la storia DALL’IMPERO DI CAIO MARIO AL PRINCIPATO DI AUGUSTO

Nella guerra contro Giugurta, Re africano, il Senato romano inviò a capo delle truppe CAIO MARIO, un nuovo console di origine laziale.Prima di partire per l’Africa Caio Mario volle fare alcune modifiche all’esercito; decise, infatti, che potevano arruolarsi non solo coloro che avevano disponibilità economiche per comprarsi un’armatura, ma anche i nullatenenti, purchè volontari. inoltre, i soldati che prestavano servizio per sedici anni; sarebbero stati “rimborsati” con denaro e appezzamenti agricoli. Così, con l’esercito rinnovato, Mario partì per l’ Africa, dove riuscì a sconfiggere Giugurta. Tornato in patria, rimase console per 5 anni, nel corso dei quali venne proclamato SALVATORE DELLA PATRIA. Infatti, egli era riuscito a sconfiggere i CIMBRI e i TEUTONI, due popolazioni germaniche che vennero sconfitte i primi nel 101 a. c. presso Vercelli, i secondi  nel 102 a. c.  ad Aque-Sixtiae. in seguto , però, il senato si dimostrò sempre molto ostile verso Mario ed il suo partito di popolari, così decise di ritirarsi momentaneamente dalla politica. In seguito, a Roma, venne ucciso LIVIO DRUSO, un tribuno della plebe, che chiedeva al senato di concedere agli alleati italici la cittadinanza romana. Sparza la notizia, ad Ascoli Piceno scoppiò una rivolta degli alleati, chiamati SOCII. La rivolta, venne messa a tacere da LUCIO CORNELIO SILLA un esponente del senato. L’occasione di scontro tra Silla e Mario, fu la guerra in Oriente contro MITRIDATE, Re del Ponto; quest’ultimo, infatti, aveva ucciso tutti i cittadini italiani e romani che risiedevano nelle provincie d’Asia e Grecia. Il senato aveva affidato l’esercito a Silla, ma i popolari volovano che fosse affidato a Mario. Silla, però, era pronto a partire, ma tornò a Roma per combattere il suo nemico; infine, sconfitto Mario, Silla partì per l’Oriente, dove nell’85 annientò il nemico, costringendolo ad un accordo di pace.Nell’83, tornò a roma, dove usò l’esercito oer sterminare tutti i seguaci di Mario……

…. la lezione sta finendo, aggiornerò molto presto l’articolo sopra!
costy ’90

continuo:
Alla fine dell’82, uscito vincitore anche da questa battaglia, Silla si fece nominare DITTATORE SENZA LIMITI DI TEMPO (quando solitamente un dittatore rimaneva in carica per circa 6 mesi) con potere di LEGIFERARE (emanare leggi).
cCon questi poteri, volle restaurare l’antica Repubblica, restituendo i poteri unicamente al senato e all’aristocrazia. Per  “l’unità dello stato” fece adottare le LISTE DI PROSCRIZIONE con cui chiunque poteva uccidere i suoi avversari ed incamerarne i beni. Introdusse anche altri 300 membri all’interno del senato, portando il loro numero da 600 a 900; tolse ogni potere al tribunato della plebe; abolì la distribuzione di grano a prezzo ridotto; rese più rigido il CURSUS HONORUM; allargò il POMERIUM, ovvero il confine sacro della città, ai fiumi Magra e Rubicone.
Infine,però,il progetto di Silla,insieme alle sue riforme, fu costretto a fallire: il senato non era più in grado di controllare tutti i territori di Roma, a causa della loro espanzione.
Alla morte di Silla, si affermò GNEO POMPEO. Costui, era un uomo nobile e ricco, a cui era stata affidata la missione di placare una rivolta in Spagna. Mentre Pompeo aveva la meglio sui rivoltosi iberici, a Roma vi fu una rivolta di schiavi, messi però a tacere da MARCO LICINIO CRASSO. Molti schiavi furono uccisi, ma molti altri fuggirono al nord, dove vennero intercettati dalle truppe di Pompeo, il quale si sconfisse definitivamente. così, il nuovo generale potè vantare due meriti: la sconfitta dei rivoltosi spagnoli e, insieme a Crasso, lo sterminio degli schiavi insorti in città.Nel 70, Pompeo diventò poi console e si alleò con Crasso e il suo partito di popolari.Molto importante per la carriera di Pompeo, fu la sua vittoria contro i PIRATI. Essi, dalla loro terra, la Cilicia, intercettavano tutte le navi che portavano scorte alimentari a Roma, dove di conseguenza aumentavano i prezzi e vi era pericolo di carestie ed epidemie. Per sconfiggerli, Pompeo fu rivestito, dal senato, da poteri speciali con cui era a comando di tutte le coste del Mediterraneo. questi stessi poteri, gli furono dati in seguito, per annientare definitivamente Mitridate, Re del Ponto, già sconfitto in passato da Silla. grazie a quest’ennesima vittoria, Pompeo riuscì ad estendere il dominio romano anche in Oriente.

Successivamente, tra il 64 ed il 62, troviamo la figura di LUCIO SERGIO CATILINA. Costui, si era candidato come console già due volte, ma con insuccesso; poi, a causa del suo morboso desiderio di diventare console e di cambiare completamente la politica di roma, perse l’appoggio dei suoi sostenitori: Crasso e Cesare. convincendo poi, molta gente che la sua idea fosse giusta, riuscì a mettere in piedi un vero e proprio esercito, con il quale avrebbe voluto attaccare la città di Roma. lLa congiura, famosa appunto come LA CONGIURA DI CATILINA, venne scoperta da CICERONE, e Catilina venne sconfitto, e nel 62 morì a Pistoia.

Il conflitto tra Pompeo ed il Senato, si accentuò quando il generale chise a gran voce alle istituzioni romane, la concessione delle terre ai suoi veterani. Il senato, si oppose e i dissapori tra i due si fecero molto più aspri, ma tra loro emerse una nuova figura: CAIO GIULIO CESARE, parente di Caio Mario e discendente delle GENS IULIA. Cesare propose un’alleanza a Pompeo, la quale si estese poi, anche a Crasso.

I tre, diedero vita al PRIMO TRIUNVIRATO, in cui i protagonisti, chiamati TRIUNVIRI, progettavano di spartirsi i poteri per governare spensieratamente i territori romani. diventato console, cesare mantenna le promesse fatte ai due colleghi, infatti concesse le terre ai veterani di Pmopeo, e abbassò di un terzo il canone sulle imposte asiatiche per favorire Crasso. Per sè, invece volle partire alla conquista della GALLIA CISALPINA su cui da tempo aveva messo occhio.
L’occasione per Cesare non mancò; infatti, gli Elvezi, un popolo germanico, avanzavano ogni giorno di più in prossimità della Gallia, e cesare, sconfiggendoli, si propose DIFENSORE DELLA LIBERTà DEI GALLI. intanto, i suoi legionari acqustavano potere, ed in breve tempo conquistarono il territorio gallico, imponendo l’influenza romana. nel 53, alcuni Galli, guidata da VERCINGETORIGE, insorsero, ma vennero del tutto sconfitti; in quell’oiccasione, la gallia fu completamente sottomessa a Roma.

Spaventato dai grandi poteri di Cesare, il senato chiese aiuto a Pompeo, il quale non potendo ignorare la situazione, passò dalla parte del senato, alleandosi quindo con il nemico. per questo motivo, il triunvirato entrava in crisi e i tre triunviri si riunirono a lecce nel 56. qui fu deciso che cesare sarebbe rimasto in gallia per altri 5 anni, mentre Pompeo sarebbe andato in Spagna, e Crasso in Oriente, per combattere contro i PARTI (dove morì durante una battaglia). I patti però non vennero rispettati da pompoe il quale rimanendo a Roma, entrò in contrasto con Cesare. Così, dopo lo scioglimento del triunvirato, a Roma vi erano ogni giorno spargimenti di sangue tra i seguaci di Cesare e i sostenitori del senato. per questo, pompeo venne nomineto CONSOLE SENZA COLLEGA, ovvero capo assoluto dello stato. Lo scontro, nacque nel 49, quando Cesare entrò a Roma; molti consoli, tra cui pompeo, fuggirono in Grecia, ma qui furono nuovamente attaccati da Cesare e il generale Pompeo fuggì in Egitto. Qui fu assassinato su ordine di TOLOMEO, re egiziano, fratello di CLEOPATRA. arrivato in Egitto, Cesare trovò il gesto di Tolomeo molto vile e si alleò con sua sorella nella contesa tra i due per il trono egiziano. Cesare, oltre che ad aiutare Cleopatra, mirava anche ad assicurarsi il controllo di un paese che era in grande produttore di grano.

 

terza parte:

Successivamente(45a.c.),Cesare si fece nominare DITTATORE SENZA LIMITI DI TEMPO, TRIBUNO DELLA PLEBE E CONSOLE SENZA COLLEGA. Il suo obiettivo, non era quello di instaurare una monarchia, ma quello di riformare lo stato, attuando alcune riforme:
-l’aumento di pretori e questori;
-una tassa che ogni provincia doveva pagare per evitare di essere eccessivamente sfruttata;
-la diminuzione della disoccupazione per i plebei, impiegandoli in lavori pubblici.
In seguito a queste riforme, cesare cercò di evitare ogni piccolo conflitto con il senato e aumentò il suo numero a 900. mise in movimento anche una riforma di pace, graziando tutti i nemici che chidevano perdono. Purtroppo, però, anche questo progetto fallì:parte del senato, infatti, non mise mai da parte l’ostilità e l’odio nei confronti di Cesare, il quale era visto da alcuni (perfino dal figlio adottivo BRUTO), come un tiranno e un nemico della repubblica.Fu proprio quest’ostilità, che portò all’assassinio di Cesare per mano di una congiura,”capeggiata” da CAIO CASSIO e GIUNIO BRUTO,la quale colpì il 15 Marzo 44a.c..Con l’assassinio di Cesare, i congiurati speravano di aiutare la repubblica, avendo sconfitto quello che per loro era un nemico; di tutta risposta, invece, il popolo si schierò contro di loro, a causa del testamento che Cesare aveva scritto, il quale premiava i plebei ed i legionari con 300 monete d’oro ciascuno e lasciava tutta la sua eredità a GAIO OTTAVIO figlio della sorella Giulia.
Il popolo, immensamente grato a cesare per il suo gesto, costrinse i congiurati a fuggire e Cassio e Bruto scapparono in Oriente.
intanto, MARCO ANTONIO, braccio destro di Cesare, era diventato l’uomo politico più importante di Roma, ma fu contrastato da Gaio Ottavio, chiamato poi, OTTAVIANO. Quest’ultimo, lasciò l’epiro per dirigersi a Roma, dove cercò di accaparrarsi la simpatia dell’esercito di Cesare e del SENATO, il quale fu appoggiato da Ottaviano nella guerra contro Marco Antonio, il quale voleva diventare PROCONSOLE della Gallia cisalpina.
Finata la guerra, però, ottaviano decise di riaccostarsi ad Antonio, con il quale stipulò un trattato di pace e mise in atto il SECONDO TRIUNVIRATO. il nuovo accordo, consisteva nella divisione dei poteri, dell’esercito, e dei territori, ed era finalizzato per una nuova costituzione dello stato e la sconfitta dei CESARICIDI.
Così, a Roma comparsero di nuovo le liste di proscrizione (adottate in precedenza anche da Silla),con cui i triunviri sconfissero i congiurati; venne poi organizzata una spedizione in Oriente contro Cassio e Bruto, i quali furono definitivamente annientati nella battaglia di FILIPPI.
Raggiunto il primo obiettivo del triunvirato,tra ottaviano e Antanio emerse la rivalità per la conquista del potere. Così, mentre Ottaviano cercava di guadagnarsi la fadaltà delle truppe distribuendo loro delle terre, Antonio, innamoratosi di cleopatra, si stanziò in Egitto, dove stipulò molte alleanze con le popolazioni vicine. Iniziò un governo molto autonomo e con una concezione di potere, che andava contro le tradizioni e la politica di Roma. Prima di attaccare Antonio, Ottaviano volle infamarlo, spargendo voce che fosse divenuto un estraneo ai costumi e agli interessi di Roma; inoltre si pensava ch’egli volesse formare un impero orientale per sconfiggere quello romano.
la popolarità di Ottaviano, accrebbe quando questo annientò SESTO POMPEO, figlio di Gneo Pompeo il grande nemico di Cesare. In seguito, venne dichiarata guerra a Cleopatra, che ad Azio, fu sconfitta insieme all’esercito di Antonio. Sconfitti, i due fuggirono alla corte di Alessandria dove furono nuovamente attaccati dalle truppe di Ottaviano; qui, Cleopatra ed Antonio, si uccisero in preda alla disperazione. la loro morte, decretò, per Ottaviano, il potere assoluto su tutto l’impero romano.
A seguito della battaglia di Anzio, Ottaviano prese il nome di AUGUSTO e di PRINCEPS SENATUS; con tali titoli, divenne padrone di Roma, e diade il via all’epoca del PRINCIPATO.
Accettato da tutti, era per tutti i romani un punto di riferimento, ma ad egli si poneva un grande problema. Doveva scegliere un successore, ma il compito si fece più arduo quando alcuni dei possibili successori morirono prematuramente. Alla fine, propose TIBERIO, suo figlio adottivo. Alla morte di augusto, costui prese il potere, dando il via alla DINASTIA GIULIO-CLAUDIA. il suo vero padre, era CLAUDIO NERONO, della Gens Claudia, ma fu poi adottato da Augusto (figlio di cesare, a sua volta parente di caio Mario, quest’ultimo discendente di IULO, figlio di Enea), della Gens Iulia.
Tiberio, portò avanti la politica del suo predecessore, senza intraprendere nuove conquiste. Con l’aiuto di suo nipote, Gremanico, annientò i Germanici, stipulò un accordo con il popolo dei Parti a rinunciò al titolo di IMPERATOR. Purtroppo, per anni, cercò la collaborazione del senato, ma questo gli rimase sempre molto ostile.

FINE!!

This post has already been read 47049 times!

» 112.346 views   Stampa questo articolo Stampa questo articolo

11 thoughts on “la storia DALL’IMPERO DI CAIO MARIO AL PRINCIPATO DI AUGUSTO

  1. Brava!!!purtroppo dato che non l’ho studiata ti darò un vero commento la prossima volta quando sarò costretta a farlo per colpa dell’interrogazione!ciao ciao a domani(purtroppo) Titty’90

  2. continuo:

    Alla fine dell’82, uscito vincitore anche da questa battaglia, Silla si fece nominare DITTATORE SENZA LIMITI DI TEMPO (quando solitamente un dittatore rimaneva in carica per circa 6 mesi) con potere di LEGIFERARE (emanare leggi).

    con questi poteri, volle restaurare l’antica Repubblica, restituendo i poteri unicamente al senato e all’aristocrazia. Per ” l’unità dello stato” fece adottare le LISTE DI PROSCRIZIONE con cui chiunque poteva uccidere i suoi avversari ed incamerarne i beni. Introdusse anche altri 300 membri all’interno del senato, portando il loro numero da 600 a 900; tolse ogni potere al tribunato della plebe; abolì la distribuzione di grano a prezzo ridotto; rese più rigido il CURSUS HONORUM; allargò il POMERIUM, ovvero il confine sacro della città, ai fiumi Magra e Rubicone.

    Infine,però,il progetto di Silla,insieme alle sue riforme, fu costretto a fallire: il senato non era più in grado di controllare tutti i territori di Roma, a causa della loro espanzione.

    Alla morte di Silla, si affermò GNEO POMPEO. Costui, era un uomo nobile e ricco, a cui era stata affidata la missione di placare una rivolta in Spagna. Mentre Pompeo aveva la meglio sui rivoltosi iberici, a Roma vi fu una rivolta di schiavi, messi però a tacere da MARCO LICINIO CRASSO. Molti schiavi furono uccisi, ma molti altri fuggirono al nord, dove vennero intercettati dalle truppe di Pompeo, il quale si sconfisse definitivamente. così, il nuovo generale potè vantare due meriti: la sconfitta dei rivoltosi spagnoli e, insieme a Crasso, lo sterminio degli schiavi insorti in città.Nel 70, Pompeo diventò poi console e si alleò con Crasso e il suo partito di popolari.Molto importante per la carriera di Pompeo, fu la sua vittoria contro i PIRATI. Essi, dalla loro terra, la Cilicia, intercettavano tutte le navi che portavano scorte alimentari a Roma, dove di conseguenza aumentavano i prezzi e vi era pericolo di carestie ed epidemie. Per sconfiggerli, Pompeo fu rivestito, dal senato, da poteri speciali con cui era a comando di tutte le coste del Mediterraneo. questi stessi poteri, gli furono dati in seguito, per annientare definitivamente Mitridate, Re del Ponto, già sconfitto in passato da Silla. grazie a quest’ennesima vittoria, Pompeo riuscì ad estendere il dominio romano anche in Oriente.

    Successivamente, tra il 64 ed il 62, troviamo la figura di LUCIO SERGIO CATILINA. Costui, si era candidato come console già due volte, ma con insuccesso; poi, a causa del suo morboso desiderio di diventare console e di cambiare completamente la politica di roma, perse l’appoggio dei suoi sostenitori: Crasso e Cesare. convincendo poi, molta gente che la sua idea fosse giusta, riuscì a mettere in piedi un vero e proprio esercito, con il quale avrebbe voluto attaccare la città di Roma. lLa congiura, famosa appunto come LA CONGIURA DI CATILINA, venne scoperta da CICERONE, e Catilina venne sconfitto, e nel 62 morì a Pistoia.

    il conflitto tra pompeo ed il senato, si accentuò quando il generale chise a gran voce alle istituzioni romane, la concessione delle terre ai suoi veterani. Il senato, si oppose e i dissapori tra i due si fecero molto più aspri, ma tra loro emerse una nuova figura: CAIO GIULIO CESARE, parente di Caio Mario e discendente delle GENS IULIA. Cesare propose un’alleanza a Pompeo, la quale si estese poi, anche a Crasso. I tre, diedero vita al PRIMO TRIUNVIRATO, in cui i protagonisti, chiamati TRIUNVIRI, progettavano di spartirsi i poteri per governare spensieratamente i territori romani. diventato console, cesare mantenna le promesse fatte ai due colleghi, infatti concesse le terre ai veterani di Pmopeo, e abbassò di un terzo il canone sulle imposte asiatiche per favorire Crasso. Per sè, invece volle partire alla conquista della GALLIA CISALPINA su cui da tempo aveva messo occhio. L’occasione per Cesare non mancò; infatti, gli Elvezi, un popolo germanico, avanzavano ogni giorno di più in prossimità della Gallia, e cesare, sconfiggendoli, si propose DIFENSORE DELLA LIBERTà DEI GALLI. intanto, i suoi legionari acqustavano potere, ed in breve tempo conquistarono il territorio gallico, imponendo l’influenza romana. nel 53, alcuni Galli, guidata da VERCINGETORIGE, insorsero, ma vennero del tutto sconfitti; in quell’oiccasione, la gallia fu completamente sottomessa a Roma.

    Spaventato dai grandi poteri di cesare, il senato chiese aiuto a Pompeo, il quale non potendo ignorare la situazione, passò dalla parte del senato, alleandosi quindo con il nemico. per questo motivo, il triunvirato entrava in crisi e i tre triunviri si riunirono a lecce nel 56. qui fu deciso che cesare sarebbe rimasto in gallia per altri 5 anni, mentre Pompeo sarebbe andato in Spagna, e Crasso in Oriente, per combattere contro i PARTI (dove morì durante una battaglia). I patti però non vennero rispettati da pompoe il quale rimanendo a Roma, entrò in contrasto con Cesare. Così, dopo lo scioglimento del triunvirato, a Roma vi erano ogni giorno spargimenti di sangue tra i seguaci di Cesare e i sostenitori del senato. per questo, pompeo venne nomineto CONSOLE SENZA COLLEGA, ovvero capo assoluto dello stato. Lo scontro, nacque nel 49, quando Cesare entrò a Roma; molti consoli, tra cui pompeo, fuggirono in Grecia, ma qui furono nuovamente attaccati da Cesare e il generale Pompeo fuggì in Egitto. Qui fu assassinato su ordine di TOLOMEO, Re egiziano, fratello di CLEOPATRA. arrivato in egitto, Cesare trovò il gesto di Tolomeo molto vile e si alleò con sua sorella nella contesa tra i due per il trono egiziano. cesare, oltre che ad aiutare Cleopatra, mirava anche ad assicurarsi il controllo di un paese che era in grande produttore di grano.

    FINIRò L’ARTICOLO PRIMA POSSIBILE. PROFESSORESSA, LA SAREI GRATA SE POTESSE CAMBIARE IL TITOLO DA “CAIO MARIO E SILLA” A ” DALL’IMPERO DI CAIO MARIO AL PRINCIPATO DI AUGUSTO”. GRAZIE MILLE!!!

  3. successivamente(45a.c.),Cesare si fece nominare DITTATORE SENZA LIMITI DI TEMPO, TRIBUNO DELLA PLEBE E CONSOLE SENZA COLLEGA. Il suo obiettivo, non era quello di instaurare una monarchia, ma quello di riformare lo stato, attuando alcune riforme:

    -l’aumento di pretori e questori;

    -una tassa che ogni provincia doveva pagare per evitare di essere eccessivamente sfruttata;

    -la diminuzione della disoccupazione per i plebei, impiegandoli in lavori pubblici.

    In seguito a queste riforme, cesare cercò di evitare ogni piccolo conflitto con il senato e aumentò il suo numero a 900. mise in movimento anche una riforma di pace, graziando tutti i nemici che chidevano perdono. Purtroppo, però, anche questo progetto fallì:parte del senato, infatti, non mise mai da parte l’ostilità e l’odio nei confronti di Cesare, il quale era visto da alcuni (perfino dal figlio adottivo BRUTO), come un tiranno e un nemico della repubblica.Fu proprio quest’ostilità, che portò all’assassinio di Cesare per mano di una congiura,”capeggiata” da CAIO CASSIO e GIUNIO BRUTO,la quale colpì il 15 Marzo 44a.c..Con l’assassinio di Cesare, i congiurati speravano di aiutare la repubblica, avendo sconfitto quello che per loro era un nemico; di tutta risposta, invece, il popolo si schierò contro di loro, a causa del testamento che Cesare aveva scritto, il quale premiava i plebei ed i legionari con 300 monete d’oro ciascuno e lasciava tutta la sua eredità a GAIO OTTAVIO figlio della sorella Giulia.

    Il popolo, immensamente grato a cesare per il suo gesto, costrinse i congiurati a fuggire e Cassio e Bruto scapparono in Oriente.

    intanto, MARCO ANTONIO, braccio destro di Cesare, era diventato l’uomo politico più importante di Roma, ma fu contrastato da Gaio Ottavio, chiamato poi, OTTAVIANO. Quest’ultimo, lasciò l’epiro per dirigersi a Roma, dove cercò di accaparrarsi la simpatia dell’esercito di Cesare e del SENATO, il quale fu appoggiato da Ottaviano nella guerra contro Marco Antonio, il quale voleva diventare PROCONSOLE della Gallia cisalpina.

    Finata la guerra, però, ottaviano decise di riaccostarsi ad Antonio, con il quale stipulò un trattato di pace e mise in atto il SECONDO TRIUNVIRATO. il nuovo accordo, consisteva nella divisione dei poteri, dell’esercito, e dei territori, ed era finalizzato per una nuova costituzione dello stato e la sconfitta dei CESARICIDI.

    Così, a Roma comparsero di nuovo le liste di proscrizione (adottate in precedenza anche da Silla),con cui i triunviri sconfissero i congiurati; venne poi organizzata una spedizione in Oriente contro Cassio e Bruto, i quali furono definitivamente annientati nella battaglia di FILIPPI.

    Raggiunto il primo obiettivo del triunvirato,tra ottaviano e Antanio emerse la rivalità per la conquista del potere. Così, mentre Ottaviano cercava di guadagnarsi la fadaltà delle truppe distribuendo loro delle terre, Antonio, innamoratosi di cleopatra, si stanziò in Egitto, dove stipulò molte alleanze con le popolazioni vicine. Iniziò un governo molto autonomo e con una concezione di potere, che andava contro le tradizioni e la politica di Roma. Prima di attaccare Antonio, Ottaviano volle infamarlo, spargendo voce che fosse divenuto un estraneo ai costumi e agli interessi di Roma; inoltre si pensava ch’egli volesse formare un impero orientale per sconfiggere quello romano.

    la popolarità di Ottaviano, accrebbe quando questo annientò SESTO POMPEO, figlio di Gneo Pompeo il grande nemico di Cesare. In seguito, venne dichiarata guerra a Cleopatra, che ad Azio, fu sconfitta insieme all’esercito di Antonio. Sconfitti, i due fuggirono alla corte di Alessandria dove furono nuovamente attaccati dalle truppe di Ottaviano; qui, Cleopatra ed Antonio, si uccisero in preda alla disperazione. la loro morte, decretò, per Ottaviano, il potere assoluto su tutto l’impero romano.

    A seguito della battaglia di Anzio, Ottaviano prese il nome di AUGUSTO e di PRINCEPS SENATUS; con tali titoli, divenne padrone di Roma, e diade il via all’epoca del PRINCIPATO.

    Accettato da tutti, era per tutti i romani un punto di riferimento, ma ad egli si poneva un grande problema. Doveva scegliere un successore, ma il compito si fece più arduo quando alcuni dei possibili successori morirono prematuramente. Alla fine, propose TIBERIO, suo figlio adottivo. Alla morte di augusto, costui prese il potere, dando il via alla DINASTIA GIULIO-CLAUDIA. il suo vero padre, era CLAUDIO NERONO, della Gens Claudia, ma fu poi adottato da Augusto (figlio di cesare, a sua volta parente di caio Mario, quest’ultimo discendente di IULO, figlio di Enea), della Gens Iulia.

    Tiberio, portò avanti la politica del suo predecessore, senza intraprendere nuove conquiste. Con l’aiuto di suo nipote, Gremanico, annientò i Germanici, stipulò un accordo con il popolo dei Parti a rinunciò al titolo di IMPERATOR. Purtroppo, per anni, cercò la collaborazione del senato, ma questo gli rimase sempre molto ostile.

    FINE!!

  4. Modestia a parte, ma dopo tutto il tempo che ho impiegato per studiare tutta questa roba, ho fatto proprio un bel lavoro…almeno spero che sia servito alle mie compagne di classe per l’interrogazione!!!

    Costy’90

  5. Costy finalmente posso dirti che hai fatto un lavoro eccellente!!!soprattutto mi è servito per prendere un bel voto…per accontentarmi del tutto dovresti riuscire a farmi capire tutte le altre materie quindi i pomeriggi futuri invece di uscire…buon lavoro. Titty’90

  6. Costy per caso hai anche il riassunto del seguito?? Quello dell’impero di Tiberio….perchè lunedi il prof mi interroga a storia…tvtttttb =)

    Clacli

  7. complimenti….mi e servito tantiss il tuo riassunto…anke se e sempre bn sapere gli approfondimenti,un riassunto o uno skema ben strutturat servono assolutamente….
    grazie ankora…kiss ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pagina 1 di 11

XML Sitemap