LE SIMMETRIE ASSIALI

 

Si definisce simmetria assiale di asse s una trasformazione del piano in sè (una corrispondenza biunivoca) che associa ad ogni punto P un punto P’, tale che il segmento PP’ sia perpendicolare alla retta r e il suo punto medio M stia su s (cioè la retta s è asse del segmento PP’).

Ricaviamo ora le equazioni di alcune simmetrie assiali nel piano cartesiano Oxy

SIMMETRIA RISPETTO ALL’ASSE Y di equazione x = 0

Chiamando ( x, y) le coordinate di P e (u, v) le coordinate di P’ si avrà:

u = -x
v = y

http://www.dokeos.com/campus/dokeos/CLa30b/work/415ede292c558assy.jpg

SIMMETRIA RISPETTO ALL’ASSE X di equazione y = 0

Chiamando ( x, y) le coordinate di P e (u, v) le coordinate di P’ si avrà:

u = x
v = -y

http://www.dokeos.com/campus/dokeos/CLa30b/work/415edf0933abeassx.jpg

 

Se consideriamo una relazione nel piano cartesiano di equazione R(x,y) = 0, essa è simmetrica rispetto all’asse x se si ha:

R(x,y) = R(x,-y)

Se la relazione è una funzione di equazione y = f(x), essa NON PU0′ essere simmetrica rispetto all’asse x perchè ad un valore di x corrispondono due valori distinti di y, in contraddizione con la definizione stessa di funzione.

 


 

Ci poniamo ora questo problema: assegnata una funzione y = f(x) "costruire" sia algebricamente che graficamente, la funzione y = t(x), simmetrica di f(x) rispetto all’asse y e y = g(x), simmetrica di f(x) rispetto all’asse x.

y = t(x) simmetrica di f(x) rispetto all’asse y

Dalle definizioni precedenti di simmetria rispetto all’asse x si deduce che t(x) = f(-x)

http://www.dokeos.com/campus/dokeos/CLa30b/work/41600476d9ac8simmy.bmp

y = g(x) simmetrica di f(x) rispetto all’asse x

Dalle definizioni precedenti di simmetria rispetto all’asse x si deduce che g(x) = – f(x)

http://www.dokeos.com/campus/dokeos/CLa30b/work/416001df44bfasimmx.bmp

Si può osservare che il punto di f(x) appartenente anche all’asse di simmetria (asse x) risulta appartenenente anche alla funzione g(x) (punti uniti o invarianti).

OSSERVAZIONI e CONCLUSIONI:

  • data una funzione essa non può essere simmetrica rispetto all’asse x, ma si può trovare un’altra funzione che sia la sua simmetrica rispetto all’asse x
  • data una funzione essa può :
    essere simmetrica rispetto all’asse y (funzione PARI) e, in questo caso, la "sua" simmetrica rispetto all’asse y è "se stessa"
    – non essere simmetrica rispetto all’asse y, ma si può trovare un’altra funzione che sia la sua simmetrica rispetto all’asse y

     

     

  • This post has already been read 9056 times!

    » 5.731 views   Stampa questo articolo Stampa questo articolo

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Pagina 1 di 11

    XML Sitemap