Il TORCOLO di SAN COSTANZO 2018

E anche quest’anno la tradizione perugina, importata a Gubbio, è rispettata!
Ed ecco anche la poesia di Sergio

L’OCCHIOLIN DE SAN GOSTANZO

‘Na ragazzetta sveja gì dal Santo

Per sentì si sposava drento l’anno

“Gostanzo, chiude ‘n occhio! Si me sente

Te fo ‘na festa che s’arcorderanno!”

“I’ l’ chiuderebbe nco”, rispose ‘l Santo

“Che me costa ta me? N’ ho fatte tante

Ma tu prega ch’i chiude tutti due

Quil che te pia, cussì ‘n vede ‘l davante”

TORCOLO San Costanzo

La ricetta è quella del libro di Guglielma Corsi, “Un secolo di cucina umbra” e che posso anche pubblicare, visto che è stata scopiazzata a destra e manca senza citare la fonte! Unica mia variante: ho preparato un lievitino con acqua e farina W330 e l’ho fatto lievitare per circa 4/5 ore. Poi ho impastato tutti gli ingredienti abbondando con i pinoli, uvetta e cedro candito e lasciato lievitare per più di tre ore.

Torcolo di San Costanzo

Ricetta dimezzata

This post has already been read 630 times!

» 322 views   Stampa questo articolo Stampa questo articolo

One thought on “Il TORCOLO di SAN COSTANZO 2018

  1. Armando Bettozzi da Bettona
    pubblicato 3 aprile 2018

    “Maretta…sotto, sotto…E puro sopra…”

    In giro nfra lombrichi e vermi vari
    c’è maretta…c’è odor de ribbellione
    a seguito de’n fatto d’eccezione
    che va a toccà li gusti alimentari…

    Secônno quarche scellerato, infatti,
    la dieta òjo d’uliva e pommidori,
    fettina, ‘n po’ de pasta e vari odori…
    nun va più bbène manco pe li gatti!

    ‘N so chi – li cosi sui ‘n se li sa ffà –
    st’ a mmétte in testa a tutti che li vermi
    sò er cibbo der futuro, e da li schermi
    st’a predicà … st’a ffà pubbricità…

    “Noi scioperàmo…E ‘n fàmo più li buci!
    E senza più li buci, li teréni
    saranno duri e pieni de veleni…
    Basta, perciò, a passà ste idee truci!”

    ‘Na Chianina, che stava pascolànno
    sentènno de ste cose prènne a ddì:
    “A mme ‘n me dite gnènte: io sto qui
    p’ èsse “fiorentina”!…Che ìte cinaciànno…!”…

    E bachi…e grilli…e larve e cavallette
    se méssero a inizzià un casino tale
    che ognuno co quer ciarvèllo gegnàle
    pijò er gran fuggi, fuggi…E più, ‘n potette!

    Armando Bettozzi
    3 gennaio 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pagina 1 di 11

XML Sitemap