-25 minuti, aggiungendo all’occorrenza un po’ di acqua calda.
Togliere la carne dalla padella, lasciar raffreddare un po’, eliminare lo spago ed affettare ciascun mini-rollé a fettine di poco meno di un cm.
Nel fondo di cottura mettere un dadino di burro e un cucchiaino di farina setacciata. Mescolare bene con il mestolo di legno a fuoco dolce in modo da formare una salsina. Versarla ben calda sopra la carne e servire.

Li ho accompagnati con degli sformatini di patate e piselli in padella.


Controfiletto con salsa al profumo d’alloro

Due fette di controfiletto alte circa 1 cm e mezzo, un limone, vino bianco secco, una foglia di alloro, due cucchiai di olio evo, uno spicchio di aglio, mezzo cucchiaio di farina, aceto balsamico, burro, sale
La quantità, tra vino bianco e aceto balsamico, è di circa un bicchiere.

Preparare la salsa: in un pentolino mescolare la farina con il vino bianco a filo  battendo con una frustina in modo da non far formare dei grumi. Cuocere sul fornello a fuoco dolce, aggiungendo  la foglia di alloro, il succo di mezzo limone, il sale ed infine l’aceto balsamico sempre mescolando. In ultimo mettere mezzo cucchiaino di burro.

In una padella scaldare l’olio con uno spicchio intero di aglio, cuocere rapidamente da ambo le parti le fette di carne divise a metà, adagiarle in un piatto da portata caldo, versare la salsa nel fondo di cottura della carne, mescolare e ricoprirci, poi, la carne.

Se la salsa avesse formato dei piccoli grumi, filtrarla con un colino da brodo.

Servire subito accompagnato da insalatina mista.

La ricetta è una “rivisitazione” di “Petti di pollo con salsa di limone” pubblicata in un periodico – Cucina leggera – di qualche anno fa.
Nella ricetta originale la carne è il petto di pollo, non c’è l’aceto balsamico, il burro e l’aglio, ma c’è un pizzico di pepe nella salsa. Inoltre la carne è cotta con olio e succo di limone alla piastra.
Foto di quest’ultima ricetta: in quell’occasione avevo usato il vino rosso al posto del bianco.

Petti di pollo con salsa di limone

Tagliatelle e Pollo arrosto con patate

Tagliatelle al ragùPollo arrosto con patate

… cucina tipica umbra

… un tempo il pranzo della domenica era come quello che ho preparato oggi: tagliatelle fatte in casa con sugo di carne e pollo arrosto con patate.

Petto di pollo alle olive e pinoli

Tagliare a tocchetti il petto di pollo: considerare circa 100-150 gr a persona.

Per circa 400 gr di carne: far imbiondire leggermente un pezzo di cipolla tagliata a fettine sottili in una padella con olio d’oliva; aggiungere la carne e rosolare a fuoco vivo, girando continuamente affinchè non brucino; aggiungere sale, pepe, maggiorana tritata e un cucchiaio di pinoli interi o tritati grossolanamente. Mescolare e cuocere per circa dieci minuti.

Infine, aggiungere circa 100 gr di olive verdi snocciolate tagliate a fettine e 2-3 cucchiai di aceto balsamico. Tenere al fuoco ancora per un paio di minuti; mettere sul piatto da portata aggiungendo del basilico.

Sono ottimi anche preparati prima e serviti a temperatura ambiente.

Questa ricetta credo di averla presa da un programma televisivo o dal televideo alcuni anni fa: spero di non violare qualche copyright!

Cosce di pollo alla boscaiola

Prendere dei fusilli di pollo e disossarli, farcirli con una fettina di pancetta e un pezzetto di salsiccia.

Fare un trito di cipolla e soffriggerlo in poco olio, aggiungere i funghi porcini precedentemente ammollati in acqua, aggiungere un poco di acqua dei porcini filtrata e fare cuocere lentamente. Aggiungere i fusilli e fare cuocere lentamente.

Se si vuole dare piu’ sapore si aggiungono un poco di sedano e di carote nella cottura.

Durante la cottura che dovrebbe essere di circa un’ oretta abbondante, si aggiunge acqua o brodo al bisogno.

Aggiungere anche un poco di pomodoro.

Alla fine della cottura si passano i funghi e le verdure col passaverdure e si tagliano i fusilli nel senso della loro lunghezza e si servono adagiati sul loro fondo di cottura.

Questa ricetta si puo’ variare aggiungendo panna, e facendola senza pomodoro.

Un bacione Maria Teresa. Ferny

GRAZIE Ferny !!!!

Insalata di pollo…

Insalata di pollo…

Prendere un petto di pollo, tagliarlo a dadini e scottarlo su un tegame,con un filo d’olio e salarlo, mantenere morbida la carne durante la cottura aggiungendo un poco di acqua, fare evaporare completamente.
A parte lessare due patate, una carota e un pugno di fagiolini. Quando saranno cotti e raffreddati, tagliarli a quadretti.
Metterli in una terrina, aggiungere il petto di pollo senza sugo di cottura. Ultimare la preparazione aggiungendo funghetti sott’olio, olive verdi farcite, qualche filetto di peperone sott’olio. Lessare due uova, tagliarle, aggiungerle, salare il tutto e condire con un cucchiaio o due di maionese.
E’ fresca e gustosa…ottima in estate…baci Ferny

Anch’io ho una versione dell’ insalata di pollo: cuocere il petto di pollo, lessandolo in acqua bollente salata, con un pezzetto di cipolla, sedano, carota, sale e una spruzzata di aceto. Lasciar raffreddare e tagliare a dadini, condire con poco olio d’oliva e ancora una spruzzata di aceto, aggiungere dei dadini di groviera, olive verdi e lasciare insaporire in frigo. Al momento di servire aggiungere insalata lattuga condita con sale e poco olio, mescolare e aggiungere due cucchiai di maionese.

Grazie Ferny per la collaborazione! mtb

Petto di pollo ai peperoni

“Petto di pollo ai peperoni” di Ferny

qualche fettina sottile di petto di pollo, peperoni di diverso colore, cipolla bianca, farina , olio, aglione (ricordi che ti ho dato la ricetta?).

Affettare i peperoni e la cipolla in fettine sottili. Metterli in una padella antiaderente con un poco di olio, salarli e fare soffriggere a fuoco basso fino a che non saranno appassiti (se tendono ad attaccarsi aggiungere un poco di acqua).

Mettere uno spruzzo di aceto bianco e un cucchiaino di zucchero. Quando le verdure saranno appassite, infarinare le fettine di petto di pollo e metterle una alla volta nella padella dove stanno le verdure.

Aggiungere, quando serve, un goccio di acqua per terminare la cottura. Alla fine mettere un po’ di prezzemolo tritato…GUSTOSISSIME….Ciao Ferny

Pollo e … funghi

Pollo e … funghi

Tagliare a pezzi piccoli mezzo pollo. Mettere in un tegame a fondo spesso un quarto di cipolla a fettine, due o tre spicchi di aglio “vestito” e tre cucchiai di olio d’oliva extravergine.

Far scaldare senza soffriggere, aggiungere i pezzi di pollo, qualche costina di maiale, non molto grassa e far rosolare bene, mescolando spesso e aggiungendo, a metà rosolatura qualche dado di pancetta non affumicata … poi dipende dai gusti!

Versare mezzo bicchiere di vino bianco o rosso oppure mezzo bicchierino di brandy.

Lasciare evaporare a fuoco vivo e continuare la cottura a fuoco lento, aggiungendo verso la metà circa 400 gr di funghi champignons, con qualche pezzetto di porcino secco fatto prima rinvenire in acqua calda, tagliati a pezzi non troppo piccoli ( vanno bene anche quelli surgelati).

Quando tutto il sughetto è ritirato bene, aggiungere un bel trito di prezzemolo, mescolare e … servire!!!

Questo è un piatto un po’ inventato da me ed è prettamente invernale: ancora fate in tempo a provarlo!

Pagina 1 di 11

XML Sitemap