Ancora PANDARANCIO

Dopo il primo esperimento, oggi il secondo.
Lettura in rete di molte ricette più o meno simili e alla fine seguendo qui il procedimento e modificando un po’ le dosi è nato questo:

pandarancio

2 arance tarocco bio
4 uova
230 g di zucchero
130 ml di olio di semi (io di mais)
300 g di farina 00
una bustina di lievito istantaneo per dolci

Lavare e pulire bene le arance. Frullare un’arancia e mezzo con la buccia, dopo aver tolto eventuali semi e qualche filamento bianco interno; lasciare l’altra metà per decorare.
Montare le chiare a neve con lo zucchero, aggiungere i tuorli e continuare a montare con le fruste, quindi l’olio a filo, l’arancia frullata e, infine, la farina mescolata con il lievito setacciato.
Imburrare bene uno stampo (io Nordic Ware) e versare l’impasto.
Si possono usare stampi rotondi o da plumcake, come si preferisce.
Cuocere a 160° in forno ventilato per circa 40-45 minuti. Il tempo e la modalità di cottura dipendono, al solito, dal proprio forno.
Far raffreddare e, nel frattempo, preparare in una padella uno sciroppo di acqua e zucchero in pari quantità mettendo insieme le fette di arancia (la metà di arancia lasciata o anche un’altra se serve) e cuocere a fornello basso per una decina di minuti.
Capovolgere il  dolce e versarci sopra lo sciroppo, decorare con le fettine di arance preparate con lo sciroppo e spolverizzare con zucchero al velo.


 

Radicchio tardivo in olio

2 cespi di radicchio tardivo di Treviso

un bicchiere di acqua, un bicchiere di vino bianco, mezzo bicchiere di aceto di vino, un pizzico di sale, qualche bacca di ginepro

Portare a bollore il tutto e mettere le foglie di radicchio precedentemente pulito.
Far bollire circa 5 minuti, scolare e far asciugare.
Condire con olio evo.

Da gustare aspettando almeno un giorno. 

Pizzette semplici

Dieta che prevede la pizza il sabato sera … influenza e poca voglia di impastare per tempo!
Allora PIZZETTE SEMPLICI e VELOCI!

100 g di farina manitoba
200 g di farina 0
2 cucchiai di olio evo
acqua 200 ml, regolarsi per far venire un impasto non troppo idratato e che non abbia bisogno di ulteriore farina nello stenderle
mezzo cucchiaino di sale e mezzo di zucchero
mezza bustina circa di lievito istantaneo per torte salate
Impastare il tutto per 2 minuti nel bimby in modalità spiga e poi ancora un po’ a mano.
Poi riposo dell’impasto coperto con una ciotola rovesciata per circa un’ora sulla spianatoia

Nel frattempo, condire due-tre cucchiai di passata di pomodoro con origano, sale, poco pepe e poco olio e tagliare una mozzarella piccola a dadini mettendola in un colino per far perdere un po’ di liquido.
Stendere l’impasto e tagliare dei dischi di 6 cm circa di diametro e ciascuno ristenderlo con il matterello (2/3 mm di spessore).
Oliare poco una teglia da forno e adagiarvi i dischetti; condire ciascuno con un cucchiaino di pomodoro già preparato ed infornare in forno preriscaldato a 200° per 10 minuti.
Aggiungere la mozzarella e far cuocere ancora per 4-5 minuti.
Servire subito.

Nessuna foto! Sono finite prima che la potessi fare!
p.s.: Ho lasciato 6 dischetti un po’ più alti e non li ho conditi: ottimi per essere farciti con salumi e formaggio.

XML Sitemap