Filetto al brandy con sale al finocchio e pancetta

Filetto di maiale al brandy con sale al finocchio e pancetta

Tagliare a fette spesse un filetto di maiale senza arrivare in fondo.
Cospargere l’interno delle fette con sale aromatizzato al finocchio. Se non si ha il sale aromatizzato sminuzzare dei semi di finocchio o, meglio, fiore di finocchio e mescolare con sale e un po’ di olio evo.
Sempre all’interno, tra una fetta e l’altra, mettere delle fettine sottili di pancetta stagionata ma non troppo dura e fissare con degli stecchini di legno.
Scaldare poco olio evo in una pentola a fondo spesso con uno scalogno tagliato a fettine, sigillare la carne da tutte le parti, far rosolare delicatamente e poi sfumare alle pareti della pentola con circa 30 ml di brandy. Quando non si sente più odore di alcol, aggiungere un pochino di acqua calda, mettere un coperchio e lasciar cuocere circa 20 minuti.
Togliere il coperchio e cuocere ancora per una decina di minuti.
I tempi sono indicativi; il filetto deve essere cotto e morbido.
A fine cottura togliere gli stecchini, completare il taglio delle fette e servire con sopra il sughetto.

Filetto al brandy con sale al finocchio e pancetta

Filetto di maiale con lardo di Colonnata

Condire il filetto di maiale intero  con sale, aglio, olio e pepe. Lasciarlo ad insaporire per almeno un giorno in frigo.

Tagliare delle fette di altezza di circa un centimetro. Cuocere velocemente nella griglia ben calda… potendo, sarebbe molto meglio alla brace.

Mettere sopra ad ogni fetta una fettina sottile di lardo di Colonnata insaporito prima con delle foglioline  di rosmarino fresco.

L’ho mangiato di recente in un ristorante e assicuro la bonta’: da rifare!

Filetto di maiale in crosta agli aromi

Filetto di maiale in crosta agli aromi

In una padella mettere un pezzetto di scalogno tritato e uno spicchio d’aglio con due cucchiai di olio. Far scaldare e, rapidamente,  sigillare un filetto di maiale. Salare e bagnare con qualche cucchiaio di vino. Lasciar evaporare e togliere dal fuoco.

Tritare le foglie di un rametto di rosmarino, due-tre foglie di salvia, un filo di erba cipollina, timo, maggiorana e prezzemolo. Salare e pepare moderatamente, mescolando a qualche cucchiaiata di pane grattugiato, un cucchiaio di olio e il sughetto della prima cottura della carne.

Ricoprire il filetto con questo composto cercando di farlo ben attaccare alla carne e avvolgerlo in un foglio di carta da forno. Chiudere a cartoccio e cuocere in forno ben caldo per circa 20 minuti.

Aprire la carta e finire di far formare la crosticina. Sfornare e lasciar raffreddare qualche minuto.

Tagliare a fette di circa un centimetro; servire con verdure a piacere, in questo caso fagiolini verdi.

Filetto di maiale in crosta

Filetto di maiale in crostaCondire con poco olio d’oliva, sale e pepe un filetto di maiale, diviso a metà dalla parte della lunghezza, se è troppo grande.
Dividere a metà, come per preparare un panino, una baguette e spalmarla con l’impasto di una salsiccia (facoltativo).
Mettere nel “panino”, il filetto; chiudere e avvolgere tutto con pancetta fresca di maiale, tagliata a fette.
Irrorare il tutto con poco di olio d’oliva.
Cuocere in forno, facendo attenzione che la pancetta non si bruci.

… ricetta “rubata” al reparto macelleria del supermercato …

Filetto di maiale con pancetta e patate

Nulla di preventivato per il pranzo, visto che la domenica non ci siamo quasi mai, ma  ancora la neve ci costringe in casa e cosa mangiare?

Ho scongelato un filetto di maiale, ho fatto delle fette di spessore di circa 3 cm, non tagliando fino in fondo; vi ho inserito delle mezze fette di pancetta, l’ho ben legato con lo spago da cucina e insaporito con rosmarino, finocchio e sale.

Ho scaldato l’olio d’oliva con due-tre spicchi d’aglio non sbucciato in una padella e ho fatto rosolare la carne. L’ho spruzzata con del marsala secco e fatto evaporare. Ho trasferito il tutto nella pentola a pressione e, dal fischio, ho lasciato cuocere per 5-6 minuti.

Intanto, ho lessato delle patate sbucciate per alcuni minuti in un’altra pentola a pressione con poca acqua e sale: la cottura le deve lasciare intere!

Le ho fatte raffreddare un pochino e le ho tagliate a pezzi. Ho scaldato in una padella antiaderente l’ olio d’oliva con l’aglio vestito, e messo giù le patate. Le ho fate rosolare, girandole continuamente e, verso la fine, ho aggiunto un po’ di rosmarino e finocchio.

Ho servito, irrorarando il filetto con il sughetto, contornato dalle patate.

Piatto dal gusto sicuramente tradizionale e non innovativo, ma  ottimo … almeno secondo me!

Filetto al porto

Far scaldare bene in una padella del burro, almeno 40 gr per tre persone. Quando inizia a spumeggiare (mi raccomando attenzione che non bruci!!), mettere due rametti di rosmarino, le fette di filetto di vitello o di suino alte circa due-tre cm, precedentemente spalmate con un po’ di senape. Cuocere velocemente da ambo le parti. Spruzzare ogni fetta con il worcestershire sauce e mezzo bicchiere di porto. Far sfumare velocemente, togliere la carne e metterla in un piatto da portata caldo. Far sobbollire ancora qualche minuto il fondo di cottura, aggiungendo, se piace, un po’ di panna liquida.

Versare la salsa sulla carne e servire subito.

Accompagnare con cipolline in agrodolce e un’insalatina verde tipo valeriana o radicchietto.